Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Qualifiche
FIA F2 Hungaroring

F2, Ungheria, Qualifiche: Callum Ilott mago del bagnato

Il pilota del team UNI-Virtuosi ha strappato la sua prima pole stagionale in condizioni di asfalto complicate, ma ad impedire ai suoi rivali di migliorarsi è intervenuta la bandiera rossa nel finale.

Callum Ilott, UNI-Virtuosi

Dopo una sessione di libere sprecata a causa della pioggia leggera che ha reso inutile affrontare l’asfalto viscido dell’Hungaroring sia con le gomme da bagnato che con quelle di asciutto i piloti della Formula 2 hanno affrontato il turno da qualifica adottando le Pirelli wet a causa della grande quantità di pioggia caduta nelle ore precedenti.

Ad imporsi, in un turno concluso con 4 minuti di anticipo a causa di un uscita di pista di Daruvala, è stato Callum Ilott.

Il pilota della UNI-Virtuosi ha confermato di essere uno dei migliori interpreti del giro secco ottenendo la pole in 1’50’’767, ma è stato anche fortunato per l’interruzione anticipata del turno che ha impedito ai rivali più accreditati di migliorarsi.

Uno dei piloti maggiormente penalizzati dall’esposizione della bandiera rossa è stato senza dubbio Ghiotto. Il pilota del team Hitech GP, primo a non scendere sotto il muro dell’1’51’’, è entrato subito in sintonia con la sua monoposto migliorandosi giro dopo giro, ma domani dovrà scattare dalla seconda casella a causa di un gap dalla vetta di 3 decimi.

Alle spalle di Ghiotto prenderà il via dalla terza posizione in griglia un Guanyu Zhou riuscito ad emergere soltanto nei minuti conclusivi del turno che ha confermato ancora una volta l’ottima preparazione del team inglese nello scegliere gli assetti migliori per il giro secco, mentre Dan Ticktum ha stupito positivamente andando ad artigliare il quarto tempo in 1’51’’379.

Positiva anche la sessione disputata da Mick Schumacher che su questo circuito, 12 mesi fa, ha colto il primo successo nella categoria. Il crono di 1’51’’584 avrebbe potuto essere certamente ritoccato senza l’interruzione anticipata del turno, ma la partenza dalla top 5 consentirà a Mick di puntare a salire su quel podio che in questo avvio di stagione sembra stregato.

Altro pilota certamente penalizzato dalla rossa nel finale è stato Christian Lundgaard. Il portacolori della ART Grand Prix, dopo aver messo il proprio nome in cima alla lista dei tempi ad inizio turno, non ha avuto la possibilità di estrarre tutto il potenziale dalla propria vettura ed ha chiuso con un gap dalla vetta di 962 millesimi.

Marcus Armstrong ha perso lo scontro interno col suo compagno di team centrando il settimo crono con oltre due decimi di gap da Lundgaard, mentre Aitken, Gelael e Giuliano Alesi hanno beneficiato di condizioni meteo difficili per entrare in top 10.

Sessione sfortunata per Robert Shwartzman. L’attuale leader del campionato non è riuscito a trovare la zampata decisiva a seguito dell’interruzione anticipata del turno e domani dovrà avviarsi dalla dodicesima casella in griglia.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph
1 United Kingdom Callum Ilott United Kingdom UNI-Virtuosi 11 1'50.767     142.385
2 Italy Luca Ghiotto United Kingdom Hitech Racing 10 1'51.075 0.308 0.308 141.990
3 China Guan Yu Zhou United Kingdom UNI-Virtuosi 10 1'51.290 0.523 0.215 141.716
4 United Kingdom Dan Ticktum France DAMS 10 1'51.379 0.612 0.089 141.602
5 Germany Mick Schumacher Italy Prema Powerteam 9 1'51.584 0.817 0.205 141.342
6 Denmark Christian Lundgaard France ART Grand Prix 10 1'51.729 0.962 0.145 141.159
7 New Zealand Marcus Armstrong France ART Grand Prix 10 1'51.962 1.195 0.233 140.865
8 United Kingdom Jack Aitken Spain Campos Racing 10 1'52.496 1.729 0.534 140.196
9 Indonesia Sean Gelael France DAMS 10 1'52.500 1.733 0.004 140.192
10 France Giuliano Alesi Germany HWA AG 9 1'52.567 1.800 0.067 140.108
11 Russian Federation Robert Shwartzman Italy Prema Powerteam 9 1'52.715 1.948 0.148 139.924
12 Switzerland Louis Délétraz Czech Republic Charouz Racing System 10 1'52.729 1.962 0.014 139.907
13 Brazil Pedro Piquet Czech Republic Charouz Racing System 9 1'52.870 2.103 0.141 139.732
14 Japan Yuki Tsunoda United Kingdom Carlin 9 1'53.215 2.448 0.345 139.306
15 India Jehan Daruvala United Kingdom Carlin 10 1'53.288 2.521 0.073 139.216
16 Russian Federation Nikita Mazepin United Kingdom Hitech Racing 9 1'53.462 2.695 0.174 139.003
17 Russian Federation Artem Markelov Germany HWA AG 9 1'53.569 2.802 0.107 138.872
18 Brazil Felipe Drugovich Netherlands MP Motorsport 10 1'53.583 2.816 0.014 138.855
19 Japan Marino Sato Italy Trident 11 1'53.658 2.891 0.075 138.763
20 Israel Roy Nissany Italy Trident 10 1'54.736 3.969 1.078 137.459
21 Japan Nobuharu Matsushita Netherlands MP Motorsport 9 1'55.869 5.102 1.133 136.115
22 Brazil Guilherme Samaia Spain Campos Racing 1        
Sean Gelael, Dams
Roy Nissany, Trident
Robert Shwartzman, Prema Racing
Marshal spingono l'auto di Dan Ticktum, Dams
Marshal spingono l'auto di Dan Ticktum, Dams
Mick Schumacher, Prema Racing
Marshal spingono l'auto di Dan Ticktum, Dams
Pedro Piquet, Charouz Racing System
Nobuharu Matsushita, MP Motorsport
Marino Sato, Trident
Marcus Armstrong, ART Grand Prix
Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
Yuki Tsunoda, Carlin
Giuliano Alesi, HWA Racelab
Giuliano Alesi, HWA Racelab
Felipe Drugovich, MP Motorsport
Guanyu Zhou, UNI-Virtuosi
Dan Ticktum, Dams
Christian Lundgaard, ART Grand Prix
Callum Ilott, UNI-Virtuosi
20

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F2, Ungheria, Libere: la pioggia premia Giuliano Alesi
Prossimo Articolo Pirelli 18 pollici: l'esperienza F2 insegna per la F1

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia