F2, Sochi: Piastri rullo compressore nella Feature Race

Il leader del campionato si è imposto nella Feature Race di Sochi ed ha incrementato ulteriormente il proprio vantaggio in classifica grazie ad un weekend decisamente opaco di Zhou.

F2, Sochi: Piastri rullo compressore nella Feature Race
Carica lettore audio

Suona ancora l’inno australiano in Formula 2. Oscar Piastri è riuscito a conquistare il successo nella Feature Race di Sochi bissando quanto ottenuto 2 settimane fa a Monza ed allungando ulteriormente in classifica grazie ad un weekend decisamente opaco di Guanyu Zhou.

Il pilota della Prema è stato un rullo compressore nella seconda e ultima gara del weekend russo. Scattato dalla pole, Piastri ha mantenuto il comando mantenendo un ritmo notevole e tenendo a debita distanza un Pourchaire abile ad approfittare dell’avvio incerto di Daruvala.

La gara si è decisa tra l’ottavo ed il decimo giro. All’ottavo passaggio l’australiano è entrato al pit per montare gomme medie, mentre la tornata successiva è stato Pourchaire ad imboccare la corsia box. Il rookie della ART Grand Prix, però, nonostante sia riuscito ad uscire davanti a Piastri ha commesso una leggera sbavatura quando l’australiano si è trovato nei suoi scarichi che ha consentito al pilota della Prema di sopravanzarlo.

Salito al comando, Piastri ha gestito il vantaggio di 2 secondi senza sforzare particolarmente le gomme, mentre Pourchaire ha provato di tutto per ridurre il gap senza però avere mai l’opportunità di entrare in zona DRS.

Piastri ha così conquistato un altro successo con il quale ha consolidato la sua leadership in classifica, mentre Zhou ha vissuto una gara subito complicata.

Il cinese, scattato dalla quarta piazza, è stato colpito nel posteriore alla staccata della prima curva da Huhges ed ha perso lo spunto retrocedendo in ottava posizione. Il pilota della UNI-Virtuosi (oggi con una sola vettura in pista dopo il crash di ieri di Drugovich ndr.) ha provato a mettere una pezza dopo la sosta, ma non è riuscito a fare meglio del sesto posto.

Davanti al cinese hanno chiuso Daruvala, terzo, Shwartzman e Ticktum. L’indiano sta mostrando una costanza di rendimento in questo finale di stagione che è mancata nettamente ad inizio anno, mentre il russo della Prema non è riuscito a brillare come il suo compagno di team ed ha badato a raccogliere punti importanti che gli consentono di portarsi in scia a Zhou in classifica piloti.

Settima posizione finale per Liam Lawson. Il pilota della Hitech GP è scattato con gomme medie fermandosi ai box al giro diciassette. La scelta strategica si è rivelata corretta, ma nel finale Lawson non è riuscito ad insidiare Zhou terminando ad 8 secondi di distacco dal cinese.

Richard Verschoor si è tolto la soddisfazione di sopravanzare Lundgaard nelle fasi finali della gara per strappare al pilota della ART Grand Prix l’ottava piazza, mentre la top ten si è completata con Beckmann in decima piazza.

Sfortunata la gara di Juri Vips. L’estone, ancora una volta, è stato fermato da problemi tecnici che quest’anno stanno influenzando negativamente la sua stagione.

Al termine del round di Sochi la classifica piloti vede Piastri saldamente al comando con 178 punti seguito da Zhou a quota 142, mentre Shwartzman ha ridotto il divario dal cinese ed adesso segue in terza piazza con 135 punti.  

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Australia Oscar Piastri Italy Prema Powerteam 28         25
2 France Théo Pourchaire France ART Grand Prix 28 1.900       18
3 India Jehan Daruvala United Kingdom Carlin 28 12.600       15
4 Russian Federation Robert Shwartzman Italy Prema Powerteam 28 14.400       12
5 United Kingdom Dan Ticktum United Kingdom Carlin 28 18.000       10
6 China Guan Yu Zhou United Kingdom UNI-Virtuosi 28 22.100       8
7 New Zealand Liam Lawson United Kingdom Hitech Racing 28 30.500       6
8 Netherlands Richard Verschoor Netherlands MP Motorsport 28 33.400       4
9 Denmark Christian Lundgaard France ART Grand Prix 28 37.700       2
10 Germany David Beckmann Spain Campos Racing 28 39.100       1
11 New Zealand Marcus Armstrong France DAMS 28 43.800        
12 Brazil Enzo Fittipaldi Czech Republic Charouz Racing System 28 44.400        
13 Brazil Guilherme Samaia Czech Republic Charouz Racing System 28 45.700        
14 Japan Marino Sato Italy Trident 28 51.900        
15 Israel Roy Nissany France DAMS 28 58.100        
16 Germany Lirim Zendeli Netherlands MP Motorsport 28 1'08.300        
17 Italy Alessio Deledda HWA Racelab 28 1'24.900        
18 United Kingdom Jake Hughes HWA Racelab 27 1 lap        
  Switzerland Ralph Boschung Spain Campos Racing 25 3 laps        
  Estonia Jüri Vips United Kingdom Hitech Racing 6 22 laps        
  Netherlands Bent Viscaal Italy Trident 26          
condivisioni
commenti

F2, Sochi: Ticktum si prende Gara 1, disastro Zhou

F2: il coraggio di tornare indietro dopo aver sbagliato