F3, Ungheria: Lorenzo Colombo rompe il ghiaccio in Gara 1

Il pilota del Campos Racing ha conquistato il primo successo in Formula 3 al termine di una corsa dominata dopo il sorpasso su Edgar. Hauger sempre più leader grazie alla rimonta sino al sesto posto.

F3, Ungheria: Lorenzo Colombo rompe il ghiaccio in Gara 1

Suona l’inno italiano sul podio dell’Hungaroring ed il merito è tutto di Lorenzo Colombo. Il pilota del Campos Racing è stato l’autentico dominatore della prima gara del weekend della Formula 3 ed ha centrato in modo netto il primo successo nella categoria omaggiando così al meglio la memoria del fondatore Adrian Campos.

Colombo ha faticato soltanto in avvio, quando non è stato perfetto allo spegnersi dei semafori, ed ha poi rischiato di terminare in anticipo la sua gara quando Edgar, alla staccata di curva 3, ha allargato volontariamente la traiettoria facendo finire l’italiano sul cordolo.

Lorenzo è stato bravissimo nel mantenere il controllo della monoposto nonostante una manovra oggettivamente sporca ed ha poi messo nel mirino il pilota della Carlin per affondare il colpo all’ottavo passaggio.

Colombo ha affiancato Edgar alla staccata di curva 1 per poi prendere il largo quando la monoposto del rivale si è improvvisamente ammutolita per problemi tecnici.

Preso il comando, il pilota del Campos Racing è riuscito finalmente a prendere il largo mettendo oltre un secondo di gap su Iwasa, ma la fuga dell’italiano è stata neutralizzata al sedicesimo passaggio quando Frederik Vesti è stato costretto al ritiro con il cambio fuori gioco.

Il pilota della ART Grand Prix è uscito dalla monoposto in lacrime, consapevole che questo ritiro lo mette quasi fuori dalla lotta per il titolo, ma fino ad allora Vesti non era riuscito ad essere incisivo ed occupava la nona piazza.

Al diciannovesimo passaggio le operazioni sono riprese e Colombo ha potuto daccapo scappare per poi transitare sotto il traguardo con un margine di tutta sicurezza su Iwasa e poter celebrare un primo, meritatissimo, successo in Formula 3.

Iwasa ha sofferto un rapido degrado delle coperture che gli ha impedito di tenere il ritmo dell’italiano e nel finale ha dovuto controllare negli specchietti un Caldwell scatenato che con questo piazzamento diventa adesso il nuovo rivale principale di Hauger in campionato.

Proprio il leader della classifica può essere considerato, al pari di Colombo, l’uomo di giornata. Scattato dalla dodicesima casella, Hauger è subito riuscito a guadagnare 3 posizioni scavalcando, tra gli altri, Vesti e Doohan, per poi dare spettacolo quando ha superato all’esterno di curva 1 prima Schumacher e poi Smolyar.

Hauger ha così portato a casa ulteriori punti pesanti piazzandosi alle spalle di Sargeant e Novalak e questo pomeriggio in Gara 2 avrà la possibilità di aumentare ancora il vantaggio in classifica potendo scattare da una posizione migliore.

Intensa nel finale la lotta tra David Schumacher e Jack Doohan che ha visto prevalere il tedesco, bravissimo nel difendersi con i denti dall’australiano, mentre Matteo Nannini ha concluso una gara solida centrando il decimo posto.

La pole di Gara 2 è andata ad Enzo Fittipaldi, oggi dodicesimo, che condividerà la prima fila con Roman Stanek.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Italy Lorenzo Colombo Spain Campos Racing 22 -       15
2 Ayumu Iwasa United Kingdom Hitech Racing 22 1.800 1.800 1.800   12
3 United Kingdom Olli Caldwell Italy Prema Powerteam 22 2.000 2.000 0.200   10
4 United States Logan Sargeant Czech Republic Charouz Racing System 22 2.700 2.700 0.700   8
5 United Kingdom Clement Novalak Italy Trident 22 3.200 3.200 0.500   6
6 Norway Dennis Hauger Italy Prema Powerteam 22 3.600 3.600 0.400   5
7 Russian Federation Alexander Smolyar France ART Grand Prix 22 4.900 4.900 1.300   4
8 Germany David Schumacher Italy Trident 22 6.400 6.400 1.500   3
9 Australia Jack Doohan Italy Trident 22 7.500 7.500 1.100   2
10 Italy Matteo Nannini Germany HWA AG 22 7.800 7.800 0.300   1
11 Czech Republic Roman Staněk United Kingdom Hitech Racing 22 8.300 8.300 0.500    
12 Brazil Enzo Fittipaldi Czech Republic Charouz Racing System 22 9.500 9.500 1.200    
13 Arthur Leclerc Italy Prema Powerteam 22 9.600 9.600 0.100    
14 United States Juan Manuel Correa France ART Grand Prix 22 10.500 10.500 0.900    
15 France Victor Martins Netherlands MP Motorsport 22 11.400 11.400 0.900    
16 United Kingdom Jake Hughes United Kingdom Carlin 22 11.900 11.900 0.500    
17 Australia Calan Williams Switzerland Jenzer Motorsport 22 12.200 12.200 0.300    
18 Oliver Rasmussen Germany HWA AG 22 13.600 13.600 1.400    
19 Amaury Cordeel Spain Campos Racing 22 13.700 13.700 0.100    
20 Caio Collet Netherlands MP Motorsport 22 14.200 14.200 0.500    
21 Tijmen van Netherlands MP Motorsport 22 14.500 14.500 0.300    
22 United Kingdom Johnathan Hoggard Switzerland Jenzer Motorsport 22 15.300 15.300 0.800    
23 Rafael Villagómez Germany HWA AG 22 16.600 16.600 1.300    
24 Reshad de Czech Republic Charouz Racing System 22 17.100 17.100 0.500    
25 Filip Ugran Switzerland Jenzer Motorsport 22 18.000 18.000 0.900    
26 Jak Crawford United Kingdom Hitech Racing 22 18.400 18.400 0.400    
27 László Tóth Spain Campos Racing 22 19.600 19.600 1.200    
28 Ido Cohen United Kingdom Carlin 21 1 lap        
29 Denmark Frederik Vesti France ART Grand Prix 15 7 laps        
30 United Kingdom Jonny Edgar United Kingdom Carlin 7 15 laps        
condivisioni
commenti
F3, Ungheria: Vesti arretrato di 3 posizioni in griglia

Articolo precedente

F3, Ungheria: Vesti arretrato di 3 posizioni in griglia

Prossimo Articolo

F3, Ungheria: Colombo penalizzato, Iwasa eredita la vittoria

F3, Ungheria: Colombo penalizzato, Iwasa eredita la vittoria
Carica commenti