Verstappen: "Se arrivo 2°? Amo il mio lavoro, conta quello"

Max Verstappen, alla vigilia del GP di Turchia, ha affermato di non avvertire la pressione di dover vincere il titolo a tutti i costi: "Amo fare il mio lavoro. La chiave è quella e tanto basta".

Verstappen: "Se arrivo 2°? Amo il mio lavoro, conta quello"

Compiuti da poco i 24 anni, Max Verstappen si appresta a prendere parte al Gran Premio di Turchia e all'ultima parte della stagione 2021 di Formula 1, che andrà a incoronare il nuovo campione del mondo di categoria.
Max è per la prima volta in carriera in lotta per vincere il suo primo iride arrivati a questo punto della stagione e si trova a lottare con un avversario, Lewis Hamilton, che invece ha un'esperienza a tal riguardo praticamente impareggiabile.

Solo Michael Schumacher è riuscito a conquistare 7 titoli al pari di Hamilton. Ecco perché, a motori spenti, è normale considerare il pilota della Mercedes leggermente favorito. L'esperienza non si compra, ma Max Verstappen non sembra essere affatto intimorito.

Anzi, le parole di oggi pronunciate nella conferenza stampa del giovedì, in Turchia, lasciano trasparire una maturità che potrebbe essere la sua arma in più negli ultimi appuntamenti stagionali, nella rincorsa a quello che potrebbe essere il suo primo titolo della carriera.

"Do sempre il mio meglio e so che il team fa lo stesso. Facciamo questo dall'inizio sino alla fine dell'anno. Noi lavoriamo proprio per fare questo. Ma, anche se finissi secondo nel Mondiale, credo che avremmo comunque fatto una grande stagione. E alla fine del giorno non cambierebbe certo la mia vita. Voglio dire, amo quello che faccio ed è molto importante. Non ho molto da preoccuparmi riguardo la pressione o cose del genere".

Livrea Red Bull Racing RB16B

Livrea Red Bull Racing RB16B

Photo by: Red Bull Content Pool

"Anche a livello di team, non dovremmo essere troppo stressati. Il mio team fa il meglio che può. E lo ro si aspettano da me lo stesso e tutti facciamo del nostro meglio. Stiamo cercando di dare tutto per vincere assieme, ma non possiamo forzare le cose. Dobbiamo solo lavorare bene assieme e poi vedremo alla fine della stagione cosa saremo riusciti a fare. Sarà primi? Sarà secondi? Vedremo".

Leggi anche:

La Red Bull correrà in Turchia con una nuova livrea, dedicata alla Honda e al rapporto con la Casa giapponese. Questo, un po' a sorpresa, continuerà anche l'anno prossimo ma non solo in termini di preparazione dei motori, ma a 360 gradi nell'ambito del motorsport.

"La RB16B con la nuova livrea è davvero bella. Credo che quando si è in grado di proporre una nuova livrea sia molto bello, perché per la maggior parte del tempo la macchina rimane la stessa. Ed essere in grado di festeggiare così con Honda, cosa che avremmo dovuto fare in Giappone ma non potremo fare per ovvi motivi, è bello. Red Bull ha avuto una bellissima idea e fanno bene a proporla anche se si corre in Turchia. Onestamente credo che il bianco sulla carrozzeria renda la macchina davvero bella".

condivisioni
commenti
Alonso: "In F1 ci sono regole diverse a seconda delle persone"

Articolo precedente

Alonso: "In F1 ci sono regole diverse a seconda delle persone"

Prossimo Articolo

Aston Martin: in Turchia torna la Torre Eiffel nelle libere

Aston Martin: in Turchia torna la Torre Eiffel nelle libere
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021