Villeneuve sicuro: "Tra Leclerc e Vettel ci saranno scintille"

Il campione del mondo di F1 del 1997 spiega a La Gazzetta dello Sport perché al box Ferrari potremo vedere scintille in questo 2020: "Con l'uscita di Vettel, in Ferrari potrebbe esserci un clima orribile che potrebbe coinvolgere anche Leclerc".

Villeneuve sicuro: "Tra Leclerc e Vettel ci saranno scintille"

Jacques Villeneuve, oltre ad aver un palmarés di alto livello, è un uomo mai banale. Una persona che ha sempre le idee chiare e che non ha paura di esprimerle, anche se alcuni concetti possono apparire scomodi.

Il campione del mondo di F1 del 1997, ora opinionista Sky, ha rilasciato un'intervista a La Gazzetta dello Sport toccando più temi. Tanta attualità nei concetti espressi dal canadese figlio di Gilles, ma anche futuro, che coinvolge Ferrari, Verstappen, Hamilton e la permanenza della Mercedes in F1.

Il primo dei temi trattati è la virtuale griglia di partenza dei favoriti per il Mondiale 2020, che scatterà il 5 luglio sul tracciato del Red Bull Ring per disputare il Gran Premio d'Austria. Arrivato poi alla Ferrari, ecco introdurre subito il secondo - scottante - argomento.

"Vedremo una Mercedes davanti, poi la Red Bull che si sente molto forte. E una Ferrari un po' in crisi, lo dico per quanto ha fatto vedere nei test, pur con tutti i dubbi del caso e soprattutto perché con l'uscita di Vettel l'ambiente rischia di essere orribile. Di certo la tensione non aiuterà nessuno in generale, nemmeno Leclerc".

Appunto, il clima che potrà esserci in Ferrari con Sebastian Vettel di fatto separato in casa dopo l'annuncio arrivato poco più di un mese fa, con cui la Rossa ha fatto sapere che non avrebbe rinnovato il contratto del 4 volte campione del mondo.

"Se ci saranno scintille? Sicuramente sì, perché Leclerc adesso sa di essere il capo della squadra, ma sarà contro un 4 volte campione del mondo. E' una situazione pesante, in cui sarà difficile avere una guida libera. Si sta verificando quello che avevo previsto 2 anni fa, quando è cominciata la carriera di Leclerc: dicevo che si sarebbe riproposta la stessa situazione che Vettel ha avuto con Ricciardo nell'ultimo anno in Red Bull, e adesso ci siamo: Charles ha tutto il potenziale per gestire la situazione, vedremo come lo farà".

"Questa svolta a favore di Leclerc era prevedibile, perché fin da subito si è concentrata tanta attenzione su di lui, con un'operazione mediatica anche: l'amore dei giornalisti, l'affetto dei tifosi. Si vuole costruire una nuova era-Schumacher con lui. Che è bravo, è carino, ha immagine e non costa ancora troppo. Poi Charles ci ha messo del suo. E' andato forte, ha vinto. E per contro Vettel costava una cifra allucinante. Da fuori può restare il dubbio su chi faccia il lavoro, chi sviluppi la macchina. Ma in Ferrari questo lo sanno e se hanno scelto Charles ci sarà una ragione anche relativamente a questo aspetto".

Villeneuve ha anche sottolineato come l'obiettivo della F1 sia avere una nuova rivalità per avere stagioni ad alto livello di interesse, ossia quelle che mancano dal 2016, quando Rosberg e Hamilton si contesero il titolo sino all'ultima gara.

"Leclerc-Verstappen è quello che la F1 vorrebbe. Perché la storia ci insegna che le stagioni più belle sono state quelle con forti rivalità tra due o tre piloti che non devono per forza essere amici. Anzi. Da dopo Hamilton-Rosberg non ce ne sono più state. Verstappen è pronto per quel ruolo. Leclerc in questa stagione deve farci vedere se è l'uomo giusto per essere il suo rivale".

Non poteva mancare un parere sulla permanenza in F1 della Mercedes una volta ritirato l'attuale campione del mondo Lewis Hamilton: "Ci sarà un dopo Hamilton per Mercedes? Di certo quando Lewis smetterà ci sarà un grande vuoto. E allora a quel punto che utilità ha per Mercedes restare in F1? Ha già ottenuto tutto quel che poteva e voleva. Se guardiamo al passato, Ferrari a parte, tutti i grandi gruppi sono entrati e usciti...".

condivisioni
commenti
Formula 1 al Mugello con denominazione di GP della Toscana

Articolo precedente

Formula 1 al Mugello con denominazione di GP della Toscana

Prossimo Articolo

Brown: "Non penso che si disputeranno tutte le gare di F1 previste"

Brown: "Non penso che si disputeranno tutte le gare di F1 previste"
Carica commenti
Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese" Prime

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Il primo giorno in pista ha regalato qualche inaspettata sospesa. Colpa del caldo che, a quanto pare ha giocato qualche brutto scherzo a chi pensava di far bene. Franco Nugnes e Giorgio Piola, in questo nuovo video, analizzano le prove libere del Gran Premio d'Ungheria.

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere" Prime

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu ci parlano ed analizzano le prove libere del venerdì del Gran Premio di Ungheria. Max Verstappen, partito coi favori del pronostico, non ha letto il mutare delle temperature e delle gomme che ha influito sulle performance della RB16B, al contrario di quanto fatto dagli uomini Mercedes

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas" Prime

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"

In questa nuova podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il venerdì di prove libere del Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate" Prime

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate"

La Formula 1 arriva in Ungheria. In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano le novità portate dai team sullo storico tracciato dell'Hungaroring. Siamo solo a giovedì, ma qualcuno ha già svelato qualche particolare dettaglio...

Formula 1
29 lug 2021
Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali" Prime

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali"

Compie quarant'anni Fernando Alonso. L'asturiano, due volte campione del mondo, è un pilota capace di vincere due titoli mondiali ancora in giovane età per poi raccogliere meno di quanto il suo talento gli avrebbe consentito per i motivi più svariati. Insieme a Gian Carlo Minardi ricordiamo i suoi esordi in Formula 1...

Formula 1
29 lug 2021
F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute Prime

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute

Non c'è solo il duello tra Verstappen e Hamilton per la conquista del titolo iridato ad attirare l'attenzione sulla Formula 1. Molti sponsor tecnologici stanno investendo nei team e questo è un segno di un ritrovato interesse che fa ben sperare per il futuro.

Formula 1
28 lug 2021
Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato” Prime

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato”

In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano del clima in vista del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dove tanto Mercedes quanto Red Bull arriveranno a nervi tesi. Più che i piloti, a tenere elevata la tensione sono i team principal

Formula 1
28 lug 2021
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

Formula 1
27 lug 2021