Anche Shanghai si è candidata per un nuovo ePrix

condivisioni
commenti
Anche Shanghai si è candidata per un nuovo ePrix
Jun Qian
Di: Jun Qian
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Svizzera
15 ott 2016, 09:00

Esponenti della società Juss Event Management, promotrice del Gran Premio di Cina di Formula 1, hanno incontrato Alejandro Agag in loco e puntano ad entrare nel calendario 2017-2018...

Pechino ha ospitato per due anni consecutivi la prova d’apertura del Campionato FIA di Formula E, in questa stagione il privilegio è toccato a Hong Kong in forza di un contratto pluriennale e in uno scenario particolarmente evocativo, ma ciò non significa che altre metropoli cinesi non coltivino il desiderio di avere un ePrix.

È adesso il caso di Shanghai, vista come la capitale economica della Repubblica Popolare Cinese e storicamente attratta da ogni attività motorsport. La notizia è emersa nello scorso week end, allorché Alejandro Agag ha incontrato, nel corso di un meeting definito “molto serio”, la locale sezione della FASC (Federation of Automobile Sports of the People’s Republic of China) nonché alti funzionari della società Juss Event Management, nota ai più per essere il promoter del Gran Premio di Cina di Formula 1. 

La città di Shanghai, per la quale i potenziali organizzatori dichiarano di avere grandi ambizioni per l’avvenire, ha già ospitato due gare cittadine, entrambe nel quartiere di Pudong nonché valide per il DTM: nel 2004, nella zona di Lujiazui, e sei anni più tardi, in prossimità del Museo della Tecnologia.

Il prossimo anno la Cina ospiterà un campionato per monoposto elettriche che sarà promosso proprio dalla Juss Event e si ipotizza che l’ePrix di Shanghai possa far parte del torneo 2017-2018.

Prossimo articolo Formula E

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Jun Qian
Tipo di articolo Ultime notizie