F3, Zandvoort, Gara 3: Hauger domina e ipoteca il titolo

Il pilota della Prema ha dominato l'ultima gara del weekend di Zandvoort ed ha ormai ipotecato il titolo quando al termine della stagione manca soltanto l'appuntamento di Sochi.

F3, Zandvoort, Gara 3: Hauger domina e ipoteca il titolo

La delusione vissuta da Hauger in Gara 2, quando una foratura provocata da Cohen gli ha impedito di finire comodamente a punti, è stato presto cancellata. Il pilota della Prema ha infatti dominato la terza corsa del weekend di Zandvoort ed ha messo già una mano sul titolo.

Il leader del campionato è stato l’unico pilota nell’intero fine settimana a conquistare il successo scattando dalla pole. Hauger ha indovinato lo stacco frizione, ha subito chiuso la porta in faccia a David Schumacher ed ha sfruttato i primi giri per spingere e creare un margine di sicurezza sul tedesco della Trident.

Hauger si è subito portato fuori dalla zona DRS, segnando anche il giro più veloce, mentre Schumacher non è riuscito ad essere incisivo ed ha mostrato una grande sofferenza nel tenere il passo del rivale della Prema.

Per Schumacher, però, le speranze di un arrivo a podio sono svanite improvvisamente a due giri dal termine quando Victor Martins, decisamente più veloce, ha tentato un sorpasso privo di logica all’interno della prima sopraelevata.

Il francese è arrivato lungo ed ha colpito nella posteriore sinistra la Trident di Schumacher spedendo il tedesco a muro.

La direzione gara ha neutralizzato la corsa con Virtual Safety Car per consentire ai commissari di rimuovere la monoposto incidentata, mentre Martins è stato giustamente punito con 10 secondi di penalità retrocedendo così dalla seconda alla decima posizione.

Il contatto finale ha consentito a Novalak e Smolyar di salire in modo inatteso a podio. Il francese della Trident è stato lesto nell’approfittare al via di una partenza poco felice di Doohan per sopravanzare l’australiano e salire in quinta posizione, mentre il russo ha beneficiato del contatto tra Iwasa e Collet per salire in sesta posizione.

Ha deluso Doohan, apparso in sofferenza per l’intero weekend. L’australiano, autore ieri di un grave errore nei giri finali, non è mai sembrato incisivo in questa Gara 3 ed ha preferito puntare ai punti per avere ancora una matematica possibilità di puntare al titolo a Sochi.

Sargeant, Crawford e Vesti hanno chiuso rispettivamente in sesta, settima ed ottava posizione. L’americano della Hitech GP ha comunicato via radio di soffrire fisicamente sin dai primi giri e nulla ha potuto per resistere al connazionale del Charouz Racing System, mentre Vesti, ancora una volta, non ha mai trovato lo spunto necessario per impressionare ed ormai si avvia a concludere una stagione decisamente deludente.

Al termine del penultimo round della stagione Hauger è a un passo dal titolo con 193 punti, mentre Doohan adesso  insegue a 43 punti di distacco. Terzo è Novalak a quota 122 davanti a Martins e Vesti entrambi con 117 punti.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph
1 Norway Dennis Hauger Italy Prema Powerteam 24 -      
2 United Kingdom Clement Novalak Italy Trident 24 5.300 5.300 5.300  
3 Russian Federation Alexander Smolyar France ART Grand Prix 24 6.900 6.900 1.600  
4 Australia Jack Doohan Italy Trident 24 7.100 7.100 0.200  
5 Caio Collet Netherlands MP Motorsport 24 8.700 8.700 1.600  
6 United States Logan Sargeant Czech Republic Charouz Racing System 24 12.000 12.000 3.300  
7 Jak Crawford United Kingdom Hitech Racing 24 13.000 13.000 1.000  
8 Denmark Frederik Vesti France ART Grand Prix 24 14.000 14.000 1.000  
9 Arthur Leclerc Italy Prema Powerteam 24 14.600 14.600 0.600  
10 France Victor Martins Netherlands MP Motorsport 24 15.800 15.800 1.200  
11 Ayumu Iwasa United Kingdom Hitech Racing 24 21.700 21.700 5.900  
12 Amaury Cordeel Spain Campos Racing 24 22.800 22.800 1.100  
13 Czech Republic Roman Staněk United Kingdom Hitech Racing 24 27.200 27.200 4.400  
14 United Kingdom Olli Caldwell Italy Prema Powerteam 24 27.300 27.300 0.100  
15 United Kingdom Jonny Edgar United Kingdom Carlin 24 28.300 28.300 1.000  
16 Ido Cohen United Kingdom Carlin 24 29.800 29.800 1.500  
17 Italy Lorenzo Colombo Spain Campos Racing 24 30.400 30.400 0.600  
18 Australia Calan Williams Switzerland Jenzer Motorsport 24 36.900 36.900 6.500  
19 Filip Ugran Switzerland Jenzer Motorsport 24 39.700 39.700 2.800  
20 United Kingdom Johnathan Hoggard Switzerland Jenzer Motorsport 24 39.800 39.800 0.100  
21 United States Juan Manuel Correa France ART Grand Prix 24 48.300 48.300 8.500  
22 United States Kaylen Frederick United Kingdom Carlin 24 48.500 48.500 0.200  
23 Hunter Yeany Czech Republic Charouz Racing System 24 49.000 49.000 0.500  
24 Zdenek Chovanec Czech Republic Charouz Racing System 24 50.600 50.600 1.600  
25 László Tóth Spain Campos Racing 24 52.700 52.700 2.100  
26 Rafael Villagómez Germany HWA AG 24 53.000 53.000 0.300  
27 Oliver Rasmussen Germany HWA AG 24 58.000 58.000 5.000  
28 Italy Matteo Nannini Germany HWA AG 24 1'25.800 1'25.800 27.800  
  Tijmen van Netherlands MP Motorsport 23 1 lap      
  Germany David Schumacher Italy Trident 21 3 laps      
condivisioni
commenti
F3, Zandvoort: Martins si prende una Gara 2 caotica

Articolo precedente

F3, Zandvoort: Martins si prende una Gara 2 caotica

Prossimo Articolo

F3: Ayrton Simmons rimpiazza Hunter Yeany a Sochi

F3: Ayrton Simmons rimpiazza Hunter Yeany a Sochi
Carica commenti