Vettel vince in Brasile con la Ferrari, Raikkonen sul podio davanti a Hamilton!

Sebastian Vettel riporta al successo la Rossa a Interlagos dopo un digiuno di otto GP. Bottas è secondo con la Mercedes davanti al coriaceo Kimi Raikkonen che ha contenuto la strepitosa rimonta di Hamilton quarto dopo il via dalla pit lane.

Vettel vince in Brasile con la Ferrari, Raikkonen sul podio davanti a Hamilton!

La Ferrari non perdona: con il caldo di Interlagos la Rossa mostra la sua faccia migliore e torna al successo con uno strepitoso Sebastian Vettel che ha conquistato la sua 47esima vittoria nel GP del Brasile, rompendo un'astinenza che durava dall'Ungheria.

Ci sono voluti otto Gran Premi per rivedere la SF70H davanti a tutti e la superiorità è stata netta: il tedesco è andato in testa alla prima curva sorprendendo il poleman Valtteri Bottas e poi ha gestito alla sua maniera la cavalcata vincente.

Quando il quattro volte campione può scappare via davanti a tutti non teme niente e nessuno nonostante i 60 gradi dell'asfalto. Il ferrarista ha collezionato la quinta affermazione stagionale, lasciando qualche rimpianto per un Campionato che è finito troppo presto, perché la Rossa ha confermato di essere competitiva.

Questo successo rasserena l'ambiente del Cavallino che può difendere il secondo posto nel mondiale di Vettel e, soprattutto, può affrontare l'inverno per preparare la stagione 2018 con più tranquillità e meno tensione.

Valtteri Bottas ci ha provato a mettere in discussione la piazza d'onore del mondiale piloti, ma il finlandese, che ha effettuato una gara perfetta, non ha potuto che accodarsi dietro a una Ferrari imprendibile, rivelando quelli che sono i suoi limiti: è un ottimo secondo pilota, ma non è affatto un fuoriclasse.

La parola è giusto usarla per Lewis Hamilton che ha pagato il crash nel primo giro della Q1 in qualifica partendo ultimo dalla pit lane (dopo aver cambiato molte parti della power unit: motore, tirbo e MGU-H), ma poi ha entusiasmato in gara risalendo con un passo impressionante fino ai piedi del podio!

Il quattro volte campione del mondo con una gara senza vincoli ha dato il meglio di sé facendo sorpassi di potenza (la power unit di Brackley resta il punto di riferimento per  tutti), ma anche in staccata.

L'inglese ha fatto una corsa con il passo della qualifica, mostrando il talento del campione, ma ha dovuto arrendersi nell'attacco a Kimi Raikkonen con il finlandese che è riuscito a difendere il podio nonostante disponesse di gomme Soft meno prestazionali di quelle di Lewis che però non avevano più niente da dare negli ultimi giri.

Max Verstappen ha concluso quinto con la Red Bull: l'olandese è stato costretto a una sosta aggiuntiva perché la RB13 ha avuto la tendenza a consumare le gomme mostrando il blistering prima degli alri. Il ragazzino è ruscito a stare davanti a Daniel Ricciardo autore di una bellissima rimonta, dopo assere finio ultimo per il contatto alla prima curva con Vandoorne e Magnussen.

L'australiano aveva promesso una corsa d'attacco e ha entusiasmato per le staccate al limite che hanno acceso lo spettacolo. Bello il commiato di Felipe Massa con il suo pubblico: il brasiliano ha conquistato il settimo posto con la Williams dopo un bel duello ravvicinato con Fernando Alonso. Lo spagnolo con la McLaren ha tirato fuori gli artigli una volta tanto quando la Honda non ha creato problemi.

Massa dopo il traguardo si è goduto l'abbraccio dei suoi connazionali per l'addio dalla Formula 1. La top ten è stata completata da Sergio Perez con la Force India e da Nico Hulkenberg decimo con la Renault, prima vettura doppiata. Il tedesco si è messo alle spalle il compagno di squadra Carlos Sainz e un positivo Pierre Gasly molto solido con la Toro (mentre Hartley è stato costretto alla resa per il solito problema tecnico)

Le due Haas sono riuscite a scatenare un caos nel primo giro: Kevin Magnussen nella Esse dopo il via ha chiuso Stoffel Vandoorne che si è vsto chiuso a sandwich visto che all'esterno della McLaren c'era la Red Bull di Daniel Ricciardo. La RB13 si è girata in testacoda prima che l'australiano potesse ripartire, mentre gli altri due non hanno potuto fare altro che parcheggiare le loro monoposto.

Poco oltre è toccato a Romain Grosjean perdere in sovrasterzo la sua VF-17 per finire addosso alla Force India di Esteban Ocon che ci ha rimesso il retrotreno nell'urto posteriore della Haas. Inizio di gara davvero sconsiderato dei due piloti di Gunther Steiner: il transalpino è stato punito con una penalizzazione di 10 secondi. Provvedimento sacrosanto!

Lance Stroll è ultimo dei classificati: al 69esimo giro è stato costretto a un pit supplementare per il cedimento della gomma anteriore sinistra che aveva 38 giri percorsi.

Cla #PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/hPitsRitiratoPunti
1   5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 71 1:31'26.260     200.732 4   25
2   77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 71 1:31'29.022 2.762 2.762   4   18
3   7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 71 1:31'30.860 4.600 1.838   4   15
4   44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 71 1:31'31.728 5.468 0.868   4   12
5   33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 71 1:31'59.200 32.940 27.472   5   10
6   3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 71 1:32'14.951 48.691 15.751   4   8
7   19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 71 1:32'35.142 1'08.882 20.191   4   6
8   14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 71 1:32'35.623 1'09.363 0.481   4   4
9   11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 71 1:32'35.760 1'09.500 0.137   4   2
10   27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 70 1 lap 1 giro 1 giro   4   1
11   55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 70 1 lap 1 giro 0.000   4    
12   10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Renault 70 1 lap 1 giro 0.000   4    
13   9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 70 1 lap 1 giro 0.000   4    
14   94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 70 1 lap 1 giro 0.000   3    
15   8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 69 2 laps 2 giri 1 giro   4    
16   18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 69 2 laps 2 giri 0.000   5    
  dnf 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Renault 40         5 Ritirato  
  dnf 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 0           Collision  
  dnf 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 0           Collision  
  dnf 2 belgium Stoffel Vandoorne McLaren Honda 0           Collision  
Laps LedPilota
1 - 28 germany Sebastian Vettel 
29 finland Kimi Raikkonen 
30 - 42 united_kingdom Lewis Hamilton 
43 - 71 germany Sebastian Vettel 
condivisioni
commenti
Ricciardo: "Non pioverà, ma punterò ad allungare il primo stint"

Articolo precedente

Ricciardo: "Non pioverà, ma punterò ad allungare il primo stint"

Prossimo Articolo

Clear: "Siamo sempre stati competitivi anche nei momenti negativi"

Clear: "Siamo sempre stati competitivi anche nei momenti negativi"
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021