Wolff: "Mercedes non è una famiglia. Per vincere vogliamo stress e liti"

Il boss della Mercedes pensa che per far funzionare al meglio le cose Hamilton e Bottas debbano avere momenti di tensione tra loro, oltre al bel rapporto del 2017.

Wolff: "Mercedes non è una famiglia. Per vincere vogliamo stress e liti"
Podio: il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, il secondo classificato Lewis Hamil
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Podio: il secondo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il vincitore della gara Valtteri Bot
Il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggia con la moglie Emilia
Il secondo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il vincitore della gara Valtteri Bottas, Me
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08

Poche settimane fa è terminata la prima stagione in cui Mercedes ha schierato Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Per la prima volta dopo 3 anni il team di Brackley ha avuto un solo pilota in lizza per il titolo mondiale, Lewis Hamilton, il quale è riuscito a portarlo a casa portando a 4 le stagioni vincenti per le Frecce d'Argento.

Dopo la stagione d'assestamento di Bottas, il team ha chiarito tramite le parole del boss Toto Wolff di volere entrambi i piloti in lotta sino alla fine per vincere il titolo l'anno prossimo. I due quest'anno hanno avuto un buon rapporto - non certo come quello tra Lewis e Rosberg nei tre anni precedenti - ma solo raramente il finlandese è riuscito a impensierire il 4 volte iridato.

"Non penso si debbato evitare situazioni stressanti", ha detto Wolff. "Dobbiamo sapere che se i due saranno in lotta per il titolo, ci sarà una rivalità. Sappiamo che sarà così. Non stiamo cercando di costruire una famiglia, vogliamo solo essere un team da corsa che sia efficace. C'è bisogno di stress, tensione, anche liti unite a calma e atteggiamento positivo. Avere un mix di queste cose credo sia la ricetta per il successo".

Wolff ha elogiato Bottas per la sua stagione 2017 e crede che le difficoltà che ha avuto nella seconda parte della stagione lo abbiano fortificato. "I migliori sono quelli che si riprendono dai brutti momenti. Forse tra qualche anno ci guarderemo alle spalle e diremo che le difficoltà che ha avuto quest'anno sono arrivate nel momento importante".

"Noi possiamo solo essere trasparenti verso entrambi, supportarli dove possiamo, ma alla fine sono soli al volante delle monoposto e dovranno cavarsela da soli. Valtteri è un finlandese, non si può vedere quanto questa mezza stagione difficile lo abbia destabilizzato. Ma ha avuto la forza di fare un passo indietro e tornare sui suoi passi".

"Nella parte finale della stagione, Valtteri ha fatto buone gare ed è migliorato di appuntamento in appuntamento. Poi ha fatto un fine settimana eccezionale ad Abu Dhabi".

Wolff ha infine affermato che chiudere la stagione con una vittoria è stato un toccasana per Bottas, che così potrà affrontare al meglio l'inverno e prepararsi bene per la prossima stagione.

"Penso sia stato molto importante perché ha avuto una sessione di Qualifiche e una gara davvero buona, in cui Bottas ha avuto sempre tutto sotto controllo. Una bella gara sua e di Lewis. Penso che questa vittoria possa essere un buon modo per affrontare l'inverno dopo un momento difficile".

condivisioni
commenti
In vendita al pubblico la... Sauber C30-Ferrari del 2011!

Articolo precedente

In vendita al pubblico la... Sauber C30-Ferrari del 2011!

Prossimo Articolo

Wolff: "Il cambio delle regole pensato per impedirci di vincere"

Wolff: "Il cambio delle regole pensato per impedirci di vincere"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021