Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
40 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

La FIA valuta la Superlicenza anche per F2 e F3

condivisioni
commenti
La FIA valuta la Superlicenza anche per F2 e F3
Di:
Co-autore: Scott Mitchell
Tradotto da: Matteo Nugnes
4 dic 2019, 17:28

Jean Todt afferma che la FIA sta discutendo l'introduzione di una Superlicenza a punti in stile Formula 1 anche per le serie minori delle monoposto.

Il sistema di Superlicenza è stato introdotto in Formula 1 nel 2015, in parte come reazione al debutto di Max Verstappen con la Toro Rosso all'età di appena 17 anni.

Il sistema offriva una tabella di punti assegnati in base al piazzamento in numerosi campionati importanti, inoltre imponeva di aver compiuto i 18 anni di età, ma di aver corso anche per due stagioni in monoposto prima di poter ottenere l'ok a correre in Formula 1.

Durante il fine settimana di Abu Dhabi, dopo che Mahaveer Raghunathan ha rimediato ben 24 punti di penalità sulla licenza, il presidente della FIA è intervenuto sull'argomento.

Raghunathan, inoltre, è il solo pilota ad essere stato squalificato per una gara per aver accumulato i 12 punti di penalità, da quando questo sistema è stato introdotto nel 2014. E poi ha raddoppiato nel weekend di Abu Dhabi, ma ha evitato la squalifica per un cavillo.

Quando gli è stata fatta notare la situazione del pilota della MP Motorsport, Todt ha detto: "Credo che ciò che abbiamo fatto con la Superlicenza in F1, sia qualcosa che dobbiamo applicare anche alle categorie inferiori, come Formula 4, Formula 3 e Formula 2".

"E' un tema che dobbiamo affrontare, perché sono vetture molto competitive, molto veloci, che fanno gare ruota a ruota".

Tuttavia, l'idea ha ricevuto pareri contrastanti quando è stata lanciata nel paddock della F2 da Motorsport.com.

La maggior parte delle squadre si è detta favorevole ad innalzare lo standard dei piloti, ma alcuni hanno anche sottolineato la necessità di alcuni team di schierare un pilota magari meno abile, ma che dispone di un sostegno finanziario.

Todt non ha dato ulteriori dettagli, ma ha confermato ad un piccolo numero di media, compresa Motorsport.com, che l'idea è sul tavolo e che è presa in considerazione molto seriamente.

"E' qualcosa che stiamo prendendo in considerazione per il futuro" ha aggiunto. "Ne abbiamo parlato internamente ed anche di recente, ma è un argomento che è sul tavolo".

Prossimo Articolo
Formula 2: Sean Gelael e Dan Ticktum arrivano in DAMS

Articolo precedente

Formula 2: Sean Gelael e Dan Ticktum arrivano in DAMS

Prossimo Articolo

Test F2 Abu Dhabi, Giorno 1: Deletraz precede Armstrong

Test F2 Abu Dhabi, Giorno 1: Deletraz precede Armstrong
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie FIA F2
Autore Jack Benyon