Vettel deluso: "Sprecata un'occasione, in Q3 scivolavo troppo"

Secondo il pilota tedesco la Ferrari aveva il potenziale per battagliare per la pole position, ma improvvisamente ha cominciato a scivolare molto nella Q3, impedendogli di fare meglio del quarto posto. E anche sulla gara non si sbilancia.

Sebastian Vettel era davvero nero alla conclusione delle qualifiche del GP di Monaco di Formula 1. Secondo lui, infatti, la Ferrari aveva tutte le carte in regola per battagliare per la pole position, ma si è ritrovata a fare i conti con un'improvvisa carenza di aderenza che lo ha relegato al quarto posto, a quasi un secondo dal poleman Daniel Ricciardo.

"Ovviamente sono molto deluso, perché credo che, per quello che avevamo fatto da giovedì ad oggi, la nostra vettura fosse competitiva. L'abbiamo migliorata parecchio. Stamattina e nella Q1 è andata molto bene, quindi sapevo che avevo ancora parecchio da guadagnare, ma con il progredire delle qualifiche è diventato sempre più difficile trovare l'aderenza, perché continuavamo a scivolare" ha detto a caldo il tedesco.

Seb ha assicurato di aver fatto del suo meglio, ma che proprio sembrava di guidare un'altra vettura in Q3: "Durante il mio giro ho fatto tanti piccoli errori perché non avevamo aderenza. Alla fine ho fatto quello che potevo, ma non mi sono neanche avvicinato a sentirmi a mio agio. Sono molto deluso per aver sprecato una buona opportunità di iniziare la gara davanti".

E il rammarico è tanto, proprio perché per lui c'era il potenziale per il colpaccio: "Non abbiamo fatto la pole, quindi sarebbe stupido dire che avremmo potuto farla. Ma se vuoi la mia opinione, credo che la nostra macchina fosse all'altezza della pole, ma poi abbiamo perso ritmo ed ha iniziato a scivolare troppo".

Superare a Monaco è sempre molto complicato, quindi anche in ottica gara il quattro volte iridato non si sbilancia troppo: "Ora sono deluso, ma tra un paio d'ore inizieremo a pensare alla gara di domani. Potrebbe anche piovere, quindi la strategia a differenza degli altri anni potrebbe non essere troppo chiara. Però dipenderà da chi è davanti: se guideranno in sicurezza, aspettando solo il pitstop, difficilmente ci saranno spiragli. Se invece spingeranno potrebbe cambiare qualcosa, ma dobbiamo cercare di adattarci".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Monaco
Sub-evento Sabato, le qualifiche
Circuito Montecarlo
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Intervista