Wolff: "Singapore pista Ferrari, ma dopo Monaco Mercedes ha imparato"

condivisioni
commenti
Wolff: "Singapore pista Ferrari, ma dopo Monaco Mercedes ha imparato"
Di:
11 set 2017, 14:56

Il boss di Mercedes Motorsport sa che a Singapore Ferrari e Red Bull dovrebbero essere le favorite, ma dopo Monte-Carlo il team tedesco ha capito come contrastare la supremazia dei rivali sui circuiti tortuosi.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08, Esteban Ocon, Sahara Force India F1 VJM10, Lance Stroll, Willia

Toto Wolff prevede un fine settimana in salita per la Mercedes a Singapore, ma allo stesso tempo conferma che la squadra ha lavorato molto dopo la débâcle di Montecarlo nella speranza di migliorare le sue chance: “Ci avviamo verso la gara asiatica in testa alle classifiche di campionato, ma con la consapevolezza che ci attende una grande sfida".

"Identificare i punti di forza e le debolezze è stato una delle migliori caratteristiche del nostro team nelle ultime stagioni, dopo ogni gara abbiamo sembra cercato di capire cosa ci ha portato ad ottenere delle buone o meno buone prestazioni. Nel 2015 a Singapore abbiamo subito una delle sconfitte più dolorose degli ultimi anni, ma ci siamo rimboccati le maniche riuscendo ad ottenere una grande vittoria 12 mesi fa”.

“Ma nonostante questo successo – ha chiarito Wolff – quello di Marina Bay resta un circuito che si conferma difficile per noi a causa della sua conformazione. In questo Mondiale abbiamo visto un’alternanza notevole di prestazioni da una pista all’altra".

"Sulla carta Singapore è il tipo di circuito che dovrebbe favorire Ferrari e Red Bull, visto che entrambe hanno già dimostrato una buona performance sulle tracciati a bassa velocità che richiedono un grande carico aerodinamico. A volte queste caratteristiche si sposano semplicemente con il DNA di una monoposto, tuttavia abbiamo imparato molto dal weekend di Monaco, ed il nostro livello di prestazioni è migliorato sensibilmente in Ungheria.

"Mi aspetto un fine settimana molto impegnativo per tutte le squadre: le condizioni ambientali rendono difficile la vita nel box, e sarà una sfida fisicamente impegnativa anche per i piloti, così come per le monoposto per quanto riguarda la gestione della temperatura di freni e pneumatici. Ogni componente della squadra dovrà dare il massimo per ottenere qualcosa di importante, cercando di mettere insieme tutti i pezzi del puzzle”.

Prossimo Articolo
Isola: "A Singapore fondamentale valutare usura e degrado in notturna"

Articolo precedente

Isola: "A Singapore fondamentale valutare usura e degrado in notturna"

Prossimo Articolo

La F.1 spinge per far utilizzare di più i piloti di F.2 nelle libere

La F.1 spinge per far utilizzare di più i piloti di F.2 nelle libere
Carica commenti