Vettel, il ritorno sul podio: "Merito del passo e gestione gomme"

Sebastian Vettel conquista il secondo posto nel pazzo Gran Premio d’Azerbaijan, regalando il primo podio stagionale all’Aston Martin e regalando a se stesso una soddisfazione che mancava da troppo tempo.

Vettel, il ritorno sul podio: "Merito del passo e gestione gomme"

Turchia 2020, l’ultimo podio di Sebastian Vettel conquistato con la Rossa di Maranello. Un terzo posto avvolto da un clima decisamente diverso da quello che vediamo oggi a Baku: il tracciato azero, teatro di una gara ai limiti della spettacolarità e dell’imprevedibilità, ha consegnato al quattro volte iridato il 122esimo podio in carriera, il primo ottenuto al volante della freccia verde di casa Aston Martin.  

Precisamente, un podio argentato, un secondo posto che, per il pilota e uomo Sebastian, vale quanto una vittoria. E, viste le prestazioni dell’intero weekend, compresa quella top 10 mancata in qualifica, non era un traguardo impensabile.  

“Questo secondo posto significa tantissimo – commenta il tedesco - è stato un inizio difficile per noi, questa è stata una gran gara in cui abbiamo avuto un buon passo e questa è stata la chiave”. 

Galvanizzato dal quinto piazzamento ottenuto tra le strette vie del Principato di Monaco, Vettel è arrivato in terra azera carico e convinto di poter far bene. Una buona sensazione che lo ha accompagnato per tutto il fine settimana, resa evidente dalla rabbia espressa nel team radio a qualifica sospesa, per quella decima piazzola mancata di pochissimo.  

Ma oggi, è riuscito a scrivere una storia diversa: “Siamo partiti bene, abbiamo recuperato qualche posizione sin dall’inizio e poi ho gestito le gomme. Quando tutti gli altri sono rientrati ai box, avevo un bel passo per poter fare l’overcut”. 

In un Gran Premio ricco di colpi di scena, Sebastian è terzo quando mancano cinque giri al termine. Verstappen finisce la sua corsa, e si riparte dalla griglia di partenza: una gara “sprint” che regala un esito clamoroso. Hamilton sbaglia, Vettel ringrazia: “Dopo la ripartenza, è andato tutto bene per me e ho recuperato altre due posizioni, avevamo gomme più fresche che ci hanno aiutato nel riscaldamento delle gomme”. 

Con oggi, la parabola discendente delle sue prestazioni sembra ufficialmente essersi fermata. E non riesce a nascondere il suo entusiasmo: “E’ stata una grande giornata, sono al settimo cielo. Penso che per il team sia qualcosa di grandioso. C’è voluto un po’ di tempo per conquistare un podio, ma sapevo da venerdì che ce l’avremmo potuta fare. Anche se ero indietro, ero abbastanza rilassato. Ieri non siamo riusciti a fare qualcosa di grande, ma oggi però sì”. 

“A livello di strategia – conclude - è sempre meglio partire davanti, ma la gomma nuova non ci ha fatto male. Gli altri avevano due giri in più dalle qualifiche e questo ci ha aiutato ad andare più lunghi, abbiamo gestito molto bene le gomme. Questo è stato il segreto, oltre il passo che avevamo. La macchina aveva un set up perfetto e questa è stata la chiave della nostra rimonta”. 

Uno schiaffo morale a suoi detrattori, ottenuto nel pieno di una sfida mondiale chiusa oggi con uno zero azero. 

condivisioni
commenti
Leclerc: "Gasly? Ho preso rischi, ma è andata male"

Articolo precedente

Leclerc: "Gasly? Ho preso rischi, ma è andata male"

Prossimo Articolo

Verstappen duro: "La foratura? Pirelli darà la colpa a un detrito"

Verstappen duro: "La foratura? Pirelli darà la colpa a un detrito"
Carica commenti
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021