Abu Dhabi, Day 3: Matsushita chiude il 2015 in bellezza

condivisioni
commenti
Abu Dhabi, Day 3: Matsushita chiude il 2015 in bellezza
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
04 dic 2015, 17:45

Il giapponese e Nicholas Latifi sono stati i due mattatori della tre giorni. Sesto c'è un ottimo Ghiotto, mentre Giovinazzi risale 13esimo. Caldarelli in coda, con De Plano staccatissimo.

Nicholas Latifi, DAMS
Nicholas Latifi, DAMS
Luca Ghiotto, Rapax
Luca Ghiotto, Rapax
Antonio Giovinazzi, Carlin
Mitch Evans, Campos Racing
Salvatore Del Plano, MP Motorsport
Sergey Sirotkin, Prema Racing
Oliver Rowland, DAMS
Antonio Giovinazzi, Carlin
Salvatore Del Plano, MP Motorsport
Mitch Evans, Campos Racing e Tio Ellinas, Trident

Ieri si è preso una giornata di riposo, ma Nobuharu Matsushita ha confermato di essere in grande forma nel terzo ed ultimo giorno dei test collettivi svolti dalla GP2 ad Abu Dhabi, come aveva già fatto in quello inaugurale. Anche se non è riuscito ad infrangere la barriera dell'1'48", il giapponese della ART Grand Prix ha ottenuto il miglior tempo assoluto in 1'48"313.

Se il pilota asiatico forse si è fatto forte dell'esperienza maturata insieme alla sua squadra nel corso della stagione appena conclusa, cambiare box ed entrare in quello della Dams invece ha fatto decisamente bene a Nicholas Latifi, oggi secondo come mercoledì, dopo essere stato il più veloce ieri.

Il canadese ha chiuso distanziato di poco più di un decimo da Matsushita, ma nei suoi scarichi, appena pochi millesimi più indietro, c'è il russo Sergey Sirotkin, oggi sceso in pista per la Prema. Per la squadra italiana però è stata una giornata interlocutoria, visto che dall'altro lato del box Pierre Gasly ha completato appena 4 giri a causa di un problema al cambio (provocando anche una delle numerose bandiere rosse).

A completare la top five ci sono Oliver Rowland e Mitch Evans, ma si merita un applauso il vice-campione della GP3 Luca Ghiotto, risultato il migliore dei rookie con il sesto tempo staccato al volante della monoposto della Rapax. In crescita però anche Antonio Giovinazzi, oggi bravo ad issarsi fino alla 13esima piazza.

Continuando a parlare di italiani, non è stato semplice il ritorno in GP2 di Andrea Caldarelli: il pilota di riserva della Toyota nel FIA WEC ha chiuso 22esimo, staccato di un paio di secondi. Il quadro dei nostri poi si completa con Salvatore De Plano, sceso in pista con la MP Motorsport, ma distanziato addirittura 7" (anche lui ha procurato una bandiera rossa).

 

Pos. Driver Team Mattino Pomeriggio
1 Nobuharu Matsushita ART Grand Prix 1:49.243 1:48.313
2 Nicholas Latifi DAMS 1:53.588 1:48.432
3 Sergey Sirotkin Prema Racing 1:49.201 1:48.465
4 Oliver Rowland DAMS 1:48.926 1:48.522
5 Mitch Evans Campos Racing 1:48.922 1:48.544
6 Luca Ghiotto Rapax 1:49.057 1:48.668
7 Andre Negrao Rapax 1:49.154 1:48.710
8 Artem Markelov Russian Time 1:50.396 1:48.737
9 Marlon Stockinger ART Grand Prix 1:49.911 1:48.752
10 Richie Stanaway Carlin 1:49.418 1:49.046
11 Nick Yelloly MP Motorsport 1:49.331 1:49.068
12 Norman Nato Racing Engineering 1:50.085 1:49.109
13 Antonio Giovinazzi Carlin 1:49.361 1:49.192
14 Tio Ellinas Trident 1:49.246 1:49.433
15 Jordan King Racing Engineering 1:50.237 1:49.249
16 Gustav Malja Status Grand Prix 1:50.152 1:49.357
17 Jimmy Eriksson Arden International 1:50.000 1:49.596
18 Artur Janosz Trident 1:51.026 1:49.698
19 Emil Bernstorff Arden International 1:51.517 1:49.706
20 Patric Armand Status Grand Prix 1:51.173 1:50.395
21 Sean Gelael Campos Racing 1:50.968 1:50.436
22 Andrea Caldarelli Russian Time 1:51.011 1:50.471
23 Salvatore De Plano MP Motorsport 1:57.792 1:55.249
24 Pierre Gasly Prema Racing 1:55.778 No Time

 

Prossimo articolo FIA F2