Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
24 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
96 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
104 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
114 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
121 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
135 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
149 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
177 giorni
02 set
Prossimo evento tra
184 giorni
09 set
Prossimo evento tra
191 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
219 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
240 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
285 giorni

Wolff: "Con i nuovi motori non possiamo sbagliare"

Toto Wolff ha lanciato l'allarme in merito alle linee guida che andranno a regolamentare le nuove power unit. Per Wolff non si dovranno ripetere gli stessi errori commessi sia nel 2011 che nel 2012.

condivisioni
commenti
Wolff: "Con i nuovi motori non possiamo sbagliare"

Quale sarà il futuro della Formula 1? E’ questa la domanda che si pongono tutti gli appassionati della categoria ed a cui stanno cercando di dare risposta i team, Liberty Media e la Federazione Internazionale.

Se a partire dal 2022 le monoposto verranno rivoluzionate con l’introduzione di un nuovo regolamento tecnico che, almeno nelle intenzioni, dovrebbe aumentare lo show in pista, è la partita per le nuove power unit che saranno adottate dal 2026 che al momento sta facendo tribolare più una persona.

La crisi economica globale derivante dalla pandemia da COVID-19 ha colpito duramente il mondo dell’auto, e la Formula 1 non può permettersi di sbagliare strada nel definire quelle che saranno le linee guida per i motori del futuro.

Su questo argomento è voluto intervenire Toto Wolff. Il manager austriaco della Mercedes ha voluto sottolineare come la Formula 1 non possa prescindere da quanto stia accadendo nel mondo delle auto di serie per capire quale direzioni prendere nel delineare i regolamenti per le power unit future.

“Le discussioni stanno procedendo in maniera positiva. E’ interessante vedere dove sta andando il mondo dell’industria automobilistica perché tutto il settore si sta spingendo verso la direzione della mobilità elettrica”.

“Nonostante ciò, c’è anche un nuovo modo di guardare al funzionamento dei motori termici combinati con quelli elettrici”.

Ibrido sì, quindi, ma meno complesso. E’ questo il pensiero di Wolff che ha ammesso candidamente come l’introduzione delle attuali power unit sia stato un errore per varie ragioni.

“Credo che la Formula 1 dovrà valutare con attenzione il contenimento dei costi. Sviluppare una power unit completamente nuova non è la strada da seguire”.

“Siamo consapevoli degli errori che sono stati fatti nel 2011 e nel 2012 quando è stato dato il via libera a dei motori molto efficienti ma anche estremamente sofisticati e complessi”.

Quale sarà, quindi, la strada che dovrà seguire la Formula 1 per i motori che verranno introdotti a partire dal 2026? Secondo Wolff si dovrà adottare sempre un motore ibrido, magari più potente, ma alimentato con carburanti di nuova generazione.

“Credo che dobbiamo trovare la giusta combinazione con quello che abbiamo al momento, magari aumentando la potenza ibrida così da avere un miglior rapporto tra l’endotermico alimentato con carburanti sostenibili e le unità elettriche”.

“Non credo che il punto centrale sia la semplificazione quanto il contenimento dei costi. Oltre ad una parte elettrica dotata di una batteria più potente, il futuro si giocherà sui carburanti sostenibili”.

A sostegno della tesi di Wolff è intervenuto Chase Carey. In occasione di un incontro con gli investitori di Liberty Media il CEO uscente ha affermato come la F1 debba puntare all’obiettivo di diventar carbon neutral entro 10 anni.

“In cima alla lista delle nostre priorità, sia per quel che riguarda la sostenibilità che per quel che riguarda il nostro sport, c’è un progetto dedicato allo sviluppo dei motori che possa soddisfare gli obiettivi di sostenibilità non solo dei costruttori, ma anche della società”.

“Per molto tempo la Formula 1 è stata la piattaforma di sperimentazione per i progressi tecnologici in campo automobilistico. Siamo certi che avremo la possibilità di proseguire su questa strada con un motore di nuova generazione che combini la tecnologia ibrida con l’utilizzo di carburanti avanzati”.

“E’ chiaro che l’elettrico sarà sempre una componente fondamentale, ma avere un motore termico carbon neutral è altrettanto importante per soddisfare gli obiettivi di sostenibilità delle Case e dell’intera società”.

Informazioni aggiuntive di Adam Cooper

Barrichello: "Hamilton è migliore di Schumacher"

Articolo precedente

Barrichello: "Hamilton è migliore di Schumacher"

Prossimo Articolo

Mekies: "Le difficoltà del 2020 ci hanno reso più forti"

Mekies: "Le difficoltà del 2020 ci hanno reso più forti"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Toto Wolff
Team Mercedes
Autore Marco Di Marco
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021
Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri Prime

Gasly: i pro e i contro della permanenza in AlphaTauri

Il pilota francese proseguirà la sua esperienza con AlphaTauri anche nel 2021 ed avrà il compito di essere la guida del team di Faenza. Il mancato ritorno in Red Bull dopo un 2020 spettacolare, però, potrebbe segnare il suo futuro.

Formula 1
26 feb 2021
I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap? Prime

I team di Formula 1 potranno aggirare il budget cap?

Il 2021 vedrà alcune modifiche tecniche e regolamentari che potrebbero avere un grande impatto sullo show in pista. Rodi Basso ha analizzato i pro e i contro, con una particolare attenzione alle zone grigie del budget cap.

Formula 1
26 feb 2021