F3, Paul Ricard: Vesti torna a ruggire e conquista la pole

Dopo aver deluso le aspettative a Barcellona, Frederik Vesti ha risposto presente in Francia conquistando di forza la pole. Hauger scatterà dalla seconda casella.

F3, Paul Ricard: Vesti torna a ruggire e conquista la pole

Frederik Vesti è tornato. Il pilota della ART Grand Prix, considerato uno dei favoriti per il successo finale, dopo l’opaco weekend di Barcellona è riuscito a riscattarsi al Paul Ricard conquistando di forza la pole per Gara 3.

Vesti ha ottenuto il miglior crono senza ottenere parziali record in nessun settore, ma mettendo insieme un giro estremamente pulito che gli ha consentito di fermare il cronometro sul riferimento di 1’50’’882 e diventare l’unico pilota in grado di scendere sotto il muro dell’1’51’’.

Chi ha dovuto masticare amaro è senza dubbio Dennis Hauger. Il leader del campionato, dopo aver brillato nelle Libere, si è dovuto accontentare del secondo crono con un gap di 1 decimo da Vesti. Hauger ha provato nell’ultimo tentativo a strappare la pole al danese, ma non è riuscito assolutamente a migliorarsi.

La seconda fila si aprirà con Victor Martins che scatterà dalla terza casella. Il francese si è esaltato sul tracciato di casa ed ha confermato di essere uno dei migliori interpreti sul giro secco. Adesso, però, dovrà dimostrare di avere un ottimo passo anche in gara e di aver compreso la gestione delle Pirelli.

Al fianco di Martins prenderà il via dalla quarta posizione Jack Doohan. Il pilota del team Trident ha confermato anche al Paul Ricard di aver trovato un ottimo feeling con la monoposto della scuderia italiana ed ha chiuso la sessione con il crono di 1’51’’165 ed un gap di soli 2 decimi dalla pole.

Anche la terza fila vedrà una alternanza MP Motorsport – Trident. Caio Collet ha infatti firmato il quinto tempo in 1’51’’187 piazzandosi per pochi decimi davanti Clemente Novalak, mentre la quarta fila vedrà scattare dalla settima ed ottava casella Alexander Smolyar e Ayumu Iwasa.

Se il crono del russo non ha fatto notizia, ha invece stupito la performance del giapponese del vivaio Red Bull in grado di chiudere il turno come miglior portacolori della Hitech GP anche se con un ritardo dal tempo firmato Vesti di 6 decimi.

Decisamente positiva la sessione di qualifiche di Juan Manuel Correa. Il pilota della ART Grand Prix, fresco di firma con la Sauber Academy, ha ottenuto il nono crono in 1’51’’503 precedendo per appena 22 millesimi un Logan Sargeant sempre presente.

Peccato per Matteo Nannini, costretto nei secondi finali al tredicesimo tempo dopo aver commesso un errore nell’ultimo tentativo a disposizione che avrebbe potuto consentirgli di entrare in top 10, mentre Lorenzo Colombo ha chiuso la sessione con il diciottesimo tempo.

Sfortuna, infine, per Arthur Leclerc costretto ad alzare bandiera bianca nelle battute iniziali a causa di un contatto che ha messo K.O. la sospensione anteriore sinistra della sua Prema ed obbligato la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph
1 Denmark Frederik Vesti France ART Grand Prix 13 1'50.882     189.671
2 Norway Dennis Hauger Italy Prema Powerteam 12 1'51.063 0.181 0.181 189.362
3 France Victor Martins Netherlands MP Motorsport 12 1'51.122 0.240 0.059 189.262
4 Australia Jack Doohan Italy Trident 12 1'51.165 0.283 0.043 189.189
5 Caio Collet Netherlands MP Motorsport 12 1'51.187 0.305 0.022 189.151
6 United Kingdom Clement Novalak Italy Trident 13 1'51.213 0.331 0.026 189.107
7 Russian Federation Alexander Smolyar France ART Grand Prix 13 1'51.269 0.387 0.056 189.012
8 Ayumu Iwasa United Kingdom Hitech Racing 12 1'51.484 0.602 0.215 188.647
9 United States Juan Manuel Correa France ART Grand Prix 12 1'51.503 0.621 0.019 188.615
10 United States Logan Sargeant Czech Republic Charouz Racing System 13 1'51.525 0.643 0.022 188.578
11 Germany David Schumacher Italy Trident 11 1'51.550 0.668 0.025 188.536
12 Australia Calan Williams Switzerland Jenzer Motorsport 12 1'51.575 0.693 0.025 188.493
13 Italy Matteo Nannini Germany HWA AG 12 1'51.613 0.731 0.038 188.429
14 United Kingdom Olli Caldwell Italy Prema Powerteam 12 1'51.648 0.766 0.035 188.370
15 Tijmen van Netherlands MP Motorsport 13 1'51.669 0.787 0.021 188.335
16 Jak Crawford United Kingdom Hitech Racing 12 1'51.718 0.836 0.049 188.252
17 Czech Republic Roman Staněk United Kingdom Hitech Racing 12 1'51.772 0.890 0.054 188.161
18 Italy Lorenzo Colombo Spain Campos Racing 14 1'51.809 0.927 0.037 188.099
19 Amaury Cordeel Spain Campos Racing 14 1'51.929 1.047 0.120 187.897
20 United Kingdom Johnathan Hoggard Switzerland Jenzer Motorsport 12 1'52.051 1.169 0.122 187.693
21 Brazil Enzo Fittipaldi Czech Republic Charouz Racing System 12 1'52.334 1.452 0.283 187.220
22 United States Kaylen Frederick United Kingdom Carlin 13 1'52.453 1.571 0.119 187.022
23 United Kingdom Jonny Edgar United Kingdom Carlin 13 1'52.453 1.571 0.000 187.022
24 Oliver Rasmussen Germany HWA AG 12 1'52.475 1.593 0.022 186.985
25 Pierre-Louis Chovet Spain Campos Racing 13 1'52.564 1.682 0.089 186.837
26 Reshad de Czech Republic Charouz Racing System 13 1'52.795 1.913 0.231 186.455
27 Filip Ugran Switzerland Jenzer Motorsport 12 1'52.823 1.941 0.028 186.408
28 Rafael Villagómez Germany HWA AG 12 1'52.946 2.064 0.123 186.205
29 Ido Cohen United Kingdom Carlin 13 1'53.023 2.141 0.077 186.078

 

condivisioni
commenti
F3, Paul Ricard: Hauger lascia subito il segno nelle Libere

Articolo precedente

F3, Paul Ricard: Hauger lascia subito il segno nelle Libere

Prossimo Articolo

F3, Paul Ricard: Smolyar si conferma l'uomo di Gara 1

F3, Paul Ricard: Smolyar si conferma l'uomo di Gara 1
Carica commenti