Matsushita precede Rowland e conquista il successo in Gara 2 a Budapest

Il giapponese della ART domina dal primo all'ultimo giro. Rowland recupera nel finale e chiude secondo davanti a De Vries, mentre Leclerc, con problemi al cambio, resiste in quarta posizione. Ghiotto in crisi di gomme chiude 8°.

E' stato un dominio netto quello messo in mostra da Nobuharu Matsushita sul tracciato dell'Hungaroring. Il giapponese della ART Grand Prix ha infatti condotto le operazioni dal primo all'ultimo giro grazie ad una partenza fenomenale che lo ha proiettato dalla quarta alla prima posizione, complice anche un avvio decisamente infelice del poleman Albon e di Norman Nato dalla seconda casella.

Oltre a Matsushita, anche Ghiotto è stato abile nel salire subito di posizioni e portarsi alle spalle del giapponese seguito da De Vries, Rowland e Leclerc, ma nessuno di questi piloti è mai stato in grado di impensierire il pilota della ART Grand Prix che ha condotto le operazioni in scioltezza sino alla bandiera a scacchi.

Alle spalle di Matsushita troviamo Rowland sul secondo gradino del podio. Il britannico è riuscito a gestire al meglio le proprie Pirelli ed ha sopravanzato dapprima un Ghiotto in totale crisi di gomme al ventunesimo giro, per poi regalare alla penultima tornata una manovra capolavoro, all'esterno di curva 3, nei confronti di De Vries completando in questo modo un weekend praticamente perfetto.

L'olandese della Rapax ha replicato il risultato ottenuto in Gara 1, mostrando un ottimo feeling con il tracciato ungherese e riuscendo a lasciare ai piedi del podio un Charles Leclerc protagonista di una gara complessa causa problemi al cambio.

Il leader del campionato ha lamentato queste difficoltà già a partire dal diciannovesimo giro ed è stato bravissimo nelle tornate finali nel resistere alla pressione di un Nato in grande rimonta conquistando un quarto posto che vale quanto una vittoria.

Nato ha molto da recriminare vista la seconda posizione in griglia. La partenza al rallentatore è costata un podio al pilota del team Arden, ma il francese è stato capace di mostrare i muscoli in gara regalando spettacolo nel duello con Latifi per la quinta posizione.

Altro deluso di giornata è senza dubbio Alexander Albon. Il tailandese aveva la grande occasione di cogliere il primo successo in Formula 2 grazie alla partenza dalla pole, ma un avvio pessimo lo ha visto retrocedere di molte posizioni.

Albon ha così navigato sempre lontano dalla testa della gara e solo nel finale è riuscito a precedere un Luca Ghiotto in crisi nera di gomme.

L'italiano del Russian Time non ha mostrato lo stesso ritmo di Matsushita quando si trovava alle spalle del giapponese nelle battute iniziali, ma si è visto costretto a rinunciare ad un podio ormai certo quando ha accusato un crollo improvviso di aderenza che lo ha fatto precipitare sino all'ottava posizione.

Markelov e Sean Gelael hanno completato la top ten con il russo capace di tornare in macchina dopo il violento botto di ieri e fornire una prestazione di tutto rispetto dopo essere scattato dal fondo della griglia.

Ancora una volta sfortuna nerissima per Fuoco. Il pilota del team Prema si è visto costretto ad un passaggio in pit lane per delle modifiche sulla sua vettura ed il giro veloce conquistato nel finale è solo una magra consolazione.

Alla conclusione della trasferta ungherese, Leclerc continua a mantenere la prima posizione in classifica con 208 punti precedendo di 50 lunghezze Oliver Rowland, mentre Markelov segue distaccato in terza posizione a quota 123.

La classfica riservata ai team vede la DAMS prendere il largo con 273 punti, seguita da Prema a quota 231 e Russian Time a 218.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   7 japan Nobuharu Matsushita france ART Grand Prix 28 44'52.900     163.935     15  
2   9 united_kingdom Oliver Rowland  france DAMS 28 44'57.207 4.307 4.307 163.673     12  
3   18 netherlands Nick de Vries  italy Rapax 28 45'00.043 7.143 2.836 163.501     10  
4   1 monaco Charles Leclerc  italy Prema Powerteam 28 45'04.535 11.635 4.492 163.229     8  
5   20 france Norman Nato  united_kingdom Arden International 28 45'05.358 12.458 0.823 163.180     6  
6   10 canada Nicholas Latifi  france DAMS 28 45'06.385 13.485 1.027 163.118     4  
7   8 thailand Alexander Albon  france ART Grand Prix 28 45'09.654 16.754 3.269 162.921     2  
8   5 italy Luca Ghiotto  russia RUSSIAN TIME 28 45'17.743 24.843 8.089 162.436     1  
9   6 russia Artem Markelov  russia RUSSIAN TIME 28 45'18.477 25.577 0.734 162.392 1     2
10   21 india Sean Gelael  united_kingdom Arden International 28 45'26.787 33.887 8.310 161.897        
11   15 united_kingdom Jordan King  netherlands MP Motorsport 28 45'28.670 35.770 1.883 161.786        
12   3 switzerland Louis Délétraz  spain Racing Engineering 28 45'28.723 35.823 0.053 161.782 1      
13   14 brazil Sergio Sette Camara  netherlands MP Motorsport 28 45'34.747 41.847 6.024 161.426        
14   17 united_states Santino Ferrucci  italy Trident 28 45'35.022 42.122 0.275 161.410        
15   16 malaysia Nabil Jeffri  italy Trident 28 46'19.847 1'26.947 44.825 158.807 1      
16   11 switzerland Ralph Boschung  spain Campos Racing 27 45'35.649 1 giro 1 giro 155.608        
17   2 italy Antonio Fuoco  italy Prema Powerteam 27 45'43.321 1 giro 7.672 155.172 1      
  dnf 4 sweden Gustav Malja  spain Racing Engineering 23 46'15.591 5 giri 4 giri 130.639 2 Ritirato    
  dnf 19 spain Sergio Canamasas  italy Rapax 21 33'15.329 7 giri 2 giri 165.917   Ritirato    
  dnf 12 romania Robert Visoiu  spain Campos Racing 20 31'04.029 8 giri 1 giro 169.143   Ritirato
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati FIA F2
Evento Hungaroring
Circuito Hungaroring
Piloti Nick de Vries , Oliver Rowland , Nobuharu Matsushita
Team ART Grand Prix
Articolo di tipo Gara