Russell chiude i giochi nella Feature Race di Abu Dhabi conquistando vittoria e titolo

condivisioni
commenti
Russell chiude i giochi nella Feature Race di Abu Dhabi conquistando vittoria e titolo
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
24 nov 2018, 16:10

Il pilota del team ART Grand Prix centra il successo numero sette in stagione e si laurea campione con una gara di anticipo. Albon stalla al via e compromette ogni speranza. Ghiotto è protagonista di una gara superba ed è terzo.

Tadasuke Makino, RUSSIAN TIME
Sergio Sette Camara, Carlin
Sean Gelael, PREMA Racing
Roberto Merhi, Campos Racing
Sean Gelael, PREMA Racing
Nyck De Vries, PREMA Racing
Nicholas Latifi, DAMS
Luca Ghiotto, Campos Racing
Louis Deletraz, Charouz Racing System
Jack Aitken, ART Grand Prix
Louis Deletraz, Charouz Racing System
Dorian Boccolacci, MP Motorsport
Arjun Maini, Trident
Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Dan Ticktum, BWT Arden
Sean Gelael, PREMA Racing
Roberto Merhi, Campos Racing

Missione compiuta per George Russell. Il pilota del team ART Grand Prix, giunto ad Abu Dhabi con un ampio margine in classifica su Alexander Albon, ha messo fine alla lotta per il campionato già nella Feature Race di Yas Marina, conquistando vittoria e titolo.

Russell è stato senza dubbio il miglior prodotto espresso quest’anno dalla categoria propedeutica alla Formula 1. Il bottino di cinque pole position, sette vittorie e quattro giri veloci non può che confermare quanto già visto nella passata stagione, quando il pilota del vivaio Mercedes era riuscito ad imporsi al debutto in GP3 Series.

Russell, ormai pronto per il passaggio in Williams, ha gestito il degrado gomme magistralmente, rallentando il proprio ritmo quando si è trovato alle spalle di un superbo Luca Ghiotto per poi dare la frustata decisiva nel momento in cui l’italiano è entrato al pit.

L’inizio della penultima gara stagionale non è stato, tuttavia, brillante per l’inglese. George, infatti, non è scattato al meglio dalla pole ed è stato immediatamente sopravanzato da Nyck de Vries, ma le operazioni in pista sono state congelate con l’ingresso sul tracciato della safety car a seguito del tremendo incidente che ha visto protagonisti Arjun Maini e Nicholas Latifi.

Il canadese della DAMS, complice una modifica alla centralina, ha stallato alla partenza ed è stato centrato in pieno dalla Trident dell’indiano. Il botto è stato decisamente violento, ma il telaio Dallara ha protetto sia Latifi che Maini usciti senza un graffio dai rispettivi abitacoli.

Il problema accusato da Latifi in partenza, inoltre, è stato riscontrato anche dalla vettura di Albon. Alexander è rimasto piantato in griglia ma, complice l’intervento della safety car, è riuscito a ripartire seppur attardato ma con le speranze di mantenere aperta la lotta per il titolo ridotte al lumicino.

La safety car è tornata ai box al sesto giro e due tornate dopo è iniziato il valzer dei pit stop con Russell primo tra i big a passare alle Pirelli soft.

L’inglese è stato imitato il giro dopo da de Vries ed al passaggio numero 10 da Markelov, mentre Luca Ghiotto, autore di una partenza perfetta dalle retrovie, è riuscito a risalire sino alla prima piazza complice anche il caos iniziale ed la scelta di partire con le Pirelli soft.

Il pilota del team Campos è stato senza dubbio il miglior interprete del degrado degli pneumatici in questa Feature Race gestendo le proprie coperture con la delicatezza di un Markelov.

Purtroppo, come già accaduto questa mattina in GP3, i commissari hanno deciso di penalizzare l’italiano con una penalità di 5 secondi per aver tagliato una chicane e questa sanzione, scontata in occasione del pit tardivo, ha compromesso ogni possibilità di successo per Ghiotto.

Il pilota del team Campos, in ogni caso, non si è arreso di fronte alle difficoltà e dopo essere tornato in pista in quinta posizione, ha avuto la meglio prima su Norris e poi su de Vries riuscendo a conquistare con i denti il terzo gradino del podio alle spalle di Markelov.

De Vries ha sperato sino alla fine di poter conquistare un trofeo, ma nel finale, come spesso gli accade, ha patito il crollo di performance delle proprie coperture ed ha dovuto cedere alla pressione di Markelov.

Lando Norris ha vissuto una gara dai due volti. Bravissimo all’inizio nel risalire dalla settima alla quinta piazza, subito dopo il pit ha regalato spettacolo nella lotta con Albon e Deletraz per il quinto posto, ma ha chiesto troppo alle proprie Pirelli.

Deletraz e Fuoco hanno regalato al Charouz Racing System il sesto e settimo posto, con l’italiano autore di una bella rimonta dopo una qualifica disastrosa, mentre Merhi, Makino ed Aitken hanno completato la top ten con lo spagnolo che domani potrà prendere il via dalla pole grazie alla griglia invertita.

Da segnalare, infine, l’undicesimo posto colto da Dan Ticktum al debutto nella categoria. L’inglese è stato autore di una buona prestazione considerando anche il team, Arden, non di primissimo livello ed ha duellato a lungo con Alexander Albon.

Il tailandese, dopo il dramma della partenza, ha effettuato il pit obbligatorio nel finale di gara ma non è riuscito a fare meglio del quattordicesimo posto ed ha così dovuto rinunciare ad ogni speranza di vittoria del campionato.

Cla   # Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Pits Ritirato Punti Bonus
1   8 United Kingdom George Russell  France ART Grand Prix 29         5   25 4
2   1 Russian Federation Artem Markelov  Russian Federation RUSSIAN TIME 29 3.3       5   18  
3   14 Italy Luca Ghiotto  Spain Campos Racing 29 8.2       5   15 2
4   4 Netherlands Nyck De Vries  Italy Prema Powerteam 29 12.0       5   12  
5   19 United Kingdom Lando Norris  United Kingdom Carlin 29 19.0       5   10  
6   20 Switzerland Louis Délétraz  Charouz Racing System 29 21.9       5   8  
7   21 Italy Antonio Fuoco  Charouz Racing System 29 23.6       5   6  
8   15 Spain Roberto Merhi  Spain Campos Racing 29 27.3       5   4  
9   2 Japan Tadasuke Makino  Russian Federation RUSSIAN TIME 29 27.8       5   2  
10   7 United Kingdom Jack Aitken  France ART Grand Prix 29 32.7       5   1  
11   11 United Kingdom Dan Ticktum  United Kingdom Arden International 29 42.4       5      
12   9 France Dorian Boccolacci  Netherlands MP Motorsport 29 46.3       5      
13   17 Italy Alessio Lorandi  Italy Trident 29 47.8       5      
14   5 Thailand Alexander Albon  France DAMS 29 55.5       4      
15   10 Finland Niko Kari  Netherlands MP Motorsport 29 70.1       5      
16   18 Brazil Sergio Sette Camara  United Kingdom Carlin 29 70.7       5      
17   3 Indonesia Sean Gelael  Italy Prema Powerteam 29 89.9       6      
  dnf 6 Canada Nicholas Latifi  France DAMS   29 laps         Retirement    
  dnf 12 Japan Nirei Fukuzumi  United Kingdom Arden International   29 laps         Retirement    
  dnf 16 India Arjun Maini  Italy Trident   29 laps         Retirement

 

Prossimo Articolo
Russell brilla nella notte di Abu Dhabi e conquista la pole numero cinque in stagione

Articolo precedente

Russell brilla nella notte di Abu Dhabi e conquista la pole numero cinque in stagione

Prossimo Articolo

Russian Time termina la sua avventura in Formula 2 e mette in vendita il team

Russian Time termina la sua avventura in Formula 2 e mette in vendita il team
Carica commenti

Su questo articolo

Serie FIA F2
Evento Abu Dhabi
Piloti George Russell
Team ART Grand Prix
Autore Marco Di Marco