Video: Binotto spiega le peculiarità del circuito russo di Sochi

condivisioni
commenti
Video: Binotto spiega le peculiarità del circuito russo di Sochi
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
27 apr 2016, 09:35

Mattia Binotto, responsabile power unit della Scuderia Ferrari, ci racconta il tracciato di Sochi, sede del quarto appuntamento del Mondiale 2016 di F.1. La Ferrari porterà novità al motore e una nuova ala anteriore.

Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H pit stop
Sebastian Vettel, Ferrari and Daniil Kvyat, Red Bull Racing in parc ferme
Podium: second place Sebastian Vettel, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H on the grid
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 Team W07 and Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H battle for position
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H

3 a 0 e palla al centro. In termini calcistici è lo score segnato dalla Mercedes nei primi tre Gran Premi della stagione nei confronti della Ferrari, che però è pronta a rispondere sin dal prossimo Gran Premio, quello di Russia, previsto sul tracciato di Sochi. Proprio la pista situata sul Mar Nero ci viene illustrata da Mattia Binotto, responsabile delle power unit della Scuderia di Maranello.

 

Ferrari all'attacco

"Sochi è un circuito sicuramente molto particolare, difficile, molto esigente da un punto di vista della Power Unit, e anche da un punto di vista vettura. Ci sono rettilinei lunghissimi, un curvone, alcune forti frenate, tornantini, e quindi diventa essenziale anche il modo in cui gestiamo il motore stesso, la parte ibrida, la quantità di energia spesa e recuperata. Questa permette di scegliere se ottimizzare le prestazione del tempo sul giro piuttosto che il sorpasso, attuando strategie diverse", afferma Binotto.

Proprio per questo motivo, la Ferrari ha deciso di premere sull'acceleratore portando due novità molto importanti. La prima riguarda proprio il motore. In Russia debutterà un propulsore aggiornato, con 3 gettoni spesi per lo sviluppo della combustione.

Verrà utilizzata anche una nuova ala anteriore, una piccola - ma nemmeno troppo - anticipazione del pacchetto aerodinamico che dovrebbe debuttare al Montmelo di Barcellona. Insomma, la Ferrari ha deciso di reagire al grande inizio del team tedesco e di Nico Rosberg. Anticipare le mosse sarà la scelta giusta?

Prossimo articolo Formula 1
F1 Commission: ecco i sette punti in discussione oggi

Articolo precedente

F1 Commission: ecco i sette punti in discussione oggi

Prossimo Articolo

F1 Commission: ci sono quattro nodi ancora da risolvere!

F1 Commission: ci sono quattro nodi ancora da risolvere!
Carica commenti