Video: i concetti della Mercedes W11 spiegati da James Allison

Il direttore tecnico della Mercedes spiega la filosofia di progettazione della W11, monoposto che nei Test 1 di Barcellona ha già mostrato di avere un bel potenziale.

I test pre-stagionali di Formula 1, solitamente, non rispecchiano i veri valori a livello prestazionale. Quelli li vedremo più chiaramente nelle prime gare della stagione. Eppure la Mercedes W11 è stata la grande protagonista della prima sessione di prove al Montmelo. A stupire è stato il DAS, il dispositivo chiamato Dual Axes Steering, ma, più in generale, la nuova monoposto del team campione del mondo ha mostrato di essere già pronta per iniziare il Mondiale e farlo da grande protagonista.

Mercedes non ha fatto mistero di aver adottato un approccio di progettazione piuttosto spinto, nonostante la W10 sia stata in grado di garantire prestazioni che hanno consentito alla squadra di Brackley di vincere tutto anche nel 2019. Il DAS è solo una delle innovazioni che presentano la W11.

Il direttore tecnico della Mercedes, James Allison, ha spiegato in un video alcune caratteristiche della nuova monoposto e la filosofia con cui è stata progettata, tenendo conto che il regolamento tecnico è stabile ormai da anni.

"La sfida di quest'anno è stata migliorare ulteriormente la monoposto dell'anno passato, la W10, con un regolamento tecnico rimasto immutato, così come le gomme, che saranno le stesse dell'anno scorso. E' difficile farlo quando questi aspetti non cambiano".

"La nostra tentazione è stata quella di migliorare la W10, sviluppandola. Dopo tutto ha vinto i titoli l'anno scorso e avevamo ancora molte opportunità per farla crescere. L'approccio conservativo era molto allettante, ma alla fine abbiamo deciso non fosse sufficiente. Sentivamo infatti il fiato sul collo degli avversari. Così abbiamo deciso di fare una monoposto aggressiva".

Anteriore: sospensioni ripensate

 

Allison ha poi raccontato qualche aspetto - certo, non tutti - della W11 nei tre macro settori che la compongono: l'anteriore, la parte centrale e il retrotreno. "Abbiamo cambiato molto all'anteriore, soprattutto sulle sospensioni, sulla loro struttura e il loro posizionamento per trarre benefici a livello aerodinamico. Un progetto difficile, ma che ci ha dato buoni guadagni a livello aerodinamico".

Parte centrale: 2 innovazioni importanti

 

"Nella parte centrale della monoposto ci sono due aspetti principali. La prima: abbiamo spostato la struttura laterale anti intrusione dalla sua iniziale posizione, dov'era collocata nelle ultime 3 stagioni. Anche in questo caso lo abbiamo fatto per avere guadagni a livello aerodinamico".

"Nella parte centrale della monoposto, poi, è impossibile non parlare del motore. Da questo punto di vista HPP ha fatto un grande sforzo per aiutarci ad aumentare le prestazioni della power unit. Sono riusciti a trovare tanti cavalli in più. Sono riusciti a fare un aggiornamento davvero importante in termini di potenza, ma anche in termini di aerodinamica, di flussi e di raffreddamento. Ora la power unit può lavorare a temperature più elevate rispetto all'anno passato".

"Ciò ci ha permesso di realizzare radiatori più piccoli, ma riuscire comunque ad avere un'aerazione sufficiente per tutto il pacchetto del retrotreno. Ecco spiegato il motivo per cui la nostra monoposto è ancora più stretta rispetto alla passata stagione".

Retrotreno:  il perché di nuove geometrie

 

Il direttore tecnico della Mercedes ha concluso il suo intervento parlando del retrotreno, un altro capolavoro di miniaturizzazione e passaggio di flussi verso il diffusore che ha ulteriormente migliorato l'aerodinamica e aumentato il carico aerodinamico.

"Parlando finalmente del retrotreno, posso dire che il nostro lavoro su questa parte è stata davvero un'avventura. Abbiamo lavorato sulle sospensioni posteriori creando geometrie differenti che ci permettono di avere più opportunità aerodinamiche e anche di avere una deportanza maggiore sulla monoposto".

"Non è stato facile mettere assieme tutte queste caratteristiche. Abbiamo dovuto trovare un compromesso strutturale mettendo peso in tutte e tre le parti della vettura per poter ottenere questi guadagni. Un prezzo da pagare che però abbiamo pagato volentieri, implementando molte piccole innovazioni che ci hanno fatto passare un buon inverno".

"La nostra monoposto è migliorata in termini di deportanza, abbiamo una capacità di sviluppo aumentata sulla W11. Questa è una monoposto che speriamo sia terreno fertile per gli sviluppi per tutto il corso della stagione 2020".

condivisioni
commenti
Ferrari SF1000: nel long run è stata più veloce di Red Bull
Articolo precedente

Ferrari SF1000: nel long run è stata più veloce di Red Bull

Prossimo Articolo

Racing Point attacca: "Sono altri che non rispettano le regole!"

Racing Point attacca: "Sono altri che non rispettano le regole!"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021