Formula 1 MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
10 giorni
WSBK
G
Estoril
07 mag
Rinviato
G
Aragon
21 mag
Prossimo evento tra
39 giorni
Formula E WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
29 apr
Prossimo evento tra
17 giorni

F2, Bahrain: Piastri si prende una Gara 2 spettacolare

Il rookie della Prema è stato abile a sfruttare al massimo le Pirelli soft durante la sosta effettuata in regime di safety car ed ha piegato la resistenza di uno Zhou in gran forma. Shwartzman sbaglia al via ed è costretto al ritiro.

F2, Bahrain: Piastri si prende una Gara 2 spettacolare

Se la prima gara del weekend era stata avara di spettacolo, ben diversa è stata la seconda Sprint Race del Bahrain, segno che i piloti, senza l’inversione della griglia dell’ordine di arrivo dettata da un nuovo format privo di senso, possono correre con maggiore libertà prendendo maggiori rischi.

Ad imporsi, anche in questo secondo appuntamento del sabato, è stato un rookie. Oscar Piastri ha sfruttato al meglio un inatteso pit durante la seconda neutralizzazione con safety car per montare gomme Pirelli soft e spremere il massimo dalle proprie coperture.

L’australiano della Prema ha condotto una prima parte di gara attenta, priva di rischi, ma quando la splendida Aston Martin è scesa in pista al giro 13 per consentire ai commissari di rimuovere la Hitech di Lawson la situazione si è ribaltata.

Piastri, così come Vips, Lundgaard e molti altri, è entrato ai box per abbandonare la mescola hard e passare alla soft ed ha subito iniziato un’altra gara sprint.

Oscar si è da subito gettato all’inseguimento di Zhou (rimasto in pista con gomme soft) e Vips e soltanto nei giri conclusivi è riuscito ad avere la meglio sull’estone a causa di un problema tecnico che ha improvvisamente rallentato la Hitech #8.

Salito in seconda posizione, Piastri ha messo nel mirino Zhou ma ha dovuto controllare negli specchietti un Lundgaard scatenato dopo essere stato penalizzato di 10’’ per aver mandato K.O. Zendeli.

Il pilota della Prema ha sfruttato l’ultimo giro a disposizione per superare il cinese della UNI-Virtuosi, mentre Lundgaard ha atteso un po' prima di piegare la resistenza dell’autore della pole della Feature Race.

Piastri, grazie alla battaglia alle sue spalle, ha così potuto celebrare la sua prima vittoria al debutto nella serie, mentre Lundgaard, una volta giunto al parco chiuso, è rimasto basito dall’applicazione di tempo supplementare.

Il pilota della ART Grand Prix, infatti, aveva scontato la penalità di 10 secondi in occasione del pit stop effettuato sotto safety car, ma la direzione gara non ha considerato valida questa interpretazione regolamentare ed ha costretto il danese alla retrocessione in nona piazza.

A beneficiare del caos è stato così Zhou che ha potuto guadagnare il  secondo gradino del podio, mentre alle spalle del cinese ha chiuso un Jehan Daruvala che, dopo il secondo posto del mattino, ha centrato un altro piazzamento che si potrà rilevare fondamentale in ottica campionato.

Richard Verschoor ha riscattato la delusione di Gara 1, quando è stato costretto al ritiro dopo una speronata di Ticktum, concludendo in quarta piazza davanti ad un Théo Pourchaire che, nonostante una chiamata ai box tardiva, è riuscito a mettere una pezza ad una strategia errata del suo team artigliando il quinto posto.

David Beckmann e Marino Sato hanno approfittato della gara caotica per chiudere in settima ed ottava piazza, mentre Matteo Nannini, protagonista di uno splendido sorpasso ai danni di Petecof, ha concluso la sua seconda gara in Formula 2 in nona posizione davanti ad un Armstrong in crisi con le Pirelli soft nelle battute conclusive.

Protagonista negativo di questa Gara 2 è stato Robert Shwartzman. Lo zar è stato autore di una partenza fenomenale, ma ha staccato troppo tardi alla prima curva finendo per colpire un Dan Ticktum che ha chiuso forse con troppa leggerezza la traiettoria.

Il russo e l’inglese del team Carlin sono stati così costretti al ritiro dopo pochi metri perdendo l’opportunità di guadagnare punti preziosi per il campionato.

Juri Vips, Hitech Grand Prix, precede Liam Lawson, Hitech Grand Prix, e Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi

Juri Vips, Hitech Grand Prix, precede Liam Lawson, Hitech Grand Prix, e Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi
1/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Liam Lawson, Hitech Grand Prix

Liam Lawson, Hitech Grand Prix
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

La Safety Car precede Juri Vips, Hitech Grand Prix, e Lirim Zendeli, MP Motorsport

La Safety Car precede Juri Vips, Hitech Grand Prix, e Lirim Zendeli, MP Motorsport
3/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Liam Lawson, Hitech Grand Prix, precede Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi

Liam Lawson, Hitech Grand Prix, precede Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi
4/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix

Oscar Piastri, Prema Racing, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix
5/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Theo Pourchaire, ART Grand Prix, precede Marcus Armstrong, Dams

Theo Pourchaire, ART Grand Prix, precede Marcus Armstrong, Dams
6/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Richard Verschoor, MP Motorsport, precede Ralph Boschung, Campos Racing

Richard Verschoor, MP Motorsport, precede Ralph Boschung, Campos Racing
7/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Richard Verschoor, MP Motorsport, precede Ralph Boschung, Campos Racing, e Marino Sato, Trident

Richard Verschoor, MP Motorsport, precede Ralph Boschung, Campos Racing, e Marino Sato, Trident
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Marcus Armstrong, Dams, precede Theo Pourchaire, ART Grand Prix

Marcus Armstrong, Dams, precede Theo Pourchaire, ART Grand Prix
9/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ralph Boschung, Campos Racing, precede Richard Verschoor, MP Motorsport

Ralph Boschung, Campos Racing, precede Richard Verschoor, MP Motorsport
10/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Bent Viscaal, Trident, precede Gianluca Petecof, Campos Racing

Bent Viscaal, Trident, precede Gianluca Petecof, Campos Racing
11/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Gianluca Petecof, Campos Racing, precede David Beckmann, Charouz Racing System, Richard Verschoor, MP Motorsport, e Ralph Boschung, Campos Racing

Gianluca Petecof, Campos Racing, precede David Beckmann, Charouz Racing System, Richard Verschoor, MP Motorsport, e Ralph Boschung, Campos Racing
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Bent Viscaal, Trident

Bent Viscaal, Trident
13/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lirim Zendeli, MP Motorsport, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix, con una gomma forata

Lirim Zendeli, MP Motorsport, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix, con una gomma forata
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

 

condivisioni
commenti
F2, Bahrain: Lawson resiste a Daruvala e si prende Gara 1

Articolo precedente

F2, Bahrain: Lawson resiste a Daruvala e si prende Gara 1

Prossimo Articolo

Caos F2: restituito il secondo posto a Lundgaard in Bahrain

Caos F2: restituito il secondo posto a Lundgaard in Bahrain
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie FIA F2
Evento Bahrain
Sotto-evento Sprint Race 2
Piloti Oscar Piastri
Team Prema Powerteam
Autore Marco Di Marco