Williams in caduta libera: Sirotkin teme di finire a muro in ogni giro lanciato!

La disastrosa FW41 paga un secondo e mezzo dalla McLaren di Vandoorne che è l'ultimo davanti alle monoposto di Grove. Stroll è deluso: "Pochissimo grip, cordoli inutilizzabili e trazione scarsa: mettete insieme tutto questo e capirete le nostre difficoltà!".

Williams in caduta libera: Sirotkin teme di finire a muro in ogni giro lanciato!
Sergey Sirotkin, Williams Racing, parla con un ingegnere
Sergey Sirotkin, Williams FW41
Sergey Sirotkin, Williams Racing
Ingegneri al lavoro sulla monoposto di Lance Stroll, Williams FW41
Lance Stroll, Williams FW41
Lance Stroll, Williams FW41
Sergey Sirotkin, Williams Racing, con Paddy Lowe, Williams Racing

Il buio della notte di Singapore nel box della Williams è un buio decisamente pesto. Che il 2018 per il team inglese non sarà una stagione da ricordare è cosa ormai nota, ma l’impressione è che la situazione sia decisamente in picchiata e non accenni ancora a toccare il fondo.

Ma la buona notizia per la squadra diretta da Claire Williams e Paddy Lowe è che immaginare qualcosa di peggiore rispetto a quanto visto ieri sul circuito di Marina Bay è francamente difficile, con Lance Stroll e Sergey Sirotkin tristemente nelle ultime due posizioni.

I due piloti Williams sono stati gli unici a non scendere sotto la barriera del minuto e quarantuno secondi, ma non è tanto il gap dai primi ad essere eclatante (oltre cinque secondi) ma il divario dalla McLaren di Vandoorne, ovvero il più vicino degli avversari: oltre un secondo e mezzo!

Sergey Sirotkin questa volta non è riuscito a sfoggiare la solita diplomazia, definendo una lotta per la ‘sopravvivenza’ scendere in pista con la Williams attuale.
“Direi che ‘sopravvivere’ è la parola giusta per definire il tutto – ha spiegato il russo – quando entri in pista speri sempre che le cose possano essere migliori grazie alle modifiche fatte dopo la sessione precedente, ma poi inizi a spingere e ti rendi conto che è già un’impresa non finire contro le barriere. Nel mio primo giro lanciato mi sono preparato al botto due volte, e solo per fortuna non è successo! Non è certo questo il modo migliore per disputare una qualifica su un circuito cittadino, non hai feeling, non hai fiducia, ed ovviamente neanche il piacere di essere in pista”.

Lance Stroll oggi al via avrà alle sue spalle solo il commissario che sventolerà la bandiera verde, una situazione non proprio incoraggiante.
“Pochissimo grip, cordoli inutilizzabili e trazione scarsa – ha spiegato Stroll – mettete insieme tutto questo su una pista cittadina e capirete le difficoltà con cui abbiamo dovuto lottare. Non è possibile forzare l’ingresso in curva, e quando vai sull’acceleratore in uscita devi stare molto attento a dove va il posteriore. Passi facilmente dal sottosterzo al sovrasterzo, e più forzi, più perdi tempo”.

Il responsabile tecnico della Williams, Paddy Lowe, ormai sembra impermeabile alle critiche piovutegli addosso durante questa stagione.
“È stato una shock ritrovarci in questa situazione dopo il buon weekend di Monza – ha spiegato l’ingegnere britannico – abbiamo visto che c’è un distacco importante tra noi e tutti gli altri, quindi dovremo analizzare e imparare dagli errori commessi”.

Lowe, arrivato in Williams ad inizio 2017 fresco del titolo Mondiale conquistato con la Mercedes, doveva essere l’uomo della rinascita del team inglese, colui che avrebbe dovuto tracciare una nuova direzione tecnica. Ma finora l’unica certezza è che sotto la sua direzione la Williams sta vivendo il periodo più buio della sua storia in Formula 1, lunga ben 42 anni.

condivisioni
commenti
Strategia di gara: una sosta dalle hypersoft alle soft (che la Ferrari non ha provato!)

Articolo precedente

Strategia di gara: una sosta dalle hypersoft alle soft (che la Ferrari non ha provato!)

Prossimo Articolo

Wolff: "Proporrò l'idea della terza vettura nello Strategy Group della prossima settimana"

Wolff: "Proporrò l'idea della terza vettura nello Strategy Group della prossima settimana"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021