Wolff: "Red Bull avrebbe successo nel gestire i motori Honda"

Toto Wolff ha ammesso che la Red Bull sarebbe in grado di gestire i motori Honda autonomamente ed ha spiegato i motivi per i quali questa scelta dovrebbe essere appoggiata dagli altri costruttori.

Wolff: "Red Bull avrebbe successo nel gestire i motori Honda"

Dopo l’annuncio dello scorso mese con il quale Honda ha comunicato il proprio addio alla Formula 1 alla fine della prossima stagione, la Red Bull si trova nella scomoda situazione di trovare un fornitore di power unit a partire dal 2022.

Se il team diretto da Horner, da un lato, ha la possibilità di tornare ad essere una scuderia cliente qualora si legasse daccapo alla Renault, dall’altro la Red Bull ha reso evidente come la sua opzione preferita sarebbe quella di rilevare le attuali power unit Honda per gestirle autonomamente.

Una soluzione di questo tipo, però, richiederebbe il congelamento dello sviluppo dei motori in Formula 1 e questo perché il team anglo austriaco non sarebbe in grado di sviluppare le power unit al pari degli altri costruttori presenti.

Le speranze che questo congelamento si verifichi, però, sono davvero minime. Renault e Ferrari, infatti, si sono opposte all’idea mentre Mercedes è stata l’unica Casa favorevole.

In aggiunta a ciò sono arrivate anche le dichiarazioni di Toto Wolff. Secondo il manager austriaco la Red Bull è una ottima società di ingegneria ed una eventuale acquisizione dei motori giapponesi potrebbe dare dei grandi risultati.

“Red Bull non è un team di grande successo, ma anche una società di ingegneria”.

“Sembra che la Honda abbia svolto un ottimo lavoro con gli ultimi aggiornamenti portati sulla loro power unit. Sono certo che hanno qualcosa di buono in cantiere e che daranno il massimo anche la prossima stagione nonostante sia l’ultima per la Casa giapponese in F1”.

“Per questo motivo penso che la Red Bull possa avere successo nel gestire e nello sviluppare le power unit giapponesi. Tuttavia bisogna pensare a medio termine perché si dovrà lavorare ad un nuovo concetto di motore che potrebbe essere introdotto già nel 2024 o nel 2025. Ed è su questo progetto che si sposterà l’attenzione di tutti”.

Wolff ha poi affermato come, secondo lui, la F1 potrà avere una buona immagine anche con soli tre costruttori all’attivo ma sarebbe ideale, per il bene dello sport, guardare al quadro generale e capire i benefici che potrebbero derivare dal consentire alla Red Bull di poter sviluppare i motori in autonomia.

“Credo che per loro non sia il massimo tornare allo status di team cliente. Credo che la Honda abbia svolto un ottimo lavoro ed in Red Bull sono fiduciosi di poter fare un ulteriore passo in avanti. Comunque capisco i motivi per i quali non vogliono entrare in una guerra di spese con tutti gli altri costruttori per lo sviluppo dei motori”.

“È una proposta sensata che vorrei sostenere. Penso che la Red Bull sia un marchio estremamente importante per la Formula 1, e dovremmo fare di tutto per mantenere le due squadre in Formula 1 e aiutarle con la possibilità di essere un costruttore indipendente”.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
4/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
5/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
6/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
7/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
9/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lando Norris, McLaren MCL35, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Lando Norris, McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Lando Norris, McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, e Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, leads, Sergio Perez, Racing Point RP20, e il resto del gruppo alla partenza
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, leads, Sergio Perez, Racing Point RP20, e il resto del gruppo alla partenza
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
17/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
18/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
19/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
20/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
22/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Crisi Stroll: non è solo una questione legata al COVID

Articolo precedente

Crisi Stroll: non è solo una questione legata al COVID

Prossimo Articolo

F1 lancia Fragrances Engineered Collection

F1 lancia Fragrances Engineered Collection
Carica commenti
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021