Wolff: "Con i nuovi motori non possiamo sbagliare"

Toto Wolff ha lanciato l'allarme in merito alle linee guida che andranno a regolamentare le nuove power unit. Per Wolff non si dovranno ripetere gli stessi errori commessi sia nel 2011 che nel 2012.

Wolff: "Con i nuovi motori non possiamo sbagliare"

Quale sarà il futuro della Formula 1? E’ questa la domanda che si pongono tutti gli appassionati della categoria ed a cui stanno cercando di dare risposta i team, Liberty Media e la Federazione Internazionale.

Se a partire dal 2022 le monoposto verranno rivoluzionate con l’introduzione di un nuovo regolamento tecnico che, almeno nelle intenzioni, dovrebbe aumentare lo show in pista, è la partita per le nuove power unit che saranno adottate dal 2026 che al momento sta facendo tribolare più una persona.

La crisi economica globale derivante dalla pandemia da COVID-19 ha colpito duramente il mondo dell’auto, e la Formula 1 non può permettersi di sbagliare strada nel definire quelle che saranno le linee guida per i motori del futuro.

Su questo argomento è voluto intervenire Toto Wolff. Il manager austriaco della Mercedes ha voluto sottolineare come la Formula 1 non possa prescindere da quanto stia accadendo nel mondo delle auto di serie per capire quale direzioni prendere nel delineare i regolamenti per le power unit future.

“Le discussioni stanno procedendo in maniera positiva. E’ interessante vedere dove sta andando il mondo dell’industria automobilistica perché tutto il settore si sta spingendo verso la direzione della mobilità elettrica”.

“Nonostante ciò, c’è anche un nuovo modo di guardare al funzionamento dei motori termici combinati con quelli elettrici”.

Ibrido sì, quindi, ma meno complesso. E’ questo il pensiero di Wolff che ha ammesso candidamente come l’introduzione delle attuali power unit sia stato un errore per varie ragioni.

“Credo che la Formula 1 dovrà valutare con attenzione il contenimento dei costi. Sviluppare una power unit completamente nuova non è la strada da seguire”.

“Siamo consapevoli degli errori che sono stati fatti nel 2011 e nel 2012 quando è stato dato il via libera a dei motori molto efficienti ma anche estremamente sofisticati e complessi”.

Quale sarà, quindi, la strada che dovrà seguire la Formula 1 per i motori che verranno introdotti a partire dal 2026? Secondo Wolff si dovrà adottare sempre un motore ibrido, magari più potente, ma alimentato con carburanti di nuova generazione.

“Credo che dobbiamo trovare la giusta combinazione con quello che abbiamo al momento, magari aumentando la potenza ibrida così da avere un miglior rapporto tra l’endotermico alimentato con carburanti sostenibili e le unità elettriche”.

“Non credo che il punto centrale sia la semplificazione quanto il contenimento dei costi. Oltre ad una parte elettrica dotata di una batteria più potente, il futuro si giocherà sui carburanti sostenibili”.

A sostegno della tesi di Wolff è intervenuto Chase Carey. In occasione di un incontro con gli investitori di Liberty Media il CEO uscente ha affermato come la F1 debba puntare all’obiettivo di diventar carbon neutral entro 10 anni.

“In cima alla lista delle nostre priorità, sia per quel che riguarda la sostenibilità che per quel che riguarda il nostro sport, c’è un progetto dedicato allo sviluppo dei motori che possa soddisfare gli obiettivi di sostenibilità non solo dei costruttori, ma anche della società”.

“Per molto tempo la Formula 1 è stata la piattaforma di sperimentazione per i progressi tecnologici in campo automobilistico. Siamo certi che avremo la possibilità di proseguire su questa strada con un motore di nuova generazione che combini la tecnologia ibrida con l’utilizzo di carburanti avanzati”.

“E’ chiaro che l’elettrico sarà sempre una componente fondamentale, ma avere un motore termico carbon neutral è altrettanto importante per soddisfare gli obiettivi di sostenibilità delle Case e dell’intera società”.

Informazioni aggiuntive di Adam Cooper

condivisioni
commenti
Barrichello: "Hamilton è migliore di Schumacher"
Articolo precedente

Barrichello: "Hamilton è migliore di Schumacher"

Prossimo Articolo

Mekies: "Le difficoltà del 2020 ci hanno reso più forti"

Mekies: "Le difficoltà del 2020 ci hanno reso più forti"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021