Vettel svetta in qualifica a Città del Messico: è la pole 50 del ferrarista

condivisioni
commenti
Vettel svetta in qualifica a Città del Messico: è la pole 50 del ferrarista
28 ott 2017, 19:32

Il ferrarista realizza un giro perfetto nel giro finale della qualifica del GP del Messico e strappa la partenza al palo di 86 millesimi a Verstappen, che è finito di nuovo sotto inchiesta per aver bloccato Bottas. Le Mercedes sono solo in seconda fila.

Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes-Benz F1 W08
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W08
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Esteban Ocon, Sahara Force India VJM10
Esteban Ocon, Sahara Force India F1
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team RS17
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team RS17 e i fan
Sergio Perez, Sahara Force India VJM10

Sebastian Vettel ha fatto la differenza: questa volta il tedesco ha messo insieme il giro perfetto per conquistare la 50esima pole position della sua carriera nel GP del Messico. Il quattro volte campione del mondo è stato l'unico fra i top a migliorare fra il primo e il secondo run portando il record della pista a 1'16"488 con le gomme Ultrasoft.

La Rossa coglie la 213esima pole della sua ricca storia: la partenza al palo restituisce carica e fiducia alla squadra del Cavallino dopo un periodo molto difficile. Partire davanti a tutti è certamente il modo migliore per ricaricare un team che non si è mai abbattuto, mostrando una grande solidità, credendo di non aver perduto la competitività della SF70H, una monoposto che è andata migliorando con il crescere della temperatura dell'asfalto (si è passati dai 43 gradi della Q1 ai 48 gradi della Q3).

Con i tre migliori intermedi Vettel ha tolto il sorriso a Max Verstappen: l'olandese è rimasto battuto di 86 millesimi di secondo con la Red Bull RB13 che dopo aver conseguito il miglior tempo nel primo run in 1'16"574, con il passare dei minuti stava acquisendo la consapevolezza che forse era arrivato il giorno della prima partenza al palo.

Il giovane olandese si è visto togliere l'attesa soddisfazione dalla fantastica prestazione della Ferrari, ma Max dovrà difendere la sua prima fila dai commissari sportivi che lo aspettano a braccia aperte per sentire quali giustificazioni porterà per spiegare come mai ha bloccato Valtteri Bottas mentre il finlandese era impegnato nel suo giro veloce.

Verstappen rischia una seconda penalizzazione una settimana dopo quella che ha scetanato violentissime polemiche ad Austin. Sarà interessante vedere quale sarà l'atteggiamento dei giudici FIA...

La Mercedes è andata in crisi con il crescere del caldo con Lewis Hamilton terzo staccato di 446 millesimi dalla Rossa: questa volta Lewis non è riuscito a inventare una tornata speciale e si è allineato alla prestazione di Valtteri Bottas quarto a pochi millesimi dal compagno di squadra. Le W08 non è riuscita a far valere la sua superiorità di motore su un tracciato dove la rarefazione dell'aria evidentemente è costata più che ad altri.

Kimi Raikkonen è solo quinto a chiudere il gruppo dei top team: il finlandese ha pagato 750 millesimi da Vettel. Un distacco molto importante per un pilota che dispone della Rossa, solo Ricciardo è riuscito a fare peggio con una Red Bull in disordine.

Ottima la prestazione di Esteban Ocon con la Force India: il francese è sesto, primo degli altri. Può essere soddisfatto per essersi messo alle spalle la Red Bull di Daniel Ricciardo in difficoltà di assetto con la sua RB13 che fra l'altro non disponeva del motore Renault evoluto (che non vale i due decimi di differenza che sono stati dichiarati), ma certamente quello che Esteban è andato a guardare è stato il distacco da Sergio Perez, solo decimo e staccato di oltre quattro decimi dal più giovane compagno di squadra.

L'ottava e nona piazza sono state appannaggio delle due Renault: Nico Hulkenberg che è stato pungolato dal fresco arrivo di Carlos Sainz, ha tirato fuori le unghie e ha rifilato tre decimi allo spagnolo con un 1'17"466.

Restano fuori dalla top ten Felipe Massa e Lance Stroll con la Williams che non è adattata alla veloce pista in altura di Città del Messico: il più esperto brasiliano ha rifilato un paio di decimi al più giovane compagno di squadra.

Brandon Hartley può essere soddisfatto di aver passato la prima tagliola con la Toro Rosso, ma il neozelandese non è riuscito a chiudere nemmeno un giro cronometrato in Q2 perché una vistosa fumata ha reso evidente a rtuti che si era rotto il motore Renault evoluzione che la squadra di Faenza gli aveva riservato da Austin. Hartley, comunque, è stato classificato al 13esimo posto davanti alle due McLaren che proprio non hanno girato dal momeno che Fernando Alonso pagherà 35 posizioni in griglia e Stoffel Vandoorne ne dovrà cedere 20 perchè entrambi i piloti di Woking hanno dovuto risolvere i guai alla power unit Honda: secondo i maligni la Casa giapponese starebbe effettuando degli esperiementi che potrebbero essere utili l'anno prossimo quando la fornitura del V6 Turbo verrà girata alla Toro Rosso.

Sono rimasti fuori dalla Q2 le due Sauber di Marcus Ericsson, 16esimo, e Pascal Wehrlein, ma questa volta le C36 si sono messe alle spalle le due Haas che sono in caduta libera: Kevin Magnussen che è alle prese con problemi intestinali è riuscito a lasciarsi dietro un opaco Romain Grosjean.

Non ha girato Pierre Gasly perché i meccanici della Toro Rosso erano impegnati a sostituire parti della power unit Renault che si è danneggiata nel corso della terza sessione di prove libere: per il francese un weekend ricco di problemi che non accennano a diminuire in vista della gara: in due giorni è riuscito a coprire solo 10 giri!

Cla#PilotaChassisMotoreTempoGapkm/h
1 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 1'16.488   202.572
2 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 1'16.574 0.086 202.345
3 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 1'16.934 0.446 201.398
4 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 1'16.958 0.470 201.335
5 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 1'17.238 0.750 200.605
6 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 1'17.437 0.949 200.090
7 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 1'17.447 0.959 200.064
8 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 1'17.466 0.978 200.015
9 55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 1'17.794 1.306 199.172
10 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 1'17.807 1.319 199.138
11 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 1'18.099 1.611 198.394
12 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 1'19.159 2.671 195.737
13 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Renault      
14 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 1'19.176 2.688 195.695
15 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 1'19.333 2.845 195.308
16 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 1'19.443 2.955 195.037
17 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 1'19.473 2.985 194.964
18 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda      
19 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda      
20 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Renault

 

Prossimo Articolo
Città del Messico, Libere 3: Verstappen record, Vettel terzo a un decimo

Articolo precedente

Città del Messico, Libere 3: Verstappen record, Vettel terzo a un decimo

Prossimo Articolo

Bottas: "Verstappen mi ha rovinato il giro, dopo non ho rischiato"

Bottas: "Verstappen mi ha rovinato il giro, dopo non ho rischiato"
Carica commenti