Test Sakhir, Giorno 2: Trident sugli scudi con Arjun Maini

condivisioni
commenti
Test Sakhir, Giorno 2: Trident sugli scudi con Arjun Maini
Di:
22 mar 2018, 15:32

La squadra italiana ha comandato sia in mattinata con l'indiano che nel pomeriggio con Ferrucci, anche se dopo la pausa pranzo i tempi sono stati altissimi. Alle spalle di Maini a fine giornata ci sono Aitken e de Vries, Ghiotto quarto.

Arjun Maini, Trident
Arjun Maini, Trident
Jack Aitken, ART Grand Prix
Jack Aitken, ART Grand Prix
Nyck De Vries, PREMA Racing
Nyck De Vries , PREMA Racing
Luca Ghiotto, Campos Vexatec Racing
Luca Ghiotto, Campos Vexatec Racing
Louis Deletraz, Charouz Racing System
Louis Deletraz, Charouz Racing System
Antonio Fuoco, Charouz Racing System

I piloti della Trident sono stati i mattatori della seconda giornata dei test collettivi della Formula 2 in Bahrain, con Arjun Maini che è stato il più veloce in mattinata, mettendo tutti in fila nella combinata, e Santino Ferrucci a comadandare il turno pomeridiano.

Il pilota indiano è stato il solo capace di infrangere la barriera dell'1'43", staccando un crono di 1'42"779 prima della pausa pranzo. Una prestazione che gli ha permesso di distanziare di poco più di due decimi Jack Aitken della ART Grand Prix.

In terza posizione c'è l'olandese Nick de Vries, che con la monoposto della Prema ha pagato 301 millesimi, mentre in quarta posizione Luca Ghiotto tiene alto il vessillo italiano con la vettura del Campos Racing, staccato a sua volta di poco più di tre decimi.

Lo svizzero Louis Deletraz completa la top 5 34 millesimi più indietro, tallonato a sua volta molto da vicino da George Russell e da Lando Norris. Bisogna invece scorrere la classifica fino all'11esimo posto per trovare l'altro italiano Antonio Fuoco, che paga poco più di sette decimi con la monoposto della Charouz Racing System.

Nonostante sia stato il più veloce nel pomeriggio, in mattinata Ferrucci invece non è riuscito a fare meglio del 17esimo tempo ad oltre un secondo dalla vettura gemella di Maini. Tra le altre cose, dopo la pausa pranzo non ha neppure migliorato il suo riferimento, perché la temperatura si è alzata e con essa i tempi. Anche perché quasi tutti erano impegnati a lavorare sui long run, senza cercare la prestazione pura.

Da segnalare anche un paio di bandiere rosse che hanno animato la giornata, entrambe in mattinata: la prima l'ha causata il vice-campione Artem Markelov, oggi solo 15esimo per la Russian Time, con un testacoda alla curva 8. La seconda invece è stato ad opera di Alexander Albon, rimasto fermo all'ingresso della pitlane con la monoposto della DAMS.

La classifica cumulativa della seconda giornata

Pos.

Pilota

Team

Tempo

1

Arjun Maini

Trident

1:42.779

2

Jack Aitken

ART Grand Prix

1:43.003

3

Nyck de Vries

PERTAMINA PREMA Theodore Racing

1:43.080

4

Luca Ghiotto

Campos Vexatec Racing

1:43.111

5

Louis Delétraz

Charouz Racing System

1:43.145

6

George Russell

ART Grand Prix

1:43.161

7

Lando Norris

Carlin

1:43.212

8

Maximilian Günther

BWT Arden

1:43.315

9

Tadasuke Makino

RUSSIAN TIME

1:43.415

10

Nirei Fukuzumi

BWT Arden

1:43.467

11

Antonio Fuoco

Charouz Racing System

1:43.498

12

Nicholas Latifi

DAMS

1:43.520

13

Roberto Merhi

MP Motorsport

1:43.610

14

Sergio Sette Camara

Carlin

1:43.612

15

Artem Markelov

RUSSIAN TIME

1:43.641

16

Sean Gelael

PERTAMINA PREMA Theodore Racing

1:43.686

17

Santino Ferrucci

Trident

1:43.785

18

Roy Nissany

Campos Vexatec Racing

1:43.971

19

Alexander Albon

DAMS

1:44.001

20

Ralph Boschung

MP Motorsport

1:44.164

 

Prossimo Articolo
Test Sakhir, Giorno 1: De Vries svetta davanti a Deletraz e Ghiotto

Articolo precedente

Test Sakhir, Giorno 1: De Vries svetta davanti a Deletraz e Ghiotto

Prossimo Articolo

Test Sakhir, Giorno 3: Gunther chiude al comando

Test Sakhir, Giorno 3: Gunther chiude al comando
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie