Max replica a Hamilton: "Non mi ha lasciato spazio!"

L'olandese ha replicato alle accuse del pilota della Mercedes ed ha affermato come il contatto con Lewis sia avvenuto perché il sette volte campione del mondo non gli ha lasciato abbastanza spazio.

Max replica a Hamilton: "Non mi ha lasciato spazio!"

Fernando Alonso l’aveva detto in tempi non sospetti: “Quello tra Max e Lewis a Silverstone non sarà l’unico scontro in pista tra i due in questa stagione”. Come spesso accade, l’asturiano ci ha visto lungo ed oggi, a Monza, la Red Bull numero 33 e la Mercedes numero 44 sono diventate una cosa sola.

Tutto è avvenuto in pochi istanti. Quando Hamilton è uscito dai box, dopo una sosta lenta effettuata in 4,2’’ per montare le Pirelli medie, si è trovato affiancato da un Verstappen furioso per un cambio gomme altrettanto lento.

L’olandese si è messo alla sinistra della Mercedes alla staccata della prima variante, ma Lewis non ha voluto dare spazio a Max per evitare il sorpasso.

Verstappen, però, non ha alzato il piede ed ha continuato a percorrere affiancato ad Hamilton la prima chicane per poi colpire il dissuasore posto sul cordolo e decollare sulla W12 dell’inglese con il risultato che entrambi sono finiti insabbiati nella via di fuga.

Un contatto che farà discutere a lungo e cha ha riacceso la tensione tra i due contendenti per il titolo 2021.

Verstappen, a fine gara, ha commentato con lucidità l’episodio che ha deciso il GP partendo da quel pit lento effettuato al giro 23 che ha poi innescato un effetto dominato sulla gara.

“Fino a quel momento era stata una gara fantastica, poi sono andate storte alcune cose. Sapevamo che saremmo stati molto vicini alla prima variante”.

Se Hamilton ha addebitato l’intera responsabilità del contatto su Verstappen, Max ha invece puntato l’indice sul sette volte iridato accusandolo di non avergli lasciato abbastanza spazio quando sono arrivati affiancati alla prima variante.

“Lui mi ha spinto a sinistra già in frenata. Sono andato all’esterno, ho sterzato, ma lui ha continuato a spingermi. Ad un certo punto non avevo più margine per fare la curva. Lewis mi ha spinto contro il cordolo rialzato ed in quel momento ci siamo toccati. È un peccato che sia accaduto, ma serve la collaborazione di entrambi per affrontare quella curva”.

“Da parte mia penso di aver fatto tutto in modo corretto. Ad ogni modo va bene così, non sono arrabbiato. Sono episodi che fanno parte delle corse. Sono episodi che capitano. Ovviamente non è un incidente normale ma, come detto, serviva la collaborazione di entrambi per affrontare quella curva ed oggi non c’è stata”.

Verstappen ed Hamilton sono stati convocati dai commissari a fine gara per discutere dell’incidente. Max, considerato lo zero in classifica rimediato anche da Lewis, è sembrato accettare il ritiro con una strana serenità…

“I commissari giudicheranno se si sia trattato di un incidente di gara o meno. Alla fine ci siamo ritirati entrambi, ma se qualcuno l’avesse passata liscia sarebbe stato diverso”.

condivisioni
commenti
Ricciardo: "Niente parolacce? Allora dico: era ora!"

Articolo precedente

Ricciardo: "Niente parolacce? Allora dico: era ora!"

Prossimo Articolo

Chinchero: "Il crash? Grande responsabilità di Max"

Chinchero: "Il crash? Grande responsabilità di Max"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021