Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
40 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

F2, Abu Dhabi, Feature Race: colpo da maestro di Sette Camara

condivisioni
commenti
F2, Abu Dhabi, Feature Race: colpo da maestro di Sette Camara
Di:
30 nov 2019, 16:24

Sergio Sette Camara ha conquistato un successo meritato nella Feature Race grazie ad una gestione gomme perfetta. Matsushita e Zhou completano il podio. Deludente de Vries soltanto tredicesimo.

Miglior tempo nelle libere, miglior tempo in qualifica, successo nella Feature Race. E’ stato un weekend sino ad ora perfetto quello vissuto da Sergio Sette Camara ad Abu Dhabi, ultimo round stagionale della Formula 2.

Il brasiliano ha lavorato nell’ombra dopo il pit per costruire le basi di una vittoria che sembrava perduta dopo un avvio davvero infelice.

Il pilota del team DAMS, infatti, è stato autore di una partenza da incubo dalla pole. Dopo aver fatto pattinare eccessivamente le gomme posteriori è stato scavalcato sia da Louis Deletraz che da Callum Ilott per poi retrocedere in quarta posizione.

Tutto sembrava perduto, ma Sette Camara, dopo aver effettuato la sosta obbligatoria, è stato un maestro nel gestire le gomme soft riuscendo a chiedere il massimo alle proprie Pirelli a pochi giri dalla conclusione quando ha sferrato l’attacco decisivo nei confronti di un Deletraz ormai in crisi di tenuta.

Il pilota del team DAMS ha così potuto tagliare il traguardo indisturbato e celebrare un successo che ripaga il grande lavoro svolto in pista sin dal venerdì, mentre alle sue spalle è stata ben più intensa la lotta per i restanti gradini del podio che ha visto protagonisti Matsushita e Zhou.

Il giapponese ed il cinese hanno optato per una strategia alternativa, scattando al via con le Pirelli soft. Matsushita è stato eccellente nel gestire il degrado sino al giro 23 quando ha iniziato ad accusare un crollo deciso delle coperture, mentre Zhou è stato ancora più delicato con le soft sino a ridurre il gap di 4 secondi dal giapponese per poi passarlo al giro 26 quando il pilota del team Carlin è entrato ai box.

Zhou è stato richiamato in pit lane una tornata dopo, ma sia per il cinese che per il giapponese il cambio gomme è avvenuto in ritardo. Matsushita, infatti, si è visto costretto a superare Ilott in pista per poi chiudere sotto la bandiera a scacchi con 5 secondi di ritardo da Sette Camara, mentre Zhou è stato protagonista di un duello intenso con Deletraz nel corso dell’ultimo passaggio concluso con una meritata terza posizione finale e qualche rimpianto per un risultato che poteva essere certamente migliore.

Deletraz ha invece dovuto fare buon viso a cattivo gioco. Lo svizzero ha dato battaglia proprio con Matsushita nelle battute conclusive per poi doversi arrendere alle gomme più fresche del giapponese, ma deve recriminare una gestione delle soft poco accorta che gli ha impedito di chiudere a podio.

Gara incolore per Callum Ilott. Il pilota della FDA, come sempre, è stato velocissimo in qualifica ma in gara ha ancora una volta evidenziato tutti i propri limiti nella gestione gomme chiudendo in quinta posizione davanti ad un Luca Ghiotto protagonista di una buona rimonta.

Il pilota italiano, all’ultima apparizione in F2, ha dovuto mettere una pezza ad una qualifica sfortunata con una gestione gomme ancora una volta magistrale. Luca è partito con le soft e solo nel finale è passato alle supersoft grazie alle quali è riuscito al penultimo giro a superare uno spento Latifi per conquistare la sesta piazza e la partenza dalla seconda fila per la Sprint Race di domani.

In pole partirà un Giuliano Alesi autore di una prestazione finalmente convincente anche se macchiata da una penalità di 5 secondi rimediata per una irregolarità commessa in regime di Virtual Safety Car. Consapevole della sanzione, Alesi ha spinto nel finale per prendere un margine di sicurezza nei confronti di Mick Schumacher.

Il tedesco è apparso in ombra in questa ultima Feature Race della stagione ed ha patito il confronto iniziale con Markelov. La top ten si è completata con Nikita Mazepin in decima posizione e miglior portacolori, a sorpresa, del team ART Grand Prix.

La grande delusione di giornata, infatti, è stato il campione 2019 Nyck de Vries. L’olandese, già in difficoltà sin dal venerdì, è sembrato il pilota visto nei primi due anni di partecipazione nella categoria ed impreparato nella comprensione delle Pirelli.

Nyck ha accusato un immediato degrado della Super Soft all’inizio ed un rapido degrado della Soft nel secondo stint per chiudere in una anonima tredicesima posizione.

Menzione speciale, infine, per Christian Lundgaard. Il pilota del team Trident, alla prima apparizione nella serie, ha patito le difficoltà in qualifica ma è stato protagonista di una gara maiuscola condita da una gestione delle soft, per ben 26 giri, da veterano. Il quattordicesimo posto non rende merito a quanto mostrato dal talento danese.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Brazil Sergio Sette Camara France DAMS 31 1:02'17.011     165.750 25
2 Japan Nobuharu Matsushita United Kingdom Carlin 31 1:02'22.160 5.149 5.149 165.522 18
3 China Guan Yu Zhou United Kingdom UNI-Virtuosi 31 1:02'24.776 7.765 2.616 165.407 15
4 Switzerland Louis Délétraz United Kingdom Carlin 31 1:02'27.930 10.919 3.154 165.267 12
5 United Kingdom Callum Ilott Czech Republic Charouz Racing System 31 1:02'32.992 15.981 5.062 165.044 10
6 Italy Luca Ghiotto United Kingdom UNI-Virtuosi 31 1:02'37.396 20.385 4.404 164.851 8
7 Canada Nicholas Latifi France DAMS 31 1:02'42.796 25.785 5.400 164.614 6
8 France Giuliano Alesi Italy Trident 31 1:02'49.260 32.249 6.464 164.332 4
9 Germany Mick Schumacher Italy Prema Powerteam 31 1:02'58.913 41.902 9.653 163.912 2
10 Russian Federation Nikita Mazepin France ART Grand Prix 31 1:03'05.691 48.680 6.778 163.619 1
11 United Kingdom Jack Aitken Spain Campos Racing 31 1:03'06.571 49.560 0.880 163.581  
12 United Kingdom Jordan King Netherlands MP Motorsport 31 1:03'07.490 50.479 0.919 163.541  
13 Netherlands Nyck De Vries France ART Grand Prix 31 1:03'10.466 53.455 2.976 163.413  
14 Denmark Christian Lundgaard Italy Trident 31 1:03'10.974 53.963 0.508 163.391  
15 Russian Federation Matevos Isaakyan Czech Republic Charouz Racing System 31 1:03'13.604 56.593 2.630 163.278  
16 Colombia Tatiana Calderón United Kingdom Arden International 31 1:03'15.613 58.602 2.009 163.191  
17 Indonesia Sean Gelael Italy Prema Powerteam 31 1:03'19.911 1'02.900 4.298 163.007  
18 Japan Marino Sato Spain Campos Racing 31 1:03'54.481 1'37.470 34.570 161.537  
  Russian Federation Artem Markelov United Kingdom Arden International 9 19'10.260 22 Laps 22 Laps 156.082  
  India Mahaveer Raghunathan Netherlands MP Motorsport 7 14'37.838 24 Laps 2 Laps 158.966  
Scorrimento
Lista

Sergio Sette Camara, Dams

Sergio Sette Camara, Dams
1/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Tatiana Calderon, Arden

Tatiana Calderon, Arden
2/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sean Gelael, Prema Racing

Sean Gelael, Prema Racing
3/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Nobuharu Matsushita, Carlin

Nobuharu Matsushita, Carlin
4/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Guanyu Zhou, UNI Virtuosi Racing

Guanyu Zhou, UNI Virtuosi Racing
5/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Il casco di Nicholas Latifi, Dams

Il casco di Nicholas Latifi, Dams
6/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Jordan King, MP Motorsport

Jordan King, MP Motorsport
7/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Nikita Mazepin, ART Grand Prix

Nikita Mazepin, ART Grand Prix
8/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Giuliano Alesi, Trident

Giuliano Alesi, Trident
9/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Louis Deletraz, Carlin

Louis Deletraz, Carlin
10/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Artem Markolov, Arden

Artem Markolov, Arden
11/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Tatiana Calderon, Arden

Tatiana Calderon, Arden
12/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Tatiana Calderon, Arden

Tatiana Calderon, Arden
13/22

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Nobuharu Matsushita, Carlin

Nobuharu Matsushita, Carlin
14/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Nikita Mazepin, ART Grand Prix

Nikita Mazepin, ART Grand Prix
15/22

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Dams

Nicholas Latifi, Dams
16/22

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Nobuharu Matsushita, Carlin

Nobuharu Matsushita, Carlin
17/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Nyck De Vries, ART Grand Prix

Nyck De Vries, ART Grand Prix
18/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Marcus Armstrong,

Marcus Armstrong,
19/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Marino Sato, Campos Racing

Marino Sato, Campos Racing
20/22

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Dams

Nicholas Latifi, Dams
21/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Dams

Nicholas Latifi, Dams
22/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Prossimo Articolo
F2, Abu Dhabi: Sette Camara firma l'ultima pole position stagionale

Articolo precedente

F2, Abu Dhabi: Sette Camara firma l'ultima pole position stagionale

Prossimo Articolo

Incidente Hubert: la FIA pubblicherà una parte del rapporto

Incidente Hubert: la FIA pubblicherà una parte del rapporto
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie FIA F2
Evento Abu Dhabi
Sotto-evento Gara 1
Piloti Sergio Sette Camara
Team DAMS
Autore Marco Di Marco