Verstappen salvo: nessuna penalità per l'uscita dai box

La direzione gara ha deciso di non penalizzare Max per il passaggio con l'anteriore destra sulla linea bianca della pit exit. Per i commissari l'olandese non ha attraversato completamente la linea di demarcazione.

Verstappen salvo: nessuna penalità per l'uscita dai box

Max Verstappen è senza dubbio il grande deluso di giornata insieme a Valtteri Bottas. Il pilota della Red Bull, infatti, è stato autore di una gara estremamente nervosa, condita da numerosi errori e chiusa in sesta posizione nonostante avesse tra le mani una Red Bull estremamente efficace sull’insidiosissimo asfalto dell’Istanbul Park.

Come se non bastasse una prestazione opaca, che ha riproposto il Max sempre sopra le righe di qualche anno fa, l’olandese è finito anche sotto investigazione ad inizio gara per aver toccato con l’anteriore destra la linea di demarcazione della pit lane in uscita dalla corsia box.

I commissari hanno deciso di analizzare l’episodio alla fine di una corsa dalle mille emozioni, ed hanno stabilito di non punire Verstappen nonostante fosse evidente come Max avesse toccato la linea bianca.

Nella motivazione della direzione gara è stato specificato: “Avendo rivisto ogni filmato da qualunque angolazione ed alla massima risoluzione possibile, i commissari non sono stati in grado di verificare con certezza che la vettura numero 33 abbia tagliato completamente la linea che separa la pit exit dalla pista”.

Una decisione che senza dubbio lascia perplessi, specie considerando come Max sia stato l’unico ad incorrere in una investigazione simile. La scusa della scarsa aderenza, infatti, non può essere utilizzata per giustificare un errore dovuto alla troppa irruenza vista oggi in pista da parte dell’olandese.

“E’ stata una gara difficile ed abbiamo sofferto dall’inizio alla fine. Ad essere onesti è un giorno da dimenticare”, queste le parole di un deluso Verstappen al termine della gara.

Max ha poi spiegato l’episodio che ha determinato il suo risultato finale quando è finito in testacoda mentre si trovava in scia a Sergio Perez.

“Ho provato a seguire Checo ed improvvisamente la macchina mi è partita. Ho cercato di evitare di andare a muro, ma ho spiattellato le gomme”.

Verstappen ha poi parlato di una gara resa frustrante dall’unica traiettoria utilizzabile per riuscire a restare in pista. Secondo l’olandese era impossibile tentare un sorpasso andando sulla parte bagnata e l’unica alternativa era restare in scia senza rischiare. Una motivazione che, francamente, lascia perplessi.

“Purtroppo avevamo la velocità, ma c’era una solo traiettoria da poter sfruttare e quella era già molto scivolosa. E’ una situazione frustrante. Dovevamo aspettare soltanto che chi ci precedeva rientrasse ai box”.

“L’unica cosa che si poteva fare era seguire le altre vetture cercando di sopravvivere. Sicuramente non è stata una grande giornata e spero che non ci ritroveremo mai più in una situazione di pista così scivolosa”.

Max Verstappen, Red Bull Racing, sulla griglia di partenza

Max Verstappen, Red Bull Racing, sulla griglia di partenza
1/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
2/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
3/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
4/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
5/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
6/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
8/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sergio Perez, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
11/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
13/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, e Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
14/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
15/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Kevin Magnussen, Haas VF-20

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Kevin Magnussen, Haas VF-20
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
19/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
20/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Hamilton sette volte re: la forza del talento e della mente

Articolo precedente

Hamilton sette volte re: la forza del talento e della mente

Prossimo Articolo

Perez: "Un altro giro e le intermedie sarebbero esplose"

Perez: "Un altro giro e le intermedie sarebbero esplose"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Turchia
Sotto-evento Gara
Piloti Max Verstappen
Team Red Bull Racing
Autore Marco Di Marco
Video: C'era una volta Sebastian Vettel Prime

Video: C'era una volta Sebastian Vettel

Sebastian Vettel è alle prese con uno degli inizi di stagione più difficili della sua carriera di pilota. Zero punti all'attivo, difficoltà a raggiungere la Q3 ed errori pesanti ne potrebbero minare il prosieguo della carriera...

Podcast, Bobbi: "Non possiamo criticare chi ha sbagliato ieri" Prime

Podcast, Bobbi: "Non possiamo criticare chi ha sbagliato ieri"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna in compagnia di Marco Congiu e del due volte campione del mondo FIA GT e volto di Sky Sport F1 Matteo Bobbi. Max Verstappen conquista la vittoria davanti a Lewis Hamilton e alla McLaren di Lando Norris. Tanti gli errori, ma le condizioni del tracciato erano proibitive

Formula 1
19 apr 2021
Minardi: “Raikkonen e Perez, l’esperienza non conta?” Prime

Minardi: “Raikkonen e Perez, l’esperienza non conta?”

In compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dell'ex Team Principal di Formula 1, Gian Carlo Minardi, andiamo a dare i voti al Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna di F1

Formula 1
19 apr 2021
GP Imola: l'animazione grafica della gara Prime

GP Imola: l'animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere le emozioni del GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna grazie alla nostra esclusiva animazione grafica della corsa

Formula 1
19 apr 2021
Podcast F1: Chinchero analizza il GP dell'Emilia Romagna di Imola Prime

Podcast F1: Chinchero analizza il GP dell'Emilia Romagna di Imola

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast il Gran Premio dell'Emilia Romagna, secondo appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
18 apr 2021
GP dell'Emilia Romagna: la Griglia di Partenza Prime

GP dell'Emilia Romagna: la Griglia di Partenza

Andiamo a scoprire la Griglia di Partenza del Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, seconda prova del Campionato del Mondo 2021 di Formula 1

Formula 1
18 apr 2021
Podcast, Bobbi: "Perez il migliore nella qualifica di Imola" Prime

Podcast, Bobbi: "Perez il migliore nella qualifica di Imola"

Lewis Hamilton conquista la Pole Position numero 99 della carriera, ma a brillare è anche la stella del messicano Sergio Perez, che alla seconda gara in Red Bull riesce ad essere più concreto di Verstappen, terzo. Ad essere ampiamente analizzati sono i diversi stili di guida delle principali coppie piloti, i quali distacchi - Red Bull a parte - sono importanti nel sabato di Imola

Formula 1
17 apr 2021
Piola: "Mercedes in pole, ma la più veloce è la Red Bull" Prime

Piola: "Mercedes in pole, ma la più veloce è la Red Bull"

La qualifica del GP del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna viene conquistata da Lewis Hamilton e dalla Mercedes. Eppure, la Red Bull è teoricamente la vettura più veloce. Andiamo ad analizzare quanto visto nel sabato di Imola in compagnia di Franco Nugnes, direttore di Motorsport.com, e di Giorgio Piola.

Formula 1
17 apr 2021