Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
FIA F2 Bahrain

Pazzesco Leclerc! Rimonta dopo la sosta e vince Gara 2 a Sakhir!

Incredibile vittoria del rookie della Prema. Dopo un pit inatteso ha girato 4'' al giro più veloce ed ha rimontato dal 15° al primo posto. Ottimo secondo posto di Luca Ghiotto davanti a Rowland. Fuoco chiude decimo dopo una bella gara.

Charles Leclerc, PREMA Racing
Podium: race winner Charles Leclerc, PREMA Racing, second place Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME, third pl
Podium: race winner Charles Leclerc, PREMA Racing, second place Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME, third pl
Race winner Charles Leclerc, PREMA Racing
Race winner Charles Leclerc, PREMA Racing
Start: Charles Leclerc, PREMA Racing leads
Start: Charles Leclerc, PREMA Racing leads
Start: Charles Leclerc, PREMA Racing leads
Charles Leclerc, PREMA Racing
Charles Leclerc, PREMA Racing
Charles Leclerc, PREMA Racing
Charles Leclerc, PREMA Racing
Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME
Podium: third place Charles Leclerc, PREMA Racing
Second place Norman Nato, Pertamina Arden, third place Charles Leclerc, PREMA Racing
Ralph Boschung, Campos Racing
Stefano Coletti, Campos Racing

E' stata una Gara 2 semplicemente incredibile quella andata in scena sul tracciato di Sakhir ed il merito è tutto di Charles Leclerc e del team Prema.

Il monegasco si è reso protagonista di una rimonta incredibile dopo un pit inatteso per montare le gomme soft e, grazie ad un ritmo impressionante, è riuscito a risalire dalla quindicesima posizione per conquistare una vittoria che entra di diritto nella storia della categoria.

La partenza ha visto subito assente il poleman Matsushita, costretto ad avviarsi dalla pit lane per problemi sulla sua ART Gran Prix riscontrati nel giro di posizionamento in griglia. Ha così avuto via libera Luca Ghiotto, leggermente penalizzato dal posizionamento sul lato meno gommato della pista.

Il pilota del Russian Time è stato infatti affiancato in partenza da Albon, ma ha resistito al rookie del team ART prendendo subito il comando delle operazioni, mentre alle loro spalle Leclerc si è reso protagonista di un ottimo avvio che l'ha proiettato dalla sesta alla terza posizione.

La seconda gara del weekend è stata subito neutralizzata dalla safety car chiamata in causa a seguito dell'uscita di pista di Nato dovuta ad una foratura alla posteriore destra del francese causata da un leggero contatto con Rowland.

Al restart Ghiotto ha mantenuto la prima posizione mentre Leclerc ha subito passato Albon. Il tailandese è sembrato in difficoltà con la gestione delle gomme ed ha dovuto cedere successivamente la terza posizione ad Oliver Rowland.

In testa alla corsa si è assistito al sorpasso di Leclerc su Ghiotto al nono giro. Il pilota del team Prema, dopo aver preso il comando delle operazioni, ha iniziato a creare un buon gap sull'italiano, facendo soprattutto la differenza nel secondo settore.

Il colpo di scena del secondo appuntamento del weekend è arrivato al giro numero 15 quando Leclerc è entrato inaspettatamente ai box per montare le gomme soft. Una strategia decisamente azzardata, quella concordata dal monegasco e dal team Prema, ma che alla fine ha pagato ed ha regalato una gara incredibile.

Leclerc, infatti, è uscito dalla corsia box in quindicesima posizione ed ha iniziato a martellare costantemente sul cronometro per ridurre il gap di oltre venti secondi dai primi. 

Charles ha guidato come un veterano e si è reso protagonista di una rimonta pazzesca che l'ha visto sopravanzare nell'ordine Deletraz, Canamasas, Cecotto, Albon, De Vries, Fuoco e Latifi per portarsi così in terza posizione alle spalle di Ghiotto e Rowland quando al termine della gara mancavano solamente tre giri.

Leclerc ci ha sempre creduto, coadiuvato non solo dal suo piede destro ma anche dalle Pirelli soft, ed ha piazzato la zampata decisiva all'ultimo giro superando prima Rowland e successivamente Luca Ghiotto e ottenendo in questo modo la prima vittoria all'esordio nella categoria.

Una rimonta incredibile che non deve comunque far passare in secondo piano la splendida prova, ed il meritatissimo secondo posto, di Luca Ghiotto.

Il pilota del Russian Time, al suo secondo anno nella serie, ha fornito una vera e propria lezione di gestione degli pneumatici, non forzando mai nelle fasi iniziali per poi pressare Rowland nei giri conclusivi e prendere il comando al giro numero 22.

Luca avrebbe certamente meritato la vittoria, ma nulla ha potuto contro le gomme più fresche di Leclerc, mentre Rowland ha riscattato l'opaca prova fornita in Gara 1 cogliendo il terzo gradino del podio concludendo ad oltre un secondo da Ghiotto dopo aver patito non poco il degrado nei giri conclusivi.

Il team DAMS può ritenersi soddisfatto anche del quarto posto centrato da Latifi, bravo a precedere un Jordan King in grande spolvero in questo primo weekend stagionale.

Sorride anche il team Rapax grazie alla sesta piazza ottenuta da Nick De Vries. Il rookie olandese è stato bravo a prevalare nella lotta ravvicinata con Albon giunto in scia a mezzo secondo, mentre decisamente più attardato ha concluso Artem Markelov.

Il russo, dopo aver colto il succesos in Gara 1, ha scelto di partire con le gomme soft. Una scelta incomprensibile e che non ha pagato. Markelov, infatti, dopo essere risalito nelle battute iniziali sino al terzo posto, ha effettuato la sosta al giro numero dieci uscendo dalla pit lane in sedicesima posizione.

Johnny Cecotto ed Antonio Fuoco hanno completato la top ten, ma la gara dell'italiano merita di essere apprezzata nonostante il piazzamento finale.

Antonio ha infatti fornito una prestazione decisamente diversa rispetto a Gara 1, riuscendo nelle fasi iniziali a risalire sino alla seconda posizione e regalando un bellissimo duello sia con Ghiotto che con King, riuscendo a sopravanzare quest'ultimo con un sorpasso capolavoro all'esterno di Curva 4.

Purtroppo il pilota del team Prema ha chiesto troppo alle sue Pirelli durante la gara ed il degrado l'ha fatto retrocedere sino alla decima posizione conclusiva.

Al termine del primo appuntamento della stagione Leclerc si trova al comando della classifica piloti con 36 punti, seguito da Artem Markelov con 28, Oliver Rowland con 20 e Luca Ghiotto a quota 18 a pari merito con Nato e King.

 

 

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Gara 1: Markelov gioca di strategia e centra il successo a Sakhir
Prossimo Articolo La colonna di Leclerc: da quattordicesimo al primo successo in F2

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia