Vettel: "Il 14° tempo? Dipinge un quadro realistico"

Il quattro volte campione del mondo ha faticato per riuscire a superare il Q1 ed ha chiuso la sessione con un modesto quattordicesimo tempo che riflette l'attuale situazione tecnica della Ferrari.

Vettel: "Il 14° tempo? Dipinge un quadro realistico"

Una batosta dura da digerire. Non si può commentare in altro modo la sessione di qualifiche disputata dalla Ferrari sullo splendido tracciato di Spa-Francorchamps dove Charles Leclerc e Sebastian Vettel sono riusciti a superare soffrendo il Q1 per poi chiudere con il tredicesimo ed il quattordicesimo tempo con distacchi imbarazzanti.

Su un circuito che mette a nudo tutte le proprietà della monoposto le SF1000 di Seb e Charles hanno mostrato tutti i loro limiti di telaio, di aerodinamica, di motore e nel mandare le gomme nella corretta temperatura di esercizio.

Charles è riuscito a chiudere la sessione in Q2 con un ritardo da Hamilton (con Pirelli gialle) di 9 decimi, mentre Sebastian ha pagato un ritardo di 1’’2 riuscendo a tenere alle proprie spalle solamente la modesta Williams di George Russell.

Vettel non si è nascosto dietro ad un dito quando è giunto davanti ai microfoni di Sky Sport F1 HD parlando di un risultato che evidenzia il reale valore attuale della Ferrari.

“E’ un quadro realistico purtroppo. I tempi di oggi dimostrano quanto la nostra vettura può fare su questo circuito”.

Sebastian, così come fatto ieri, ha puntato l’indice contro le difficoltà nel trovare l’assetto corretto per affrontare i 7 impegnativi chilometri del tracciato di Spa-Francorchamps. Nonostante il grande lavoro svolto dagli uomini del team nel corso della serata di ieri, anche oggi la SF1000 si è rivelata una monoposto inguidabile da parte dei piloti.

“C’è stato qualcosa di sbagliato nell’assetto sin dal venerdì che non ci ha permesso di giocarci le nostre carte. Questa è la vettura che abbiamo adesso e questi sono i risultati che possiamo fare in questo momento”.

Che stimoli può avere un quattro volte campione del mondo nell’avere quale obiettivo massimo quello di tentare di superare la Q2 per entrare in Q3 e beccare comunque un distacco importante dalla Mercedes? Se sei un professionista come Sebastian Vettel gli stimoli li trovi ugualmente per cercare di tirare il meglio da una situazione più complicata del previsto.

“Beh, è il mio lavoro e mi piace. Ovviamente non è emozionante rischiare di essere eliminati già nel Q1 e fare tredicesimo e quattordicesimo. Stamattina sembrava difficile addirittura entrare nel Q2. Ovviamente non è un successo, vedremo cosa accadrà domani”.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
15/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
16/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
22/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1: Hamilton a Spa ha fame di record, Ferrari crolla

Articolo precedente

F1: Hamilton a Spa ha fame di record, Ferrari crolla

Prossimo Articolo

Binotto: "Non usiamo bene le gomme. C'è qualcosa che ci sfugge"

Binotto: "Non usiamo bene le gomme. C'è qualcosa che ci sfugge"
Carica commenti
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021