Rossi regola Vandoorne e vince Gara 1 a Monza

DAMS rovina la gara di Nato, Lynn quella di Sirotkin e i due ne approfittano. Che rimonta di Mitch Evans!

L'Autodromo Nazionale di Monza ha regalato questo pomeriggio una gara di GP2 piena di colpi di scena, con continui cambi di leadership a causa di errori macroscopici e gravi, incidenti, lotte e sorpassi. 

Allo sventolare della bandiera a scacchi, che ha ancito la fine di Gara 1 al termine dei trenta giri previsti, ad alzare la mano al cielo è stato Alexander Rossi, bravissimo nella seconda parte di gara a rimontare decimi su decimi a Stoffel Vandoorne e a superarlo al giro numero 24, per poi prendere un margine rassicurante e condurre in porto una gara che di certo non riaprirà il campionato piloti, ma sarà un'ulteriore iniezione di fiducia per il pilota statunitense. 

Stoffel Vandoorne è stato molto intelligente, gestendo bene la propria posizione senza mai eccedere in manovre che avrebbero potuto metterlo in pericolo e costringerlo a un ritiro che sarebbe stato dannoso per la sua rincorsa al titolo piloti. Il belga ha così preferito dare via libera allo statunitense perdendo pochi punti in classifica, così da poter poi puntare a un gran risultato anche domani. 

Da segnalare la meravvigliosa rimonta attuata da Mitchell Evans. Il pilota neozelandese del team Russian Time si era visto cancellare il secondo tempo delle Qualifiche a causa dell'errata pressione dei suoi pneumatici ed è dovuto partire dal fondo. Così Mitch ha compiuto una gara tutta d'attacco, arrivando a ridosso del podio a pochi giri dalla fine. Al penultimo passaggio ha messo nel mirino Arthur Pic, passandolo alla Prima Variante e cogliendo un podio meritato. 

Le prime tre posizioni del podio avrebbero però potuto essere occupate da altri tre piloti, i quali sembravano poter dominare la corsa senza problemi. Pierre Gasly, scattato dalla pole, era infatti in testa senza pressione da parte degli avversari quando, al primo pit stop, un meccanico del team DAMS ha avvitato male la gomma posteriore destra, costringendolo a rientrare e a perdere una vittoria che sembrava certa. 

Ereditata la prima posizione da Gasly, Sergey Sirotkin aveva iniziato a condurre la corsa con autorità, siglando crono molto interessanti. Al tredicesimo passaggio, però, Alex Lynn ha doppiato un pilota sul rettilineo principale del tracciato monzese, arrivando lungo alla prima variante e centrando la vettura del russo, che era ormai intenta a compiere la esse. Inutile dire che, sia Gasly che Sirotkin sono stati costretti a dare forfait e a ritirarsi.

Così, al quarto posto si è classificato Richie Stanaway, bravo a passare Arthur Pic proprio all'ultimo giro, con il francese che ha chiuso in settima posizione assoluta. Artem Markelov ha invece usufruito della penalità inflitta a Norman Nato per chiudere in quinta posizione, proprio davanti al transalpino della Arden International.

Ottavo posto per Jordan King, il quale si è messo alle spalle Robert Visoiu e René Binder, con quest'ultimo che ha completato la Top Ten. Gara da dimenticare per Raffaele Marciello. Il nostro connazionale ha chiuso la gara in quindicesima posizione dopo un contatto nelle prime fasi di gara che ne ha condizionato il prosieguo. 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati FIA F2
Evento Monza
Circuito Monza
Piloti Alexander Rossi , Mitch Evans , Stoffel Vandoorne
Team Racing Engineering
Articolo di tipo Ultime notizie