Williams: c'è delusione per il sorpasso della Red Bull

La Williams ha collezionato 14 punti a Melbourne con Massa e Bottas che valgono il terzo posto nel mondiale Costruttori, ma nel team di Grove c'è delusione perché la FW38 doveva essere vicina alla Ferrari e invece è stata scavalcata dalla Red Bull

In Bahrain sarà già tempo di importanti verifiche. Il team Williams apparentemente è tornato dall’Australia con quello che è da considerarsi il risultato più realista per la squadra inglese: il terzo posto nella classifica Costruttori.

Eppure nel team il rientro dalla trasferta di Melbourne non è stato privo di delusione. Il tutto nonostante i 14 punti conquistati da Felipe Massa e Valtteri Bottas ad Albert Park, con il brasiliano protagonista di un buon avvio di gara dietro al tandem Ferrari-Mercedes. I motivi che mettono pressione al team già alla vigilia della seconda trasferta stagionale sono principalmente due.

Terminati i test pre-campionato di Barcellona la squadra credeva ancora di essere molto vicina alla Ferrari. Ovviamente non ci sono stati proclami in questa direzione, ma all’interno della squadra l’obiettivo non nascosto era quello di riuscire ad avvicinarsi alla coppia Vettel-Raikkonen.

Invece i primi riscontri hanno detto tutt’altro e Massa (nonostante la bandiera rossa che ha giocato a suo favore) ha terminato la sua corsa ad un minuto dal vincitore e cinquanta secondi da Hamilton e Vettel.

Terzo posto nel mondiale Costruttori

E c’è una seconda cattiva notizia. Anche se la Williams ha lasciato Melbourne con il terzo posto nella classifica Costruttori (che è considerato il minimo sindacale per la squadra inglese) a Melbourne il ruolo di... primo degli altri è andato alla Red Bull di Ricciardo, grazie alla sua gara che ha visto Daniel utilizzare tre set di supersoft e un solo treno di soft.

Il sorpasso dell’australiano su Massa si è poi visto in pista, cosa cha assume ancora più significato. In questi giorni a Groove stanno studiando quanto accaduto in Australia, perché sulla carta la strategia di Massa questa volta è stata perfetta (la stessa di Rosberg), quindi il muretto-box questa volta non ci ha messo del suo, confermando che anche il lavoro di ristrutturazione della squadra dei pit-stop (un handicap nello scorso Mondiale) ha dato i suoi frutti con due soste vicine ai due secondi.

Lontana dalla Ferrari, scavalcata dalla Red Bull

Semplicemente la Red Bull si è dimostrata più performante, e considerando l’handicap motoristico di Ricciardo, non è davvero cosa da poco. Pat Symonds spera che il weekend di Melbourne non abbia dato indicazioni definitive e che arrivino quanto prima i risultati del programma di sviluppo della monoposto:

“A Melbourne ci sono state un sacco di incognite sia in prova che in gara. Volevamo tornare a casa con dei punti importanti e lo abbiamo fatto, indovinando anche la strategia di gara. E alla fine ci siamo confermati terzi nella classifica di campionato. Ora però ci attende tanto lavoro sulla monoposto”.

In Bahrain il muso e l'ala nuova

La Williams vuole a portare ad Al Sakhir la configurazione aerodinamica anteriore definitiva della FW38 con un muso più corto ed un'ala che si dice possa essere innovativa. Siamo solo alla vigilia della seconda gara stagionale, ma a Grove c’è già aria di esame di riparazione.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Felipe Massa , Valtteri Bottas
Team Williams
Articolo di tipo Ultime notizie