Wolff: "La fiducia di Bottas è tornata quella di prima dell'estate"

condivisioni
commenti
Wolff: "La fiducia di Bottas è tornata quella di prima dell'estate"
Di:
26 nov 2017, 09:33

Il direttore di Mercedes Motorsport non ha mai dubitato della velocità di Valtteri: il finlandese ha colto la quarta pole stagionale con un giro perfetto, potendo sfruttare la piena potenza della power unit.

Il poleman Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 parla con Mark Webber
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08
Pole position per Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes-Benz F1 W08
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, scatta una foto con un fan
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08

Non è semplice trovare degli argomenti di confronto con Toto Wolff dopo l’ultima qualifica di un Mondiale che ha già emesso i suoi verdetti di peso. Ma il sabato di Abu Dhabi qualche curiosità l’ha portata a galla.

Ad iniziare da un Bottas tornato in formato pre-pausa estiva, ovvero quando riusciva ad essere coriaceo e veloce al punto da mantenere sempre Hamilton a tiro.

“Nelle ultime gare la sua fiducia è tornata ad essere ai livelli giusti – ha commentato Wolff - abbiamo visto una qualifica fantastica in Brasile ed una grande qualifica anche qui ad Abu Dhabi. Si starà ancora ‘frustando’ per la partenza a Interlagos, ma credo che siano cose che possono accadere".

"E’ più complesso di quanto sembri, perché i piloti non vedono bene negli specchietti retrovisori quando un pilota si trova nella posizione in cui era Sebastian, e non voleva correre rischi. Non ho assolutamente mai dubitato della velocità ‘grezza’ di Valtteri, e oggi l’abbiamo potuta vedere. La difficoltà nasce nella gestione delle gomme legata al setup e al saper lavorare per ottimizzare tutto in questa direzione. Questo è un fronte su cui Lewis ha lavorato meglio”.

L’impressione è che in Mercedes abbiano fatto tutto il possibile per supportare l’ultimissima chance concessa a Bottas per provare a scavalcare Vettel nella classifica finale del Mondiale, ovvero vincere la corsa di Yas Marina e sperare che la Ferrari numero 5 possa accusare dei problemi.

Nel box campione del Mondo hanno lavorato per la prima delle due condizioni, consentendo a Bottas di sfruttare tutto il possibile della sua power unit in qualifica, e l’obiettivo è stato raggiunto con la seconda pole position consecutiva. Ad Interlagos era arrivata con Hamilton fermo contro le barriere in Q1, due settimane dopo con Lewis alle spalle.

L’impresa per Valtteri è ardua, ma nulla vuole essere lasciato intentato. Se Bottas non riuscirà a raggiungere l’obiettivo, sarà la prima volta (da quando la Formula 1 è entrata nell’era ibrida) che la Mercedes non porterà a casa quella ‘doppietta’ garantita dal tandem Hamilton-Rosberg nel triennio precedente.

Può essere visto come un passo indietro, ma in termini di atmosfera nel team, due ruoli più definiti hanno di fatto reso l’aria nel box più respirabile rispetto a dodici mesi fa. Pomeriggio ci sarà l’ultima partenza della stagione, e l’impressione è che (se Mercedes confermerà il passo visto in qualifica) la corsa si disputerà nei metri che separano la prima fila dalla prima curva.

Chi sfilerà al comando è probabile che potrà gestirsi la gara in parziale tranquillità. E nel caso dovesse essere Hamilton ad involarsi al comando, con l’unica condizione di dare strada al compagno in caso di notizie che…non si augurano proprio di avere in casa Ferrari.

Prossimo Articolo
Pirelli, Isola: "La finestra per il pit stop è piuttosto ampia"

Articolo precedente

Pirelli, Isola: "La finestra per il pit stop è piuttosto ampia"

Prossimo Articolo

La Force India non cambia nome? Colpa dei "cybersquatter"!

La Force India non cambia nome? Colpa dei "cybersquatter"!
Carica commenti