Europe, Gara 2 interrotta da un crash spettacolare. Vince ancora Nielsen

Bandiera rossa esposta dopo un botto pauroso tra Hanna e Grimes al giro 9. Fortunatamente entrambi incolumi. Nielsen batte ancora Leimer e fa una grande doppietta.

Europe, Gara 2 interrotta da un crash spettacolare. Vince ancora Nielsen
Podio: il vincitore della gara #11 Formula Racing Ferrari 488: Nicklas Nielsen
Il vincitore della gara #11 Formula Racing Ferrari 488: Nicklas Nielsen
#69 CDP Ferrari 488: Marco Zanasi
#8 Octane 126 Ferrari 488: Fabio Leimer
#383 Ineco - MP Racing Ferrari 488: Manuela Gostner
#1 Octane 126 Ferrari 488: Bjorn Grossmann
#91 Rossocorsa Ferrari 488: Philipp Baron
#361 Ineco - MP Racing Ferrari 488: Thomas Gostner

La seconda manche di gara della Ferrari Challenge sul tracciato del Mugello ha seguito il medesimo copione di Gara 1, con Nicklas Nielsen (Formula Racing) che ha centrato la vittoria dopo aver tenuto alle proprie spalle un minaccioso ma mai veramente incisivo Fabio Leimer (Octane 126).

La corsa, però, è durata decisamente meno dei 30 minuti previsti a causa di un terribile incidente che ha visto coinvolti Bonamy Grimes (Strastone Ferrari) e Tani Hanna (Formula Racing) al nono giro. Grimes è finito in testacoda all'ultima curva, fermandosi al centro della pista. Due 488 che seguivano sono riuscite a evitare quella del britannico, ma Hanna lo ha involontariamente centrato in pieno.

Dopo qualche attimo di terrore, entrambi i piloti sono usciti dai rispettivi abitacoli senza alcun danno fisico apparente. Boato del pubblico all'uscita dei due dalle vetture, i quali si sono poi spiegati prima di rientrare ai box. La Direzione Gara ha preferito fermare la corsa subito dopo l'incidente, senza farla più ripartire.

Nielsen ha così potuto festeggiare tranquillamente la seconda vittoria in due giorni, mentre Leimer non ha avuto modo di provare alcun attacco. Peccato, perché i due stavano dando vita a un altro duello davvero degno di nota. Sul terzo gradino del podio è salito Bjorn Grossmann, bravo a rimediare a un errore commesso in partenza e a superare Sam Smeeth prima dell'interruzione della corsa.

Per Smeeth una vera beffa dopo una prima parte di gara competitiva e una partenza eccellente. Henry Hassid ha completato la Top 5, ma, così come Grossmann e Smeeth, è arrivato molto staccato dai primi due: oltre 22" il gap dal vincitore. Jens Liebhauser si è dovuto accontentare del sesto posto, ma è davvero notevole la prova di Fabienne Wohlwend, capace di vincere la gara destinata alla categoria Ladies e a chiudere al settimo posto assoluto.

Alessandro Vezzoni è il primo e unico pilota italiano nella Top 10, accreditato dell'ottava posizione. L'azzurro è arrivato appena alle spalle della Wohlwend, ma non ha potuto abbozzare alcun attacco per cercare di salire in settima piazza. Johnny Laursen è il vincitore della categoria Coppa Shell grazie al nono posto finale davanti a Chris Froggatt.

Marco Zanasi e Manuela Gostner si sono dovuti accontentare delle prime posizioni al di fuori delle prime dieci, ovvero dell'11esima e della 12esima. Sfortunata la gara di Philipp Baron. Il pilota del team Rossocorsa è stato costretto al ritiro mentre si trovava saldamente in terza posizione a causa di un guasto sulla sua 488 vestita di una livrea verde-cromata.

condivisioni
commenti
North America, Gara 2: Ludwig inarrestabile, vittoria e titolo Pirelli

Articolo precedente

North America, Gara 2: Ludwig inarrestabile, vittoria e titolo Pirelli

Prossimo Articolo

Asia Pacific, Gara 2: Prette completa la sua grande giornata col successo

Asia Pacific, Gara 2: Prette completa la sua grande giornata col successo
Carica commenti