Williams annuncia Robert Kubica come terzo pilota per il 2018

Robert ha accettato il ruolo offerto dal team di Grove per la prossima stagione di F.1. Esordirà nei test di Barcellona con la FW41 e disputerà alcune sessioni FP1 nel corso della stagione.

Williams annuncia Robert Kubica come terzo pilota per il 2018
Robert Kubica, Williams
Robert Kubica, Williams FW40
Robert Kubica, Williams
Robert Kubica, Williams
Robert Kubica
Robert Kubica, Williams FW40

Alla fine il richiamo della pista l’ha spuntata. Robert Kubica sarà terzo pilota della Williams nel prossimo Mondiale, ovvero il “reserve-driver” del tandem Stroll-Sirotkin. Il ruolo del polacco sarà però più corposo rispetto ad un ordinario terzo pilota, ed esordirà al volante della nuova FW41 in due sessioni nell’ambito dei test pre-campionato programmati a Barcellona a partire dalla fine di Febbraio. In più Kubica disputerà alcune sessioni FP1 (non si conoscono i Gran Premi ma già si ipotizzano Budapest e Monza) e altre due giornate di test nell’arco della stagione.

Secondo indiscrezioni delle ultime settimane Kubica sarebbe stato spinto molto dagli ingegneri che hanno lavorato con lui nei test svolti nel 2017, e l’avrebbero chiesto come titolare per le sue capacità nel supportare lo sviluppo della monoposto, dote ritenute maggiori rispetto a quelle del giovane tandem Sirotkin-Stroll.

La sua presenza nel ruolo di terzo pilota garantisce comunque al team la possibilità di poter contare sul pilota polacco in caso di necessità. Per Kubica l’accordo con la Williams è comunque un modo per tornare in Formula 1 con un ruolo definito, e con l’opportunità di macinare chilometri valutando poi le possibilità che possono crearsi nel corso dell’anno.

E’ probabile che Robert alla fine del 2017 avesse fatto un pensierino per tornare nel Circus nel ruolo di titolare, ma la trattativa della Williams con Sirotkin ha alzato l’asticella delle pretese da parte del team inglese, e Kubica ha dovuto fare un passo indietro.

La sua sarà comunque una figura di peso all’interno della squadra, visto che presenzierà ad ogni Gran Premio. Rispetto a dodici mesi fa il polacco ha completato un cammino importante, e a questo punto nessun traguardo appare più impossibile. La stagione 2018 darà un verdetto anche su questa storia.

“Sono contento di entrare a far parte del team Williams nel ruolo di terzo pilota", ha affermato Robert. "Fisicamente sono in uno stato di forma mai raggiunto prima, e ci è voluto molto lavoro per arrivare a questo livello, quindi vorrei ringraziare la Williams per le opportunità che mi ha concesso e per la fiducia che mi ha dimostrato. Mi è piaciuto tornare nel paddock di Formula Uno in questi ultimi mesi, e ora non vedo l'ora di lavorare con lo staff tecnico della Williams, sia in fabbrica che in pista, per dare il mio contributo nello sviluppo della FW41. Il mio obiettivo finale resta quello di tornare a correre in Formula 1, e questo accordo lo considero un altro passo importante in questa direzione: non vedo l'ora di iniziare”.

Claire Williams, vice preside della squadra, ha dichiarato: “Tutti noi della Williams siamo stati immensamente colpiti da ciò che ha Robert ha fatto, ed è un grande onore aver avuto un ruolo insieme alla sua forza di carattere e al suo impegno nel riuscire a tornare in Formula Uno”.

Paddy Lowe ha aggiunto: “Per prima cosa vorremmo congratularci con Robert per quello che ha ottenuto finora. Riuscire a superare i suoi limiti  e tornare alla forma fisica necessaria per guidare una monoposto di Formula 1 è un risultato notevole, e in pochi lo ritenevano possibile. Robert fornirà un importante contributo tecnico al team, utilizzando la sua vasta esperienza in pista, lavorando al simulatore e supportando i piloti e gli ingegneri in ogni gara. È un pilota che ho ammirato per molti anni, e sono personalmente molto felice di poter lavorare con lui nel 2018”.

 
condivisioni
commenti
Williams: è ufficiale Sirotkin e ora si aspetta Kubica come terzo pilota

Articolo precedente

Williams: è ufficiale Sirotkin e ora si aspetta Kubica come terzo pilota

Prossimo Articolo

Le mitiche Ferrari di F.1: la F2002 iridata già al GP di Francia con Schumacher

Le mitiche Ferrari di F.1: la F2002 iridata già al GP di Francia con Schumacher
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021