Vettel attacca Masi: "La sessione non doveva iniziare"

Il tedesco della Aston Martin ha attaccato duramente il direttore di gara per non aver sospeso la Q3 prima del violento incidente di Norris ed ha chiesto che in futuro venga dato maggiore peso all'opinione dei piloti.

Vettel attacca Masi: "La sessione non doveva iniziare"

La sessione di qualifiche andata in scena sullo splendido tracciato di Spa-Francorchamps è stata caratterizzata da una lunga interruzione a seguito del violento incidente che ha visto protagonista nel Q3 Lando Norris.

Il pilota della McLaren, apparso sino a quel momento come uno dei piloti più in palla sull’asfalto reso insidioso dalla pioggia, ha perso il controllo della sua monoposto in prossimità dell’Eau Rouge per poi andare ad impattare violentemente contro le barriere di protezione poste sul lato esterno del tracciato.

Nonostante la violenza dell’impatto, Norris è riuscito ad uscire autonomamente dai rottami della vettura ed è stato trasportato al centro medico per ulteriori accertamenti sulle condizioni del gomito sinistro.

Poco prima dell’incidente dell’inglese la regia internazionale aveva mandato in onda un team radio di Sebastian Vettel nel quale il quattro volte campione del mondo chiedeva a Michael Masi di sospendere la sessione per impraticabilità della pista.

Subito dopo il botto, Vettel ha poi inveito sempre via radio contro il direttore di gara reo di non aver ascoltato l’opinione dei piloti impegnati a cercare di restare in pista in condizioni di aderenza decisamente precaria.

“Penso che Michael non sia orgoglioso di quanto accaduto oggi. Ovviamente è facile parlare a posteriori, ma credo che si debba trovare un modo per dare maggiore peso alle informazioni che abbiamo”. Sono state queste le prime parole di Sebastian Vettel subito dopo la fine del turno.

Il tedesco ha spiegato di aver chiesto immediatamente l’esposizione della bandiera rossa quando ha compreso come il tratto dell’Eau Rouge fosse estremamente pericoloso da affrontare a causa della notevole quantità di acqua caduta sull’asfalto.

“All’interno del garage hai una percezione molto limitata perché è come guardare fuori dalla finestra e non puoi sapere cosa sta accadendo a tre chilometri di distanza. Quando sono arrivato all’Eau Rouge, in prossimità dello scollinamento, c’era molta acqua ed ho chiesto che la sessione venisse sospesa. In realtà credo che non avrebbe dovuto iniziare affatto”.

Vettel ha poi compiuto un bel gesto quando ha accostato la sua Aston Martin accanto a ciò che restava della McLaren per sincerarsi delle condizioni di Norris. Quando il pilota inglese ha fatto cenno con la mano di stare bene, Vettel ha ripreso la via.

“E’ un bene che non sia successo nulla, questa è la cosa più importante, ma le cose sarebbero potute andare diversamente per Lando”.

Il quattro volte campione del mondo ha poi chiesto a Masi di intervenire diversamente confrontandosi non solo con i piloti, solitamente inclini a prendersi maggiori rischi, ma anche con i commissari di pista, ben più obiettivi nella valutazione delle condizioni del tracciato.

“La sessione non avrebbe dovuto iniziare. Abbiamo i commissari in pista che possono valutare correttamente la situazione e avrebbero potuto dare indicazioni migliori per fermare il turno”.

“Purtroppo è una situazione complicata perché tutti ci troviamo nella stessa posizione e tutti vogliono progredire. È una decisione che non dovrebbe spettare ai piloti. Come ho già detto, è facile parlare a posteriori, ma è una situazione che non dovrà ripetersi”.

condivisioni
commenti
Norris fa i raggi in ospedale: si temono danni al gomito

Articolo precedente

Norris fa i raggi in ospedale: si temono danni al gomito

Prossimo Articolo

Bobbi: "Hamilton faceva traiettorie da asciutto, Max da bagnato"

Bobbi: "Hamilton faceva traiettorie da asciutto, Max da bagnato"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021