Williams: Russell in lacrime dopo aver chiuso a punti

Il GP d'Ungheria ha consentito alla Williams di balzare in ottava posizioni nel Costruttori grazie al settimo posto di Latifi ed all'ottavo di George Russell. L'inglese non ha trattenuto le lacrime per un risultato a lungo atteso.

Williams: Russell in lacrime dopo aver chiuso a punti

Dopo anni di tentativi andati a vuoto, George Russell è finalmente riuscito a conquistare i primi punti iridati al volante della Williams. Il talento inglese, che già lo scorso anno era riuscito ad ottenere tre punti a Sakhir quando si è trovato immediatamente catapultato in Mercedes per sostituire Hamilton, aveva sempre sfiorato la top ten con la monoposto della storica scuderia inglese, ma per un motivo o per l’altro non era mai riuscito a concretizzare il risultato.

Ieri, al termine di un caotico GP d’Ungheria, il pilota della Williams, così come il suo compagno di squadra Latifi, è riuscito a chiudere in ottava piazza (grazie alla squalifica di Vettel ndr.) ed una volta giunto al ring delle interviste le emozioni hanno preso il sopravvento.

Russell è scoppiato in un pianto liberatorio che ha fatto capire quanto fosse alta la pressione per quel risultato sempre sfiorato.

“Mi sono messo a piangere, ed è una cosa che non mi aspettavo. Ad essere onesti non credo che avrei pianto se fossi riuscito a vincere la mia prima gara. Questo sottolinea quanto significa questo ottavo posto per me”.

“Significa più di quanto io possa esprimere a parole, specie se pensiamo al percorso che abbiamo affrontato in questi ultimi tre anni”.

Russell ha poi ritrovato la lucidità necessaria per analizzare la gara e spiegare come sia riuscito finalmente ad entrare in zona punti.

“Il secondo stint è stato probabilmente il migliore di tutta la mia carriera. Sono riuscito a tenere alle mie spalle sia Ricciardo che Verstappen ed ho chiuso il gap di 20 secondi da chi mi precedeva. È stato eccezionale”.

“Ho dato tutto quello che avevo, come faccio in ogni gara, e finalmente sono tornato a casa con qualcosa”.

Ad aver compiuto una impresa di pari valore è stato anche Nicholas Latifi. Il canadese, spesso sottovalutato per via delle prestazioni in qualifica da extraterrestre di Russell, ha sempre mostrato un passo gara solido e ieri è riuscito a precedere il compagno di team sotto la bandiera a scacchi ottenendo così i primi punti iridati in carriera.

“Un risultato incredibile per la squadra, sono davvero felice. Il team ha sfiorato la zona punti in più occasioni ed oggi siamo riusciti a portare in top 10 entrambe le monoposto e far guadagnare al team l’ottava posizione nel Costruttori. È incredibile”.

“Da parte mia è stata una gara difficile da gestire e tutto si è deciso al via. Dopo aver faticato nelle qualifiche del sabato riuscire ad andare via con un risultato del genere è un qualcosa che non avremmo mai immaginato. È davvero un bel modo per andare in vacanza per la pausa estiva”.

 

condivisioni
commenti
Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è rimasto solo in griglia

Articolo precedente

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton è rimasto solo in griglia

Prossimo Articolo

Report F1: la F1 tiene troppo conto dello spettacolo, meno dei regolamenti

Report F1: la F1 tiene troppo conto dello spettacolo, meno dei regolamenti
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021