Wolff: "La rivalità tra Vettel e Leclerc può avere un'escalation"

condivisioni
commenti
Wolff: "La rivalità tra Vettel e Leclerc può avere un'escalation"
Di:
25 set 2019, 09:07

La dinamica che si è creata tra Charles Leclerc e Sebastian Vettel ha il potenziale per creare una rivalità all'interno della Ferrari: è questa la convinzione del team principal rivale, Toto Wolff.

Vettel ha vinto il Gran Premio di Singapore rientrando ai box un giro prima rispetto a Leclerc, che in quel momento era al comando della corsa. Cosa che è andata contro la solita politica della Ferrari, che è di fermare prima la vettura più avanti in classifica.

Leclerc ha più volte ribadito il suo disappunto per l'accaduto via radio, ma poi si è calmato dopo la gara, anche se Vettel dopo la gara si è lasciato scappare un: "sarebbe sbagliato pensare di poter essere più grande di questa squadra".

Ora in casa Mercedes c'è un rapporto molto sereno tra Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, ma anche nella squadra di Brackley c'era stata un po' di animosità tra il 2014 ed il 2016 quando il pilota britannico si è giocato il Mondiale con Nico Rosberg.

Leggi anche:

Wolff ha dichiarato: "Penso che avere due piloti alfa, sempre in compezione per la posizione, abbia il potenziale per creare un'escalation nella rivalità all'interno della squadra".

"Lo abbiamo vissuto anche noi e penso che oggi come squadra siamo molto più forti, con una filosofia chiara".

"La cosa positiva è che Leclerc e Vettel continuano a prendersi punti a vicenda, questo è un vantaggio, ma non voglio guardare ai punti in questa fase".

"Si tratta di ottimizzare il pacchetto che hai a disposizione, vincere le gare e fare il massimo. E noi non l'abbiamo fatto a Singapore".

Il quattro volte campione del mondo Vettel ha iniziato la stagione da pilota di punta della Ferrari, ma il 21enne Leclerc ha conquistato cinque pole position e due vittorie nel suo primo anno in squadra e al momento è quattro punti avanti in campionato.

In realtà, tra i due piloti non c'è stato alcun problema a Singapore e Lecler era arrabbiato soprattutto per la comunicazione sulla strategia che aveva avuto con la squadra.

Quando gli è stato domandato cosa pensa della comunicazione all'interno della Ferrari, Leclerc ha dichiarato: "Il livello a cui parliamo all'interno del team è molto buono. Poi ci potranno essere sempre delle situazioni di cui non hai parlato, altrimenti i meeting durerebbero otto ore e sono già molto lunghi così!".

 

Vettel ha aggiunto: "Ovviamente proviamo a parlare di tutti gli scenari possibili, cosa può succedere in gara e così via. Penso che la nostra sia una squadra eccezionale e la squadra è al primo posto. Ma penso che ne siamo consapevoli tutti".

La sosta anticipata di Vettel a Singapore è stata una reazione a quella della Red Bull di Verstappen, che era in quarta posizione, inoltre poteva anche permettere al ferrarista di guadagnare la seconda posizione ai danni di Hamilton.

"Non appena ho ricevuto la chiamata ai box, ho cercato di spingere il più possibile, perché sapevo che dietro di me c'era Max che voleva prendermi la posizione" ha detto Vettel.

"Sapevo che era un momento cruciale per la mia gara, per cercare di saltare davanti a Lewis".

"Dopo di che mi sono ritrovato in testa e da lì ho provato a controllare il ritmo, provando a sorpassare quando ero nel traffico per controllare la gara fino alla fine".

Prossimo Articolo
Todt non vede candidati "solidi" per un nuovo team di F1

Articolo precedente

Todt non vede candidati "solidi" per un nuovo team di F1

Prossimo Articolo

Ferrari: il "ragno" cambia, nuovo simulatore

Ferrari: il "ragno" cambia, nuovo simulatore
Carica commenti