Vettel ritirato: "Ho avuto un calo di potenza già nel giro di formazione"

condivisioni
commenti
Vettel ritirato: "Ho avuto un calo di potenza già nel giro di formazione"
Di:
8 ott 2017, 06:11

Il tedesco è stato costretto al secondo ritiro stagionale a causa di un nuovo problema di affidabilità. Vettel ha affermato di aver sentito il motore calare di potenza già prima del via e di non aver potuto fare nulla per evitare il guasto.

Esteban Ocon, Sahara Force India F1 VJM10, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, Valtteri Bottas,
Esteban Ocon, Sahara Force India F1 VJM10, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, Sebastian Vettel,
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, supera Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, alla partenza della ga
Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
I meccanici Ferrari osservano la monoposto di Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, con problemi tecnici
I meccanici Ferrari osservano la monoposto di Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, con problemi tecnici
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H

E' un Sebastian Vettel decisamente abbattuto quello apparso davanti ai media dopo il prematuro ritiro nel Gran Premio del Giappone.

Così come avvenuto a Sepang, anche a Suzuka un problema di affidabilità ha colpito la vettura del tedesco, ma se in Malesia la componente che aveva messo fuori gioco Vettel era stato un condotto posto tra compresso ed alimentazione del motore, in Giappone, stando a quanto comunicato dalla Ferrari, è stata una semplice candela a costringere ad un amaro ritiro Seb.

Dopo essere rientrato ai box ed aver atteso qualche giro nell'abitacolo, Vettel è sceso dalla vettura ed ha affrontato i media spiegando cosa è successo già nel giro di formazione.

"Abbiamo avuto un piccolo problema che poi ha causato un problema più grande. Non avevamo potenza già dal giro di formazione così come in partenza e nei primi giri. Abbiamo cercato di resettare il sistema per ritrovare la potenza, ma non ci siamo riusciti. Si è verificato un problema di accensione, adesso dobbiamo capire perché si è verificato".

La delusione è dipinta sul volto di Vettel, e non potrebbe essere diversamente. La trasferta asiatica ha molto probabilmente messo fine alle speranze iridate del tedesco che, dopo il ritiro patito a Singapore, si trova costretto a subire il secondo zero stagionale.

Vettel ha successivamente spiegato come il calo di potenza si sia manifestato proprio nel giro di formazione e come sia stato impossibile risolvere dai box il problema.

"Non potevamo risolvere il problema dal muretto dei box restando in pista. Già in partenza non avevo la potenza normale, e questo lo avevo notato sin dal giro di formazione. Abbiamo cercato di restare in pista ma non avremmo potuto fare molto. Purtroppo oggi non era la nostra giornata".

Se Lewis Hamilton dovesse centrare il successo nella gara odierna, una vittoria dell'inglese in Texas, ed un contemporaneo sesto posto di Vettel, consentirebbero al pilota Mercedes di chiudere già ad Austin i giochi per il titolo eguagliando gli allori iridati del tedesco.

Vettel è consapevole come adesso la scalata verso il mondiale sia decisamente dura, se non impossibile, ed ha voluto dedicare un pensiero agli uomini del team stremati da questa trasferta asiatica.

"Certamente la rincorsa al titolo adesso è ancora più complicata, non bisogna essere un genio della matematica per capirlo, ma quello che dobbiamo fare adesso, e l'ho detto anche ai ragazzi del team, è tornare a casa e riposarci. I meccanici sono stanche, il team è stanco, dobbiamo riposarci un pò. Sappiamo di avere un pacchetto per fare bene nelle ultime 4 gare, dobbiamo concentrarci su questo, il resto si vedrà".

Prossimo Articolo
Rosberg: "Kubica è al 100% fisicamente, è pronto a tornare"

Articolo precedente

Rosberg: "Kubica è al 100% fisicamente, è pronto a tornare"

Prossimo Articolo

Harakiri Ferrari a Suzuka, Hamilton vede già il quarto titolo

Harakiri Ferrari a Suzuka, Hamilton vede già il quarto titolo
Carica commenti