Wolff smentisce: "Non ho mai parlato con Verstappen, abbiamo un nostro piano piloti"

condivisioni
commenti
Wolff smentisce: "Non ho mai parlato con Verstappen, abbiamo un nostro piano piloti"
Di:
12 apr 2019, 09:14

Il direttore di Mercedes Motorsport nega i contatti con il pilota olandese che ha lasciato intendere Helmut Marko, ma la "giostra" che si è creata intorno a Max può essere utile non solo alla Red Bull per legare l'arancione, ma anche a Wolff per tenere più basse le trattative di rinnovo con Hamilton.

“Non c’è nulla di vero”. Toto Wolff ha smentito categoricamente le parole pronunciate da Helmut Marko la scorsa settimana, secondo le quali il team principal della Mercedes avrebbe contattato telefonicamente Max Verstappen per valutare il suo interesse ad entrare in futuro nella squadra campione del mondo.

“Abbiamo un nostro programma piloti – ha proseguito Wolff – e non ha nulla a che vedere con quanto detto da Helmut”.

Le parole di Marko hanno comunque innescato molte speculazioni, inevitabili vista la caratura dei nomi in ballo, e la verità resta sospesa tra i due connazionali austriaci, maestri nel gestire queste situazioni.

Leggi anche:

Il paddock è diviso, tra chi ritiene che Wolff abbia realmente chiamato Verstappen e chi invece sostiene che le supposizioni di Marko a volte vadano oltre la realtà dei fatti.

Non è però una situazione inedita quella che vede coinvolto il ‘triangolo’ Verstappen-Wolff-Marko. Nel 2014 fu papà Jos a portare a termine una spettacolare asta che vide contrapposti proprio Wolff e Marko.

 

Nell’estate di cinque anni fa Max era a metà della sua prima stagione in monoposto (nella Formula 3 Europea) e Marko propose a Jos Verstappen di includere il figlio nel programma Red Bull Junior, ovvero un supporto economico per proseguire la carriera per una seconda stagione in Formula 3.

Verstappen sr. bussò però anche alla porta Mercedes, e Wolff mise sul piatto qualcosa in più, ovvero la promozione in GP2 e un possibile test in Formula 1.

Papà Jos continuò a fare la spola tra le due parti, fino a quando Marko dopo l’ennesimo rialzo di Wolff decise di rompere gli indugi, e gli schemi, proponendo un programma Formula 1 completo. E Max, all’epoca minorenne, si ritrovò in Toro Rosso da pilota titolare.

Cinque anni dopo non è da escludere che il ‘triangolo’ sia nuovamente attivo, ma questa volta potrebbe essere un motivato gioco delle parti.

Max ha un contratto che lo lega alla Red Bull fino al termine della prossima stagione, scadenza che coinciderà con il termine dell’attuale accordo tra Hamilton e la Mercedes, e Wolff sa molto bene che quando ci si siede al tavolo per un rinnovo con Lewis è sempre meglio avere un piano B.

Non solo per tutelarsi in caso di esito negativo, ma anche per non cedere a richieste economiche sempre più alte.

Al momento sono solo voci, ma funzionali alle varie situazioni, visto che anche Verstappen si trova oggi in un ruolo di forza nei confronti della Red Bull. Max sa bene che al momento il vivaio di Marko non ha nomi pronti a prendere il suo posto nel caso decida di lasciare il team, un’eventualità che sarebbe drammatica per la squadra, fresca orfana di Daniel Ricciardo.

E per questo, anche solo ventilare l’ipotesi di un cambio di casacca di Verstappen, basta e avanza ad allarmare al massimo Marko.

Anche se infondate, a Max le voci di un possibile cambio di casacca serviranno a concretizzare un rinnovo con la Red Bull ad un ingaggio da vero top-driver. Anche se infondate, a Wolff far credere di avere la disponibilità di Max agevolerà un eventuale rinnovo con Hamilton. Che la telefonata ci sia stata o meno cambia poco, l’effetto è già stato raggiunto.

Scorrimento
Lista

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
1/12

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
2/12

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
3/12

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
4/12

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Pierre Gasly, Red Bull Racing e Max Verstappen, Red Bull Racing, con Mobil per la 1000esima gara

Pierre Gasly, Red Bull Racing e Max Verstappen, Red Bull Racing, con Mobil per la 1000esima gara
5/12

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
6/12

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
7/12

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
8/12

Foto di: Joe Portlock / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, in pit lane

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, in pit lane
9/12

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/12

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
11/12

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, in pit lane

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, in pit lane
12/12

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Prossimo Articolo
Verstappen: "Abbiamo risolto i problemi del Bahrain, mi sento vicino al top"

Articolo precedente

Verstappen: "Abbiamo risolto i problemi del Bahrain, mi sento vicino al top"

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: sulla C38 si rivede il cofano motore senza la deriva della pinna

Alfa Romeo: sulla C38 si rivede il cofano motore senza la deriva della pinna
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie