Wolff: "Il giro veloce di Bottas? Sfacciato, ma comprensibile"

Toto Wolff ha spiegato come il giro più veloce ottenuto da Bottas, e poi strappato daccapo nel finale da Hamilton, sia comprensibile anche in considerazione del livello di frustrazione del finlandese.

Wolff: "Il giro veloce di Bottas? Sfacciato, ma comprensibile"

Per la Mercedes il GP di Zandvoort non è stata una passeggiata. Le W12 di Hamilton e Bottas non sono riuscite a reggere il ritmo della Red Bull di Max Verstappen ed il team ha anche pasticciato con la strategia nel tentativo di sorprendere l’olandese.

Nei giri conclusivi, poi, si è anche assistito ad un colpo di scena inatteso. La squadra ha richiamato ai box Valtteri Bottas per un cambio gomme precauzionale ed ha montato sulla monoposto del finlandese gomme soft.

Bottas, complice la mescola più tenera, ha spinto al massimo realizzando il giro più veloce strappando così il punto addizionale a Lewis Hamilton. Il sette volte campione del mondo si è visto così costretto ad effettuare anch’egli una sosta supplementare per montare le Pirelli rosse e riprendersi all’ultimo passaggio il punto messo in palio con il giro più veloce.

Al termine della gara Toto Wolff è intervenuto per chiarire quanto avvenuto in pista tra i suoi due piloti. Il manager austriaco si è mostrato comprensibile nei confronti di Bottas, ma ha sottolineato come vorrà parlare con il finlandese per chiarire la faccenda.

“È stato un po' sfacciato, ma è comprensibile. Ha alzato il piede in modo importante nell’ultimo settore perché era chiaro che Lewis avrebbe dovuto fare il giro più veloce e Valtteri lo sapeva. È Lewis a lottare per il titolo. Ha ottenuto il punto ed è andata bene”.

“Alla fine Lewis avrebbe potuto perdere il punto in palio e non sarebbe stato giusto perché fino a quel momento era lui a detenere il giro più veloce. Bisogna però anche capire il grado di frustrazione di Valtteri”.

“Dovremo affrontare la questione, ma nel modo più amichevole e professionale possibile”.

Bottas, giunto in terza posizione, ha voluto spiegare quanto accaduto. Il finlandese, che quest’anno dovrebbe concludere la sua avventura in Mercedes, ha affermato di non aver voluto creare problemi al suo compagno di team, consapevole che ogni punto in questa stagione potrà essere fondamentale nella lotta contro Verstappen, e di aver sollevato il piede nel terzo settore per non creare imbarazzi.

“Ad essere onesti la sosta è stata effettuata per motivi di sicurezza anche in considerazione del margine che avevo sul quarto, ed è stata una scelta giusta”.

“Stavo spingendo al massimo nei primi due settori, ma poi il team mi ha chiesto di rallentare nell’ultimo. Io, però, stavo giocando. Sono consapevole che Lewis aveva bisogno di quel punto supplementare dato che è in lotta per il titolo”.

“Sapevo che anche Lewis si sarebbe fermato ed ero consapevole che rallentando notevolmente nell’ultimo settore sarebbe stato lui ad ottenere il giro più veloce”.

 

condivisioni
commenti
Lap chart F1: Red Bull vola, Mercedes insegue

Articolo precedente

Lap chart F1: Red Bull vola, Mercedes insegue

Prossimo Articolo

Max, l'imperturbabile che ha mosso la nazione orange

Max, l'imperturbabile che ha mosso la nazione orange
Carica commenti
Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1 Prime

Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1

L'incertezza che ancora regna sul calendario di F1 non è un problema soltanto per team, piloti, addetti ai lavori e fan. Mark Gallagher spiega le difficoltà finanziarie che stanno attraversando anche i promoter del gran premi.

Formula 1
3 ott 2021
Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022 Prime

Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022

Il messicano ha sofferto particolarmente in questi ultimi appuntamenti, complici episodi sfortunati ed una vettura creata sulle esigenze di Verstappen. Il 2022, con auto ad effetto suolo, potrà essere l'occasione del riscatto.

Formula 1
2 ott 2021
Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo Prime

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo

Le power unit V6 da 1.6 litri di cubatura hanno fatto il loro esordio nel 2014, in Formula 1. A fronte dell'imminente - ed immane - cambio regolamentare previsto per il 2022, cerchiamo di spiegare perché abbia senso continuare ancora con questo tipo di unità propulsive

Formula 1
2 ott 2021
Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000 Prime

Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000

Nei primi anni 90 la Lotus è stata una lontana parente del team vincente del passato ed i numerosi tentativi di riportare in auge il marchio negli anni seguenti si sono sempre rivelati un buco nell'acqua.

Formula 1
1 ott 2021
Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato" Prime

Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato"

Abbiamo intervistato Yuki Tsunoda, pilota AlphaTauri. La stagione d'esordio in Formula 1, per il giapponese, è iniziata sugli scudi dopo una prestazione importante in quel del Bahrain, per poi andar via via in calando. Ecco cosa ci ha rivelato direttamente Yuki e, soprattutto, quali consigli darebbe a sé stesso più giovane per avere un approccio migliore al mondo delle corse.

Formula 1
1 ott 2021
GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory Prime

GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory

Lewis Hamilton ha conquistato la centesima vittoria in carriera in un Gran Premio di Russia che definire "emozionante" è riduttivo. Andiamo a ripercorrere i momenti salienti del fine settimana

Formula 1
30 set 2021
Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore Prime

Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore

La squadra campione ha sbagliato i tempi per fermare troppo presto lo sviluppo della W12 e per dedicare a tempo pieno staff tecnico e risorse alla monoposto 2022, mentre in Rud Bull hanno continuato a progredire con la RB16B. Per contrastare l'ascesa di Verstappen, la Stella ha dovuto cominciare a spremere la power unit, mettendo a rischio la proverbiale affidabilità in una sfida che non è solo fra i due campioni, ma anche tecnica.

Formula 1
29 set 2021
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Formula 1
28 set 2021