F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Williams: la leva della frizione di Massa ha un ditale che è aperto

Sulla FW40 di Felipe Massa a Interlagos si è osservata una leva della frizione che riprende i concetti lanciati dalla Marcedes, ma il ditale anziché essere un cappuccio chiuso è aperto sopra e sotto per favorire il movimento delle dita.

Williams: la leva della frizione di Massa ha un ditale che è aperto

La squadra che per prima ha aggiunto una sorta di ditale alla leva della frizione è stata la Mercedes già nei test invernali, dopo che la FIA aveva imposto per regolamento che lo stacco della frizione doveva avvenire in modo lineare fra il movimento della leva e l'aumento della coppia motrice.

Mentre la Ferrari ha sperimentato questa soluzione con Sebastian Vettel che poi ha preferito tornare ad una leva senza le orecchie, seguendo le scelte del compagno di squadra, Kimi Raikkonen, la Williams non ha rinunciato alla modifica sul paddle che ha permesso alle squadre di non dover rispettare i 50 mm che la leva della frizione deve mantenere da qualsiasi altro elemento.

Ecco il retro del volante di Felipe Massa: i tecnici di Grove stanno provando una versione del ditale semplificata che non è chiuso sopra e sotto e, quindi, consente un più rapido movimento delle dita. Può sembrare un dettaglio poco significativo ma i tecnici delle squadra hanno mostrato una grande cura nel cercare che il comando della frizione possa essere posizionato in funzione dell'ergonomia delle mani dei singoli piloti e non deve affatto stupire che una soluzione che funziona a meraviglia per un conduttore, venga bocciata da un altro.

condivisioni
commenti
Bottas: "Non so se Lewis vorrà aiutarmi, ma il team vorrebbe l'uno-due"

Articolo precedente

Bottas: "Non so se Lewis vorrà aiutarmi, ma il team vorrebbe l'uno-due"

Prossimo Articolo

Hamilton stupisce: "Il motore 2021? Lo vorrei V12 aspirato"

Hamilton stupisce: "Il motore 2021? Lo vorrei V12 aspirato"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021