Vettel spiega l'azzardo (sbagliato) delle gomme da asciutto

Sebastian Vettel, pilota Aston Martin, ha spiegato la scelta di montare le gomme Medium slick con la pista ancora bagnata. Un azzardo che avrebbe potuto pagare dividendi altissimi, ma che invece si è rivelata disastrosa.

Vettel spiega l'azzardo (sbagliato) delle gomme da asciutto

Sebastian Vettel è andato incontro a un weekend particolarmente complesso per lui. Al Gran Premio di Turchia 2021, il primo disputato da pilota del team Aston Martin Racing, non è andato oltre il 18esimo posto finale, davanti alle sole Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin.

Una gara deludente, la sua. Resa ancora più complicata dall'azzardo fatto al 37esimo giro. Il tedesco si è fermato ai box per cambiare le gomme, togliendo le intermedie con cui aveva affrontato il primo stint di gara per passare alle gomme da asciutto.

Per di più, Vettel, non si è limitato a montare le slick, ma addirittura a quelle a mescola media (le C3, nel weekend appena trascorso). Sebbene la pista fosse in fase di asciugatura lenta, molto lenta, l'azzardo di Vettel non ha pagato. Anzi, è stato a dir poco dannoso.

Dopo poche curve dall'uscita della pit lane, l'ex pilota della Ferrari ha potuto notare come le medie non fossero adeguate alle condizioni della pista. Tra Curva 4 e Curva 7 ha rischiato più volte di finire in testacoda, arrivando lungo in staccata e rischiando di sbattere durante il rientro ai box, per montare un nuovo set di Intermedie.

 

Al termine della gara, Vettel ha spiegato l'azzardo fatto e si è addossato l'intera colpa della scelta fatta. Un vero azzardo, che se avesse pagato lo avrebbe fatto con dividendi altissimi. Il risultato, però, è stato l'opposto. "Assieme al team abbiamo fatto la scelta di montare le gomme da asciutto, volevo provare a recuperare posizioni. Ma alla fine la decisione l'ho presa io".

"Sulle intermedie non potevo fare più niente, quindi ho pensato che le gomme da asciutto potessero essere buone. Ma non sono riuscito a rodarle e non ho avuto grip. Per questo ho perso molto tempo: non riuscivo proprio a farle funzionare".

"E' stato peggio di quanto mi aspettassi, anche se era umido solo qua e là o bagnato. Ma la cosa principale era che non riuscivo a rodare la gomma, così continuavo a scivolare ovunque".

"Vista in questo momento la scelta è facile. Fatta in quel momento non lo so. Sono stato tentato di montare le slick alcuni giri prima, perché le intermedie proprio non funzionavano".

"Se guardiamo alle nostre intermedie, non c'era più nulla su quelle gomme. Sembravano delle slick. Quindi penso di aver avuto ragione nel pensare di cambiarle. Poi, però, mettere le gomme da asciutto è stata una scelta sbagliata".

Leggi anche:

Vettel ha anche commentato la pista, che è parsa avere molto più grip rispetto alla passata stagione. Con l'arrivo della pioggia, però, le condizioni sono mutate ulteriormente. "La pista era divertente, ma un po' strana, perché simile all'anno scorso a causa dell'essere rimasti in pista così a lungo con le Intermedie".

"A un certo punto ho pensato che la pista fosse pronta per le gomme da asciutto. Così ho corso il rischio, ma non ha funzionato. L'anno scorso, verso i 15 giri dalla fine, avevo pensato di provare a montare le slick quando la pista era peggiore. Oggi ho pensato che valesse la pena provare, ma si è rivelata una scelta sbagliata", ha concluso Vettel.

condivisioni
commenti
Ferrari: un quarto di nobiltà, questa volta è stato giusto osare

Articolo precedente

Ferrari: un quarto di nobiltà, questa volta è stato giusto osare

Prossimo Articolo

Il circuito di Adelaide potrebbe essere chiuso

Il circuito di Adelaide potrebbe essere chiuso
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021