Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista
FIA F2 Barcellona, test di marzo

Rowland: "Io favorito per il titolo? Si, ma insieme a Ghiotto e Leclerc"

Il britannico sembra aver trovato nel team DAMS la giusta dimensione per affrontare al meglio la stagione di F.2 e confermare il potenziale visto in WSR nel 2015. Per Rowland i rivali più accreditati saranno Luca Ghiotto e Charles Leclerc.

Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS

La prima sessione di test collettivi della Formula 2 in corso di svolgimento sul circuito di Barcellona ha visto il team DAMS costante protagonista durante i primi due giorni. 

Nicholas Latifi ha chiuso il lunedì con il decimo tempo per poi salire sino al quarto posto al termine del secondo giorno, mentre il suo compagno di team, il neo acquisto Oliver Rowland, ha ottenuto il sesto ed il settimo riferimento cronometrico al termine delle prime due sessioni.

Al termine della seconda giornata abbiamo scambiato due chiacchiere con il britannico facendo il punto della situazione all'inizio di una stagione che lo attende al riscatto dopo un 2016 non particolarmente brillante.

Oliver, potresti descrivere il tuo feeling con la vettura e con il nuovo team dopo questi primi due giorni di test?
"Sto avendo delle sensazioni positive e sono già a mio agio con i membri della squadra. Ho trascorso del tempo a Le Mans per preparare la stagione. Ci sono ovviamente degli aspetti che dobbiamo sistemare per poter migliorare, ma al momento posso dire che tutto sta andando per il meglio".

In questi primi due giorni vi siete concentrati sul passo gara o sul giro veloce?
"Credo che tutti i team si siano concentrati sia sul primo che sul secondo aspetto per cercare di migliorare entrambi, ma al momento nessuno sta svelando il proprio potenziale. Il long run che ho svolto oggi è andato molto bene ed ho cercato di percorrere il maggior numero di giri possibile per prendere ancora più confidenza con la vettura. Credo che oggi sia stata presa la giusta direzione da percorrere per il resto della stagione".
 
In una precedente intervista con Luca Ghiotto il pilota del Russian Time ti ha indicato come il favorito per questa stagione. Accetti questa candidatura e chi vedi come rivale più accreditato per il titolo?
"Ovviamente non è una domanda semplice a cui rispondere, ma credo di essere assolutamente in grado di poter conquistare il titolo anche se la F.2 non è certamente una categoria dove è semplice riuscire ad avere le giuste performance in modo costante. Per quanto riguarda i miei rivali al momento posso indicare il duo della ART Grand Prix, quello del Russian Time e i due della Prema. Se dovessi indicare dei nomi direi Leclerc, Ghiotto e Markelov".
 
Però non hai nominato Malja e Deletraz del Racing Engineering.....
"Si, non saprei farmi un'idea sulle loro performance al momento. Deletraz si è comportato molto bene lo scorso anno in Formula V8 3.5 anche se il livello della categoria nel 2016 non era paragonabile a quello delle passate stagioni. Malja ha fatto vedere delle buone cose lo scorso anno con il team Rapax. Credo che prima di dire se saranno in grado di lottare per il titolo bisognerà capire quanto saranno costanti".
 
Hai avuto un 2015 incredibile in WSR conquistando anche il record di vittorie stagionali poi, nel 2016, sei approdato in GP2 in un team non al top come MP Motorsport. Puoi spiegarci cosa ha influenzato questa scelta?
"Al termine della stagione in World Series ho svolto i test GP2 di Abu Dhabi al volante di ART, Prema e DAMS e uno di questi tre team sarebbe stato quello per il quale avrei dovuto guidare nel 2016. Purtroppo ci sono stati degli imprevisti nelle trattative e con l'inizio della stagione ormai alle porte ho firmato con MP Motorsport. Forse non è stata la decisione migliore, ma ormai è alle spalle e penso solo alla grande opportunità che mi ha dato DAMS quest'anno".
 
Nelle categorie minori si stanno mettendo in luce piloti del calibro di Aitken, Hughes e Norris. Come mai, secondo te, l'Inghilterra può vantare un vivaio così valido?
"Tutto parte già dai kart. In Inghilterra il livello è altissimo, le gare sono molto combattute e c'è poca politica riguardo i motori o il numero di test. Credo che quando Hamilton sia arrivato in Formula 1 ci sia stato un momento di eccitazione generale che abbia spinto molti ragazzi a tentare la strada del motorsport, e questo è combaciato anche con un periodo florido per l'economia in Gran Bretagna . Al momento ho un mio team nelle categorie cadette e sto cercando di far crescere dei giovani piloti ed indirizzarli al meglio".
 
Hai avuto modo di seguire i test di Formula 1? Cosa ne pensi delle nuove vetture?
"Ovviamente ho seguito i test dato che lo scorso anno ho svolto parecchie sessioni al simulatore per la Renault sulla vettura 2017. Lo stile delle nuove auto è molto bello ed è positivo che sia aumentata la downforce. Come carico aerodinamico credo che ci si sia avvicinati ai livelli della WSR anche se la differenza di potenza tra le due categorie resta notevole. Al momento non saprei dire quale team sia favorito dato che non sai mai chi si nasconde durante i test, ma la Ferrari mi è sembrata competitiva, specie dopo il giro record di Kimi. Ovviamente non posso sottovalutare la Mercedes, mentre la Red Bull è una incognita a causa del motore. Anche la Renault ha fatto degli ottimi progressi specialmente in occasione degli ultimi due giorni di test".
 
Se ti arrivasse l'offerta di poter disputare un test in Formula 1 credi di avere la preparazione fisica adatta per poterlo sostenere visto l'elevato carico aerodinamico delle nuove vetture?
"Direi proprio di si. Le monoposto di F.2 hanno uno sterzo notevolmente più pesante della F.1, quindi sarei già pronto a salire in macchina. L'unico punto interrogativo riguarda il collo perché è difficile da allenare e puoi soltanto abituare la muscolatura effettuando dei giri in auto".
 
Se potessi scegliere una vettura di F.1 del 2017 per poter disputare una gara quale sceglieresti?
"Ovviamente la più veloce. Probabilmente direi una Mercedes".

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Test Barcellona, Day 2: ART mantiene la vetta con Albon
Prossimo Articolo Test Barcellona, Day 3: Nato e Rowland dominano la sessione mattutina

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia