Gara 1: vittoria col giallo per Rowland, Leclerc rimonta ed è 4°

condivisioni
commenti
Gara 1: vittoria col giallo per Rowland, Leclerc rimonta ed è 4°
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
29 lug 2017, 15:41

Il britannico vince ma è protagonista della violenta uscita di pista di Markelov ed è sotto investigazione dei commissari. Latifi e De Vries completano il podio, mentre Leclerc regala una rimonta incredibile e chiude in quarta posizione.

Il vincitore Oliver Rowland, DAMS
Nyck De Vries, Rapax
Nicholas Latifi, DAMS
Nicholas Latifi, DAMS
Nicholas Latifi, DAMS
Il poleman Charles Leclerc, PREMA Powerteam, il secondo qualificato Oliver Rowland, DAMS
Nyck De Vries, Rapax
Gustav Malja, Racing Engineering
Raffaele Marciello, Trident
Alexander Albon, ART Grand Prix
Jordan King, MP Motorsport
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Raffaele Marciello, Trident. e Gustav Malja, Racing Engineering
Raffaele Marciello, Trident. e Gustav Malja, Racing Engineering
Raffaele Marciello, Trident. e Gustav Malja, Racing Engineering
Oliver Rowland, DAMS
Nyck De Vries, Rapax
Nyck De Vries, Rapax
Nyck De Vries, Rapax
Oliver Rowland, DAMS
Jordan King, MP Motorsport
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Artem Markelov, RUSSIAN TIME

Dopo la squalifica di Leclerc, Oliver Rowland aveva una grandissima chance e non l'ha assolutamente sprecata. Il pilota della DAMS, ereditata la pole position, è infatti riuscito ad imporsi nella Main Race a Budapest, riducendo il distacco in classifica da Leclerc, ma il successo del britannico è al momento sotto investigazione a seguito del duello con conseguente uscita di pista di Markelov.

Rowland è stato protagonista di una partenza impeccabile, ma non è riuscito a contenere la rimonta del pilota della Russian Time. Il team DAMS ha così optato per un undercut nei confronti di Markelov richiamando Rowland ai box al giro numero 11, anticipando di una tornata la sosta del russo e consentendo all'inglese di guadagnare nuovamente la posizione sul diretto rivale in classifica.

Rowland ha cercato di gestire al meglio gli pneumatici medi, ma nei giri conclusivi della gara è andato in crisi con le gomme favorendo in questo modo la rimonta di Markelov e del compagno di team Latifi.

L'episodio che ha caratterizzato la prima gara del weekend è avvenuto al giro numero 33, quando il russo, grazie al DRS, ha preso la scia del britannico per poi gettarsi alla destra della DAMS #9. Rowland ha chiuso in maniera decisa la porta a Markelov ed il pilota della Russian Time non ha potuto fare altro che andare sull'erba per poi perdere il controllo della propria vettura ed andare ad impattare violentemente contro le barriere.

La safety car è stata immediatamente mandata in pista dalla direzione gara, ma si sono vissuti momenti di tensione quando Markelov ha tardato ad uscire dalla monoposto. Arrivata sul luogo anche la medical car, fortunatamente il pilota russo ha abbandonato l'abitacolo della propria vettura non senza patire qualche acciacco.

La vettura di sicurezza è rientrata all'ultimo giro e Rowland ha così potuto tagliare indisturbato il traguardo in prima posizione seguito da Latifi e De Vries, ma prima di salire sul gradino più alto del podio è stata aperta una indagine dalla direzione gara proprio in merito all'incidente avvenuto con Markelov.

Il grande protagonista di giornata non è uno dei tre piloti presenti sul podio, ma Charles Leclerc. Il monegasco della Prema è stato autore di una gara incredibile, agevolata da un pizzico di fortuna, che l'ha visto rimontare dal penultimo posto in griglia sino alla quarta piazza.

Leclerc ha stupito tutti in partenza, quando è riuscito a portarsi subito in dodicesima posizione, per poi avere la meglio all'esterno di Curva 2 su Boschung e salire così all'undicesimo posto.

Quando tutti i piloti partiti con gomme soft hanno effettuato le soste per passare alle mescole medie, Leclerc si è trovato alle spalle di Albon, anch'egli scattato con le Pirelli più dure, ed ha patito non poco prima di riuscire a sopravanzare il pilota della ART Grand Prix, sfiorando più volte le posteriore del tailandese con la propria ala anteriore.

Albon, ormai in crisi di gomme, ha effettuato la sosta al giro 22, mentre Leclerc ha cercato di sfruttare al massimo la pista libera ma, con Rowland ormai nei suoi scarichi, è rientrato ai box al ventitreesimo passaggio.

Il leader del campionato è ritornato in pista in tredicesima posizione, per poi salire in undicesima una volta che Deletraz e Sette Camara hanno effettuato il cambio gomme, ma la fortuna ha deciso di dare una mano al talentuoso rookie.

Al giro numero 25 Canamasas, in lotta con Visoiu, ha tentato un assalto al pilota del team Campos alla staccata di curva 1, finendo lungo e andando ad impattare contro il rumeno. Leclerc è così riuscito a salire in nona posizione e la direzione gara ha mandato in pista la safety car per consentire ai commissari di rimuovere le vetture.

Alla ripartenza Leclerc ha regalato nuovamente spettacolo superando tre rivali e portandosi in sesta posizione, prima di avere la meglio a tre giri dalla fine di Matsushita e salire in quinta piazza per poi concludere quarto a seguito dell'incidente di Markelov.

Da applausi anche la rimonta di Ghiotto. L'italiano della Russian Time è stato protagonista di un avvio da urlo che l'ha visto salire dalla tredicesima alla settima posizione nelle prime tornate, regalando anche un magistrale sorpasso all'esterno di curva 2 nei confronti di Matsushita, per concludere la prima gara del weekend in sesta posizione.

Le rimonte di Ghiotto ormai quasi non sorprendono più, ma Luca deve necessariamente migliorare in Qualifiche per riuscire a cogliere i risultati che merita e non dover lottare ad ogni appuntamento.

Altra grande rimonta è stata quella di Nato, scattato dalla pit lane dopo aver accusato problemi sulla propria vettura in griglia ed alla fine settimo sotto la bandiera a scacchi, mentre alle spalle del francese troviamo Alexander Albon.

Il pilota del team ART Grand Prix non è mai stato incisivo in gara, soffrendo come di consueto il degrado degli pneumatici, ma l'ottavo piazzamento odierno gli consentirà domani di scattare dalla pole.

Completano la top ten un sorprendente Sean Gelael e Santino Ferrucci. Il pilota della Trident, chiamato al salto di categoria prima dell'appuntamento ungherese, è riuscito a cogliere il primo punto all'esordio in Formula 2 e può certamente ritenersi soddisfatto per un esordio assolutamente non facile.

Da dimenticare la gara di Fuoco. Il pilota calabrese è stato nuovamente colpito dalla sfortuna una volta effettuato il pit. La sua Prema ha stallato alla ripartenza ed Antonio si è visto costretto ad un ritiro immeritato.

Al termine della prima gara del weekend, Leclerc mantiene saldamente il comando in classifica con 200 punti, mentre Rowland torna in seconda posizione a quota 146 seguito da Markelov con 121.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   9 united_kingdom Oliver Rowland  france DAMS 36 58'37.062     161.394 1   25 4
2   10 canada Nicholas Latifi  france DAMS 36 58'37.297 0.235 0.235 161.383 1   18 2
3   18 netherlands Nick de Vries  italy Rapax 36 58'37.735 0.673 0.438 161.363 1   15  
4   1 monaco Charles Leclerc  italy Prema Powerteam 36 58'38.467 1.405 0.732 161.329 1   12  
5   7 japan Nobuharu Matsushita france ART Grand Prix 36 58'38.695 1.633 0.228 161.319 1   10  
6   5 italy Luca Ghiotto  russia RUSSIAN TIME 36 58'39.596 2.534 0.901 161.278 1   8  
7   20 france Norman Nato  united_kingdom Arden International 36 58'40.141 3.079 0.545 161.253 1   6  
8   8 thailand Alexander Albon  france ART Grand Prix 36 58'40.412 3.350 0.271 161.240 1   4  
9   21 india Sean Gelael  united_kingdom Arden International 36 58'40.973 3.911 0.561 161.214 1   2  
10   17 united_states Santino Ferrucci  italy Trident 36 58'41.300 4.238 0.327 161.199 1   1  
11   3 switzerland Louis Délétraz  spain Racing Engineering 36 58'43.689 6.627 2.389 161.090 1      
12   11 switzerland Ralph Boschung  spain Campos Racing 36 58'44.612 7.550 0.923 161.048 1      
13   16 malaysia Nabil Jeffri  italy Trident 36 58'45.241 8.179 0.629 161.019 2      
14   14 brazil Sergio Sette Camara  netherlands MP Motorsport 36 58'46.131 9.069 0.890 160.979 1      
15   4 sweden Gustav Malja  spain Racing Engineering 36 58'46.524 9.462 0.393 160.961 1      
16   15 united_kingdom Jordan King  netherlands MP Motorsport 36 58'53.188 16.126 6.664 160.657 1      
  dnf 6 russia Artem Markelov  russia RUSSIAN TIME 33 52'25.830 3 giri 3 giri 165.399 1 Ritirato    
  dnf 19 spain Sergio Canamasas  italy Rapax 24 37'43.818 12 giri 9 giri 167.139 1 Ritirato    
  dnf 12 romania Robert Visoiu  spain Campos Racing 24 37'43.409 12 giri   167.170 1 Ritirato    
  dnf 2 italy Antonio Fuoco  italy Prema Powerteam 11 17'11.886 25 giri 13 giri 167.987 1 Ritirato
Prossimo Articolo
Leclerc squalificato al termine delle Qualifiche all'Hungaroring

Articolo precedente

Leclerc squalificato al termine delle Qualifiche all'Hungaroring

Prossimo Articolo

Rosin: "Leclerc è un pilota eccezionale, merita il salto in F.1"

Rosin: "Leclerc è un pilota eccezionale, merita il salto in F.1"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie FIA F2
Evento Hungaroring
Sotto-evento Sabato, gara
Location Hungaroring
Piloti Nicholas Latifi , Nyck De Vries , Oliver Rowland
Team DAMS
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Gara