Wurz: "I piloti hanno accettato l'idea di correre a porte chiuse"

Alexander Wurz ha voluto sottolineare come i piloti abbiano accettato l'idea di tornare in pista senza pubblico per consentire alla Formula 1 di poter ripartire presto.

Wurz: "I piloti hanno accettato l'idea di correre a porte chiuse"

Alexander Wurz ha paragonato gli sforzi per ridurre al minimo i rischi di diffusione del COVID-19 nelle gare di F1 a porte chiuse con la costante attenzione alla sicurezza che lo sport ha perseguito fin dalle tragedie di Imola del 1994.

L'austriaco ha rappresentato i piloti in un recente incontro online con i boss della F1 e della FIA nel corso del quale si è discusso su come disputare le gare, come quella prevista per l'Austria a luglio, con il minimo rischio, e ha dichiarato di aver apprezzato ogni sforzo compiuto per prevenire qualunque possibilità.

“Non è stata una trattativa, ma abbiamo discusso ed usato le conoscenze di tutti quelli che sono coinvolti in questo sport per fare in modo che si possa tornare in pista il prima possibile e nel mondo più sicuro in assoluto”.

“Le corse automobilistiche, soprattutto dopo gli incidenti di Senna e Ratzenberger a Imola, sono diventati un'industria incredibilmente sicura nonostante si spinga sempre al limite. Tutti nel mondo dell'automobilismo sportivo, dai meccanici, ai capi squadra, ai funzionari, sono abituati a protocolli di sicurezza molto severi”.

“Questo ha funzionato perfettamente negli ultimi 30 o 40 anni. Sir Jackie Stewart è stato il pioniere della sicurezza in Formula 1 e non è mai voluto scendere a compromessi”.

“E’ stato bello vedere che tutti i soggetti coinvolti, sia della FIA che della F1, come piloti o azionisti, abbiano voluto analizzare l’intero processo così da garantire che si stia facendo tutto quello che è in nostro potere per assicurare la tutela dei partecipanti”.

Wurz ha sottolineato che la F1 visiterà solo i paesi in cui il sistema sanitario locale non sarà influenzato dall'organizzazione di un evento come un gran premio.

“Non andremo in nazioni ed in luoghi dove la crisi sanitaria è talmente acuta da aver messo sotto stress il sistema ospedaliero. Questo lo posso garantire al 100% non solo io, ma anche Jean Todt e Chase Carey”.

“Sono austriaco e sono consapevole che in Austria in nostri ospedali non sono in crisi. Siamo stati fortunati come nazione, i casi di COVID-19 sono pochi ed in termini di strutture mediche vicine al Red Bull Ring non c’è nessun problema”.

“Poi dobbiamo assicurarci di non trasmettere il virus tra la carovana del circus e la nazione ospitante. E allo stesso modo, all'interno del nostro circuito, dobbiamo fare in modo di prendere le distanze tra di noi per ridurre al minimo il rischio di trasmissione”.

Wurz ha poi spiegato come i piloti vorrebbero correre davanti al pubblico, ma hanno capito che un compromesso si è reso necessario per il bene dello sport.

“Nessun pilota nel mondo dell’automobilismo, me compreso, è entusiasta di correre a porte chiuse perché viviamo di emozioni che condividiamo col pubblico. Una partita di calcio o un evento di atletica si svolgono in uno stadio, mentre noi siamo su un circuito dove ci sono 100.000 spettatori che condividono questo grande evento insieme a noi e credetemi che la loro assenza farà una grande differenza”.

“Tutti i piloti con cui ho parlato non si sono opposti a disputare le gare a porte chiuse e tutti hanno accettato questa realtà per poter tornare daccapo in pista. Al momento è la cosa migliore da fare perché abbiamo degli obblighi nei confronti di quell’industria che è la Formula 1. Così come ogni governo nel mondo dobbiamo far ripartire la nostra economia perché molte persone e molte famiglie dipendono da questo”.

condivisioni
commenti
F1 a motori spenti: tagli alla ricerca e via ai licenziamenti!

Articolo precedente

F1 a motori spenti: tagli alla ricerca e via ai licenziamenti!

Prossimo Articolo

Vettel: perché la F1 volta le spalle al campione tedesco?

Vettel: perché la F1 volta le spalle al campione tedesco?
Carica commenti
Ceccarelli: “Un meccanico al pit stop arriva a 165 battiti cardiaci” Prime

Ceccarelli: “Un meccanico al pit stop arriva a 165 battiti cardiaci”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina con Motorsport.com. In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano della necessità di avere un ingegnere di pista capace di leggere, oltre ai numeri, anche le situazioni di gara e la psicologia del pilota

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1 Prime

F1 Stories: Hesketh, l'antesignano del glamour in Formula 1

Il suo simbolo era un simpatico orsetto giallo, con tanto di casco. Rolls Royce, aerei privati, yacht, banchetti con aragoste e champagne: questo, e molto altro, era la Hesketh Racing. Ripercorriamo insieme la storia, e la prima vittoria, del team più stravagante e glamour della Formula 1.

Formula 1
22 giu 2021
La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica Prime

La "Waterloo" Ferrari in Francia nella nostra animazione grafica

In questa nostra consueta animazione grafica, mettiamo in luce gli aspetti chiave del Gran premio di Francia di Formula 1. Oltre ovviamente alla prepotente vittoria di Verstappen, va evidenziato come le due Ferrari di sainz e Leclerc, con il passar del tempo, sprofondavano sempre più in classifica

Formula 1
21 giu 2021
Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi” Prime

Minardi: “Salvo Hamilton, sprofondano i ferraristi”

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio di Francia di Formula 1 corso sul tracciato del Paul Ricard. Ovviamente, sempre in compagnia di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
21 giu 2021
Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari" Prime

Bobbi: "Gomme in overheating il motivo del disastro Ferrari"

Andiamo ad analizzare insieme a Matteo Bobbi e Marco Congiu il Gran Premio di Francia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. Lewis Hamilton e Max Verstappen ci hanno regalato una gara intensa, dove a farla da protagonista è stata la gestione delle gomme. Chi ha pagato più di tutti sotto questo punto di vista è stata la Ferrari: ecco perché...

Formula 1
21 giu 2021
Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari" Prime

Chinchero: "La pista 'green' ha affossato le Ferrari"

In questa puntata podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano i fatti salienti del Gran Premio di Francia. Buon ascolto!

Formula 1
20 giu 2021
Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia Prime

Formula 1: La griglia di partenza del GP di Francia

Andiamo a scoprire la griglia di partenza del Gran Premio di Francia 2021: Max Verstappen parte dalla prima casella, precedendo le due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Formula 1
20 giu 2021