Wurz: "Monoposto di F.1 più sicure per correre fino a 450 km/h!"

condivisioni
commenti
Wurz: "Monoposto di F.1 più sicure per correre fino a 450 km/h!"
Di:
Co-autore: Oleg Karpov
Tradotto da: Franco Nugnes
29 dic 2016, 16:47

Il presidente della Grand Prix Drivers Association, Alexander Wurz sostiene che aumentando la sicurezza del pilota si potrebbero costruire monoposto in grado di andare molto più forte, in grado di emozionare di nuovo gli appassionati.

L'austriaco dice che vorrebbe vedere un massiccio aumento del carico aerodinamico e delle velocità massime, ma sottolinea che tutto ciò ha senso se sarà ridotto il rischio di farsi male per i piloti.

"La mia visione di F.1 sarebbe di rendere le vetture sempre più sicure per farle andare più veloci - ha detto Wurz a Motorsport.com -. Quando parlo di incrementare la velocità, intendo monoposto capaci di arrivare a 450 km/h e che generano molto più carico aerodinamico. In quel caso potremmo farle correre sulle piste più insidiose e nei circuiti cittadini”.

Wurz, che quest'anno ha spinto per l'introduzione dell’Halo, la nuova protezione dell’abitacolo, prima che questa soluzione venisse rinviata al 2018, ritiene che un’ulteriore spinta sul fronte della sicurezza potrebbe consentire alla F.1 di farla finita con una serie di regole attuali che rendono il campionato meno eccitante per gli appassionati.

"Non avremmo bisogno di vie di fuga chilometriche e, quindi, non avremmo nemmeno le infrazioni per i tagli di percorso che nessuno capisce più".

"L'aspetto di fondo è che i fan seduti sul divano di casa tornino a pensare che certe cose in pista non sarebbero in grado di farle, se non gente coraggiosa come i piloti con più talento”.

"E allora non mi preoccuperei del resto, perché il fan si è già emozionato all’idea, ma se le monoposto non dovessero essere abbastanza sicure, allora il direttore di gara sarò costretto a tenere d’occhio i piloti, perché non avrà nessuna intenzione di andare in galera se dovesse succedere qualcosa e allora saremmo di nuovo in un vicolo cieco”.

"La mia opinione è che bisogna rendere le vetture più sicure per essere molto più permissivi con il resto, perché una vita umana corre meno pericoli di essere messa a rischio se si guida a certe velocità, come abbiamo visto, specie se si lavora sulle probabilità di pericolo”.

Il presidente della GPDA, tuttavia, ammette che la che se F.1 prendesse questa direzione per il suo futuro, avrebbe bisogno di allontanarsi dal pensare ciò che accade a breve termine.

"Ma la mia visione a lungo termine impatta con alcune delle persone che hanno invece solo una visione molto breve. E ce ne sono molte in giro”.

"Non sono sicuro di essere nel giusto per questo servirebbe una decisione condivisa".

 

Prossimo Articolo
Ross Brawn: "L'eredità di Schumacher ancora si sente in F.1"

Articolo precedente

Ross Brawn: "L'eredità di Schumacher ancora si sente in F.1"

Prossimo Articolo

La Renault promette assoluta parità di motore alla Red Bull

La Renault promette assoluta parità di motore alla Red Bull
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Alexander Wurz
Autore Valentin Khorounzhiy