Formula 1
02 lug
-
05 lug
Prove Libere 3 in
15 Ore
:
53 Minuti
:
01 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
6 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
33 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
118 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
132 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
146 giorni

Wolff: "Ci aspettavamo di essere più competitivi"

condivisioni
commenti
Wolff: "Ci aspettavamo di essere più competitivi"
Di:
28 lug 2019, 09:04

Il team principal Mercedes, a prescindere dalla pole di Hamilton, non è soddisfatto delle prestazioni delle frecce d'argento: "Abbiamo portato un pacchetto di novità importanti e non abbiamo capito ancora bene come mettere a punto la vettura per ottimizzare il bilanciamento aerodinamico".

“Ci aspettavamo di essere molto più competitivi questo weekend”. Un team principal ha iniziato così la conferenza stampa post-qualifiche di Hockenheim. Di chi si tratta? Non è Franz Tost, neanche Claire Williams o Cyril Abiteboul.

A parlare è Toto Wolff, il quale mette subito tutto in chiaro, perché detta così può sembrare una spacconata in linea con il look anni ’50 sfoggiato nel sabato di Hockenheim: “Guardate che il quadro generale sarebbe stato ben diverso se le due Ferrari avessero terminato le qualifiche”.

In altre occasioni parole molto simili di Wolff erano sembrate un abile modo di spostare l’attenzione altrove, ma in questo caso i dati sembrano sposare la sua tesi. Ai fini pratici però cambia poco, perché alla fine in pole c’è sempre Lewis Hamilton, e Valtteri Bottas scatterà alle sue spalle, un’ipoteca pesantissima sul risultato del Gran Premio che scatterà oggi pomeriggio.

Davvero non siete contenti dalle performance vista in qualifica?
“Abbiamo portato un pacchetto di aggiornamenti importanti, sappiamo quanto qui a Hockenheim sia importante la velocità di punta, e quanto sia cruciale il terzo settore per valutare il problema del surriscaldamento. Analizzando tutto, non siamo contenti delle nostre prestazioni”.

Cosa non quadra?
“Vediamo che il pacchetto di aggiornamento sotto molti aspetti va come nelle aspettative, ma ci sono così tanti fattori da considerare come il layout del circuito, l'asfalto, le temperature e non abbiamo capito ancora bene come mettere a punto l'auto per ottimizzare il bilanciamento aerodinamico. Ci sono molte variabili che andranno analizzate prima di Budapest”.

Credi che la Red Bull possa essere una minaccia?
“Sì, si chiama Max Verstappen. In condizioni calde e di asfalto ruvido Max, e in generale la Red Bull, hanno già mostrato un ottimo ritmo di gara gestendo in modo perfetto le gomme. Sono indubbiamente una minaccia”.

C’è stato realmente l’allarme per le condizioni di salute di Lewis?
“Sì, alla vigilia del fine settimana mi ha detto che non si sentiva bene, e sappiamo che c’è un'influenza in giro per il paddock. Sapevamo che Esteban (Ocon) sarebbe stato in pista con noi tutto il weekend, ci siamo semplicemente preparati qualora ci fosse stato bisogno”.

Abbiamo visto l’importanza degli errori nel confronto Ferrari-Mercedes...
“Non posso sapere cosa accade in Ferrari, posso dire che li rispettiamo come uno dei migliori brand al mondo e come uno dei team più importanti in Formula 1, se non il più importante. Abbiamo sempre apprezzato la competizione con loro, ci divertiamo, ci arrabbiamo, ci si confronta, ed è ciò di cui ha bisogno lo sport: dramma e gloria".

"Il Gran Premio di Germania è la gara di casa di Sebastian, e lo abbiamo visto uscire dalla macchina senza prendere parte alle qualifiche, così come abbiamo visto Charles, che era in grado di competere per la pole position, non iniziare la sessione Q3. In questi casi sappiamo cosa vuol dire, come ci si sente, è qualcosa che abbiamo provato in passato".

"Abbiamo subito sconfitte seguite da altre sconfitte, momenti difficili da gestire, ma sappiamo anche che questa è la competizione più dura che esiste nel mondo delle corse automobilistiche e trovare il giusto equilibrio tra la ricerca di prestazioni e l’affidabilità è molto difficile. Non conosco ciò che è successo, Mattia mi ha detto che è accaduto qualcosa di diverso sulle due monoposto, problemi mai visti prima”.

Nella sessione Q1 vi siete confermati sui livelli delle prove libere, poi in Q2 e Q3 c’è stato un notevole salto in avanti. Cosa ha portato la svolta?
“A saperlo… a volte nonostante tutti questi dati, sensori e gli ingegneri più intelligenti del pianeta, non si riesce a dare una risposta precisa. Sappiamo quanto sia importante la preparazione prima di lanciarsi per il giro veloce, e nel Q1 non siamo riusciti a lavorare al meglio su questo fronte a causa del traffico".

"Per la Mercedes la prima sessione non è la priorità delle qualifiche, ma serve per capire come operare al meglio in Q2 e Q3. Non abbiamo ancora la situazione sotto controllo perché il pacchetto di aggiornamenti ha introdotto delle variabili ancora poco familiari nell’equazione generale, speriamo da Budapest di capirci di più”.

Mancano tre mesi ed una settimana alla scadenza dei regolamenti 2021. C’è un po' di frustrazione nel non avere ancora messo tutto nero su bianco?
“Non la definirei frustrazione poiché tutte le parti condividono gli stessi obiettivi: vogliamo ridurre i costi mantenendo gli elementi che differenziano le prestazioni, la Formula 1 è l'apice delle corse automobilistiche e deve essere una categoria ad alto contenuto tecnologico".

"Ciò che abbiamo concordato è di esaminare ogni singolo aspetto per valutare se la sua standardizzazione può effettivamente ridurre i costi. In passato abbiamo visto che a volte si sposa un’idea per e poi successivamente si scopre che di vantaggi economici non ce ne sono, e questi si che provoca frustrazione, sia in chi aveva proposto la soluzione che in chi era contrario. Penso che valga la pena provare, e non lasciare nulla di intentato fino a quando non reggiungeremo questo obiettivo comune”.

Scorrimento
Lista

Toto Wolff, team principal, Mercedes AMG

Toto Wolff, team principal, Mercedes AMG
1/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, arriva in griglia di partenza dopo aver conquistato la pole position

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, arriva in griglia di partenza dopo aver conquistato la pole position
2/11

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, viene riportato nel garage, durante le Qualifiche

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, viene riportato nel garage, durante le Qualifiche
3/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il secondo classificato Max Verstappen, Red Bull Racing

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il secondo classificato Max Verstappen, Red Bull Racing
4/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia nel parco chiuso

Il poleman Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia nel parco chiuso
5/11

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
6/11

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, ai box durante le prove libere

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, ai box durante le prove libere
7/11

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Il pit stop di Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, riflesso nel casco di un meccanico

Il pit stop di Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, riflesso nel casco di un meccanico
8/11

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

I meccanici Mercedes AMG F1 puliscono la Mercedes AMG F1 W10

I meccanici Mercedes AMG F1 puliscono la Mercedes AMG F1 W10
9/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I meccanici Mercedes AMG F1 posano per una foto davanti a una Mercedes AMG F1 W10, nel garage

I meccanici Mercedes AMG F1 posano per una foto davanti a una Mercedes AMG F1 W10, nel garage
10/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del freno anteriore

Mercedes AMG F1 W10, dettaglio del freno anteriore
11/11

Foto di: Giorgio Piola

Prossimo Articolo
Ferrari in ginocchio: due stop nel giorno del riscatto!

Articolo precedente

Ferrari in ginocchio: due stop nel giorno del riscatto!

Prossimo Articolo

Ferrari: c'è un segreto nella SF90 veloce a Hockenheim?

Ferrari: c'è un segreto nella SF90 veloce a Hockenheim?
Carica commenti