Stefano Gai segue la crescita di Benjamin Hites nel Ferrari Challenge North America

condivisioni
commenti
Stefano Gai segue la crescita di Benjamin Hites nel Ferrari Challenge North America
Redazione
Di: Redazione
18 set 2018, 10:30

Il 19enne di origine cilena si è reso protagonista di un ottimo weekend a Road Atlanta, portandosi a casa due secondi posti che gli sono valsi anche il terzo nella classifica del campionato. A guidarlo passo passo c'era l'esperto pilota italiano.

Podio
Benjamin Hites, Ferrari of Miami
Benjamin Hites, Ferrari of Miami, festeggia con il team TR3 Racing
Benjamin Hites, Ferrari of Miami, festeggia sul podio
Podio

Nel weekend del 14-16 settembre, si è consumato il sesto appuntamento del Ferrari Challenge North America sul circuito di Road Atlanta. Tra i protagonisti del Trofeo Pirelli c’è sicuramente un giovane 19enne di origine cilene, il suo nome è Benjamin Hites. Il driver sudamericano ha iniziato proprio nel 2018 a correre, in primis nel Campionato Top Race in Argentina e in contemporanea il Ferrari Challenge North America. La serie americana è partita in gennaio sul Circuito di Daytona, per poi proseguire a Cota (Austin). Proprio in Texas, Benjamin si è aggiudicato il terzo posto in gara 1 e addirittura la vittoria in Gara 2 con annesso giro veloce.

In questa avventura c’è un po’ di Italia, Benjamin corre per Ferrari of Miami e supportato dal Team TR3 Racing di Gregory Romanelli che segue due 488 GT3 nel Pirelli World Challenge. Gregory è stato allievo di Stefano Gai che adesso segue Benjamin come Coach. A Road Atlanta, Benjamin è riuscito a cogliere due secondi posti, con una condotta di gara molto attenta e veloce allo stesso tempo.

In lotta per la vittoria c’è stato l’attuale leader del Trofeo Pirelli Cooper Macneil e Peter Ludwig (vincitore Challenge 2017), proprio con quest’ultimo c’è stato un acceso duello, nel quale Ludwig attacca e riesce a passare Benjamin dopo quattro giri. In curva 2 Ludwig va largo e Benjamin riprende la seconda posizione. Da questo momento in poi il passo di gara è veloce e costante e il distacco dal leader rimane invariato sui due secondi. In qualifica 2, alla domenica, si è abbattuto l’uragano Florence.

Insieme a Stefano hanno studiato le traiettorie e dopo la qualifica in cui si è piazzato in quinta posizione (prima volta sul bagnato), Benjamin è stato veloce, guidando sembra sbavature rimontando posizioni fino al secondo posto. Tra i vari sorpassi, il più importante è stato quello sul leader Cooper Macneil. Benjamin arriverà a Monza per le Finali Mondiali in terza posizione e in lizza per il Titolo.

L’appuntamento brianzolo sarà molto importante perchè il Team è di proprietà di Gregory Romanelli che è italo-americano e i presupposti per fare bene ci sono. Prima del weekend di gara ci saranno due giornate di test collettivi in previsione delle Finali Mondiali proprio sul circuito di Monza. A questo punto l’obiettivo oltre al Campionato, può essere la Finale Mondiale.

"L’appuntamento di Road Atlanta è stato molto positivo, grazie al lavoro di tutta la squadra, siamo riusciti ha completare il weekend nel migliore dei modi con Benjamin sempre in evidenza, grazie anche al lavoro di Stefano. La giornata di domenica è stata pesante, ma Benjamin si è subito adattato al bagnato e il secondo posto con il sorpasso al leader del Campionato è una bella soddisfazione" ha detto il team owner Gregory Romanelli.

"Weekend strepitoso dal quale esco con il terzo posto in classifica. C’è ancora tanto lavoro da fare e ringrazio Gregory, Stefano e tutto il Team per l’ottimo lavoro. Domenica è stata una “prima” con la 488 Challenge sul bagnato, mi sono adattato immediatamente alle condizioni dell’asfalto che giro dopo giro è andato migliorando. Adesso la testa è alle Finali Mondiali e lì ci sarà modo di fare altrettanto bene. Ferrari, Monza, Italia, Gregory, Stefan, un pacchetto tricolore che mi sa sentire un po’ italiano" ha aggiunto Benjamin Hites.

"Sono felice per il risultato di Road Atlanta, Benjamin è arrivato a Road Atlanta con prestazioni sempre in costante crescita. Un giovane che ascolta e mette in pratica i consigli e con il quale è bello scambiare idee. Domenica mattina, ci siamo messi a capire come andare sul bagnato e il risultato è arrivato. Arrivare alle Finali Mondiali Ferrari a Monza è sempre un’emozione" ha concluso il coach Stefano Gai.

Prossimo articolo Ferrari
Ferrari Challenge Europe: Nielsen campione nella giornata da sogno di Manu Gostner

Articolo precedente

Ferrari Challenge Europe: Nielsen campione nella giornata da sogno di Manu Gostner

Carica commenti

Su questo articolo

Serie Ferrari
Location Road Atlanta
Autore Redazione
Tipo di articolo Ultime notizie