Vettel: "Sulla Ferrari dell'Australia abbiamo molte risposte, ma non tutte"

condivisioni
commenti
Vettel: "Sulla Ferrari dell'Australia abbiamo molte risposte, ma non tutte"
Di:
28 mar 2019, 17:10

Il tedesco rivela di essersi chiarito con Leclerc sul quasi contatto alla prima curva in Australia: "Mi ha fatto notare che non gli avevo lasciato spazio, ma pensavo fosse alla mia destra, non avevo idea che si fosse portato a sinistra. Al via dobbiamo evitare manovre stupide...".

Se ci affidiamo al linguaggio del corpo Sebastian Vettel non tradisce alcuna preoccupazione. “Dimenticare Melbourne” è l’obiettivo della Ferrari nel fine settimana di Al Sakhir, sperando che la pista bahrenita sia di gradimento alla SF90.

Seb ha confermato che i giorni seguiti alla trasferta australiana hanno fornito delle risposte sula calo di performance di Melbourne, ma sono responsi che non hanno un peso specifico sufficiente a mettere in archivio il fine settimana di Albert Park alla voce “weekend no”.

La Ferrari è a caccia di risposte, e le prime prove in programma domani saranno già un’importante verifica. Un’ultima nota riguarda Leclerc.

Vettel ha rivelato che dopo la gara australiana il monegasco ha chiesto spiegazioni sulla chiusura molto decisa dello stesso Seb avvenuta alla prima curva dopo il via. Una manovra che ha rischiato il patatrac, con le due ‘rosse’ che si sono sfiorate (l’ala anteriore di Leclerc con la gomma posteriore sinistra di Vettel) evitando un kappaò fratricida per pochissimo.

Leclerc si è fatto sentire, e questo ci sta tutto nella relazione tra due compagni di squadra. Ma è una piccola conferma che Charles oltre ai modi gentili e ai lineamenti adolescenziali ha anche un carattere che non fa sconti a nessuno. Vettel incluso.

Cosa è emerso dall’analisi che avete fatto a Maranello dopo la trasferta di Melbourne?
“C’è stato un grande lavoro di analisi, perché nel weekend non ci siamo confermati dove volevamo essere. Le ultime due settimane sono state molto intense, e credo che abbiamo alcune risposte, ma non tutte poiché non è possibile tornare in pista a Melbourne e fare una verifica sul campo".

"Ora guardiamo avanti, siamo qui in Bahrain, su una pista diversa e con la convinzione di aver imparato alcune cose in più sulla monoposto e su noi stessi, dati che dovrebbero aiutarci ad essere più competitivi. Non siamo nella posizione per poter fare pronostici, quindi dobbiamo aspettare e vedere”.

Abbiamo visto un Bottas in grande forma e un Verstappen molto agguerrito. Credi che una lotta per il titolo con più contendenti possa essere per te un vantaggio?
“Abbiamo disputato solo una gara, è presto per dire chi sarà e chi non sarà nella lotta per il titolo. Servono più gare per farsi un’idea, ma ovviamente è più esaltante se ce ne saranno di più. Penso che Melbourne abbia dimostrato che è ancora tutto da definire, anche se ovviamente la Mercedes ha dominato la scena. Nelle prossime gare mi aspetto un gruppo più compatto, e speriamo di essere lì vicini alla vetta”.

Alla prima gara abbiamo già visto un ordine di squadra…
“Penso che dal punto di vista del team fosse chiaro che il quarto e il quinto fosse il miglior risultato possibile a Melbourne. Abbiamo dovuto gestire molte cose per arrivare alla bandiera a scacchi, tra cui il consumo di carburante, e non credo che sia la prima volta che una squadra decide di congelare le posizioni assicurandosi di portare a casa dei punti. Non penso che questo sia stato un ‘forte’ ordine di squadra. Posso capire che queste situazioni generino interesse, ma all’interno della squadra è stato tutto piuttosto semplice”.

Al via della gara di Melbourne avete rischiato un contatto tu e Charles…
“Sì, e credo che siamo stati fortunati, semplicemente non mi aveva affiancato, e non potevo vederlo. Dopo la gara ci siamo parlati e lui mi ha fatto notare che non gli avevo lasciato spazio, ma pensavo fosse alla mia destra, non avevo idea che si fosse portato a sinistra. Siamo stati fortunati, ma sappiamo bene entrambi che l’obiettivo principale è assicurarsi di uscire dalla prima curva senza manovre stupide”.

Com'è il rapporto con Charles?
"Va bene. Penso che siamo ancora all’inizio, ma stiamo lavorando nella stessa direzione ed entrambi vogliamo fare il meglio possibile. Siamo entrambi desiderosi di rendere la macchina più veloce, è un ragazzo molto giovane e di talento, sono sicuro che lascerà il segno quest'anno e nelle stagioni a venire”.

Leggi anche:

Essere considerato prima guida è ovviamente un vantaggio, ma credi che a lungo andare possa aggiungere pressione dover giustificare eventuali situazioni come quella di Melbourne?
“Se vuoi vincere devi sempre dimostrare che alla fine vai più veloce degli avversari, ognuno di noi ha una grande ambizione, ed è convinto di andare più veloce di tutti”.

Mick guiderà per la Ferrari la prossima settimana, lo avevi previsto da tempo?
“No! Semplicemente perché Mick… anni fa era un bambino. Quando lo incontrai per la prima volta era un kartista che aveva appena iniziato a correre, ed in quel momento non ero informato sul karting, ma in generale penso che sia impossibile prevedere dove può arrivare un ragazzino. Ovviamente essendo figlio di Michael ci sono aspettative, ma per arrivare in Formula 1 è necessario dimostrare di avere la giusta velocità, e finora ha fatto davvero bene. Penso che il modo in cui si è cresciuto negli ultimi anni lo abbia portato a meritarsi di essere dove è ora, ma dobbiamo dargli il tempo e la tranquillità per fare il suo lavoro. Non è facile, ma d'altra parte credo che sia abituato”.

L'analisi di Helmut Marko in merito ai problemi accusati dalla Ferrari a Melbourne ha indicato il raffreddamento della power unit ed il setup come l’origini degli imprevisti. Il Bahrain è una pista impegnativa sul fronte del consumo, sei preoccupato?
“Dopo la gara, in aereo, ci siamo fatti alcune risate mentre Helmut stava dormendo… quindi non sono sicuro dove abbia fatto la sua analisi…”.

Cosa c'è dietro i nuovi baffi? Ti ha ispirato Mansell?
“Forse…mi piace Nigel. È una grande persona, un leone in macchina. Non lo so, ma mi piace il nostro Nigel”.

Sei il pilota con più vittorie in Bahrain. Ti piace particolarmente questa pista?
“Adoro il trofeo, penso sia il miglior trofeo della stagione! In alcune gare in il trofeo è sponsorizzato accade di beccarsi coppe di plastica, mentre qui c’è un vero trofeo, bello pesante. Non so se sia in argento, ma mi piace molto. Forse è questo il segreto…”.

Scorrimento
Lista

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
1/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/19

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/19

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari, in griglia di partenza

Sebastian Vettel, Ferrari, in griglia di partenza
4/19

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, alla partenza

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, alla partenza
5/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, alla partenza

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, alla partenza
6/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva
7/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva
8/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva
9/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Charles Leclerc, Ferrari SF90, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, ed il resto del gruppo alla prima curva
10/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, chiude Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, chiude Charles Leclerc, Ferrari SF90
11/19

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari scatta selfie con i fan

Sebastian Vettel, Ferrari scatta selfie con i fan
12/19

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Sebatian Vettel, Ferrari

Sebatian Vettel, Ferrari
13/19

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in pit lane

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in pit lane
14/19

Foto di: Erik Junius

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
15/19

Foto di: Dirk Klynsmith / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
16/19

Foto di: Joe Portlock / LAT Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90
17/19

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
18/19

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
19/19

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Prossimo Articolo
Mercedes: a cosa serve il supporto dello specchietto colorato di verde fluorescente?

Articolo precedente

Mercedes: a cosa serve il supporto dello specchietto colorato di verde fluorescente?

Prossimo Articolo

Alonso torna sulla McLaren: nei test in Barhain per lo sviluppo delle Pirelli 2020

Alonso torna sulla McLaren: nei test in Barhain per lo sviluppo delle Pirelli 2020
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie